Giu­lio, 14 an­ni, na­to in Ve­ne­to e sen­za ius soli

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Paolo Co­sta

Chia­mia­mo­lo Giu­lio. No­me di fan­ta­sia in un rac­con­to che di fan­ta­sti­co ha so­lo quan­to ser­ve a pro­teg­ger­ne la pri­va­cy .Giu­lio è na­to 14 an­ni fa nel Ve­ne­to, da ma­dre mon­te­ne­gri­na di Cat­ta­ro, cit­tà non più ve­ne­zia­na so­lo per le biz­zar­rie del­la sto­ria. «Af­fi­da­to» a ge­ni­to­ri ita­lia­ni in te­ne­ra età, Giu­lio è an­da­to a scuo­la in Ita­lia e, co­sa oggi ra­ra, fre­quen­ta una par­roc­chia do­ve un pre­te in­tel­li­gen­te edu­ca un pic­co­lo grup­po di «ita­lia­ni» e di «na­ti in Ita­lia». Giu­lio ti­fa Milan, ma ave­va spe­ra­to che l’Ita­lia (Ju­ven­tus) bat­tes­se la Spa­gna (Real Ma­drid) e con­qui­stas­se la Cham­pion. Giu­lio fre­quen­ta oggi un pre­sti­gio­so li­ceo e con i suoi com­pa­gni do­ve­va an­da­re in gi­ta sco­la­sti­ca in In­ghil­ter­ra. Do­ve­va. Per­ché, no­no­stan­te gli fos­se sta­to as­si­cu­ra­to il con­tra­rio, è sta­to fer­ma­to all’ae­ro­por­to do­ve gli è sta­to spie­ga­to che con il suo pas­sa­por­to mon­te­ne­gri­no, pur in­te­gra­to dal suo per­mes­so di sog­gior­no in Ita­lia, non sa­reb­be po­tu­to en­tra­re in Gran Bre­ta­gna. I suoi com­pa­gni di clas­se ave­va­no pro­te­sta­to per l’«in­giu­sti­zia». Qual­cu­no vo­le­va per­si­no non par­ti­re per so­li­da­rie­tà. Poi, sa­lu­ta­ti i com­pa­gni trat­te­nen­do le lacrime, Giu­lio era tor­na­to a ca­sa, umi­lia­to. Il pa­dre af­fi­da­ta­rio ave­va cer­ca­to di con­so­lar­lo e lo ave­va rab­bo­ni­to spie­gan­do­gli che, for­tu­na­ta­men­te, pre­sto sa­reb­be pas­sa­ta la leg­ge sul­lo ius soli, che lo avreb­be re­so an­che di di­rit­to ugua­le agli al­tri suoi com­pa­gni ed ami­ci. Un prov­ve­di­men­to «giu­sto», gli ave­va spie­ga­to il pa­dre, ma an­che ne­ces­sa­rio in una Ita­lia che per la sua de­mo­gra­fia ri­schia­va di tro­var­si pre­sto con un nu­me­ro di ita­lia­ni­cit­ta­di­ni ri­dot­ti a una so­la fra­zio­ne de­gli ita­lia­ni-re­si­den­ti. Giu­lio non ave­va ca­pi­to fi­no in fon­do le pro­ie­zio­ni Istat mo­stra­te­gli dal pa­dre, ma ave­va in­tui­to che si ri­schia­va di an­da­re ver­so un «apar­theid». Ita­lia­ni cit­ta­di­nii­ta­lia­ni non cit­ta­di­ni, un po’ co­me quel­lo com­bat­tu­to in Ame­ri­ca da Martin Lu­ther King che a scuo­la gli ave­va­no di­pin­to co­me «eroe» dell’uma­ni­tà. Poi, l’al­tro gior­no, Giu­lio ha sa­pu­to che lo ius soli non si fa­rà più. Di­co­no, per il mo­men­to. Ha chie­sto chia­ri­men­ti al pa­dre. Pa­re, ha ca­pi­to Giu­lio, che lui non pos­sa es­se­re ri­co­no­sciu­to co­me l’ita­lia­no che è per­ché al­tri­men­ti tut­te le don­ne in­cin­te in fu­ga dal­la guer­ra in Sud Su­dan an­zi­ché ri­fu­giar­si in Ugan­da -as­sie­me ad al­tri 900.000 con­na­zio­na­liat­tra­ver­se­reb­be­ro mez­za Afri­ca per ve­ni­re in Ita­lia a far na­sce­re i fi­gli at­trat­te dal­lo ius soli. Co­me avran­no sa­pu­to del­lo ius soli dell’Ita­lia in Sud Su­dan? Si è do­man­da­to Giu­lio. Cnn o Bbc Afri­ca? Il pa­dre gli ha an­che spie­ga­to una co­sa che ri­guar­da la mo­di­fi­ca che lo ius soli pro­vo­che­reb­be sul­la pla­tea de­gli elet­to­ri. Non ci ha ca­pi­to mol­to; e poi, pen­sa­va, se so­lo i fi­gli de­gli gli im­mi­gra­ti, quel­li re­go­la­ri ov­via­men­te, sal­ve­ran­no l’Ita­lia dal di­sa­stro de­mo­gra­fi­co an­nun­cia­to, e se si de­ve evi­ta­re il ri­schio di apar­theid, per­ché que­sti non do­vreb­be­ro vo­ta­re? A Giu­lio queste non sem­bra­va­no ra­gio­ni suf­fi­cien­ti. È tor­na­to dal pa­dre che, con qual­che im­ba­raz­zo, ha pro­va­to a spie­gar­gli che, al mo­men­to i suoi pro­ble­mi e quel­li dei tan­ti co­me lui, ita­lia­ni in tut­to sal­vo che per lo Sta­to, non con­ta­no più. Per­ché lo ius soli è di­ven­ta­to una scu­sa, uno scon­tro di po­te­re che stru­men­ta­liz­za il te­ma del­lo sbar­co di im­mi­gra­ti e «che ser­ve ad Al­fa­no per te­ne­re sot­to scac­co Ren­zi, e a Sal­vi­ni per raf­for­za­re la sua can­di­da­tu­ra al­la lea­der­ship del cen­tro de­stra». Giu­lio ha pen­sa­to, per un mo­men­to, che il pa­dre fos­se usci­to di sen­no: stra­par­la­va co­me non lo ave­va mai sen­ti­to fa­re. Che c’en­tra que­sto con lo ius soli? Ma lo ius soli non era, in­si­ste­va Giu­lio, qual­co­sa di si­mi­le a quel­lo che, co­me lui ri­cor­da­va fre­sco di stu­di di sto­ria ro­ma­na, ave­va con­sen­ti­to all’an­ti­ca Ro­ma di di­ven­ta­re gran­de esten­den­do con pru­den­za i di­rit­ti di cit­ta­di­nan­za a mez­zo Me­di­ter­ra­neo? O co­me ave­va leg­giuc­chia­to, in­cu­rio­si­to dal­la sto­ria di Cat­ta­ro luo­go di ori­gi­ne del­la sua fa­mi­glia na­tu­ra­le, qual­co­sa di com­pa­ra­bi­le a quell’ uso sa­pien­te dei di­rit­ti di cit­ta­di­nan­za che ave­va con­sen­ti­to al­la Re­pub­bli­ca di Ve­ne­zia di te­ne­re in­sie­me ve­ne­zia­ni, slo­ve­ni, croa­ti, mon­te­ne­gri­ni, al­ba­ne­si e greci sot­to il ves­sil­lo di San Mar­co? Il pa­dre ti­rò Giu­lio a sé, lo ab­brac­ciò con for­za, ma non sep­pe ri­spon­de­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.