Cor­teo no glo­bal e li­te con la po­li­zia La con­si­glie­ra «ros­sa» di Pa­do­va pri­ma gra­na per il sin­da­co Gior­da­ni

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Politica - Da­vi­de D’At­ti­no

PA­DO­VA Se­con­do mol­ti, e non so­lo tra le fi­la dell’op­po­si­zio­ne, era so­lo questione di tem­po. Nes­su­no pe­rò, nem­me­no tra i più pes­si­mi­sti, po­te­va im­ma­gi­na­re che a di­stan­za di nean­che un me­se dal­la sua ele­zio­ne a sin­da­co di Pa­do­va l’im­pren­di­to­re Sergio Gior­da­ni, so­ste­nu­to dal Pd, dall’in­te­ro cen­tro­si­ni­stra e pu­re da un pez­zo di cen­tro­de­stra, fos­se co­stret­to a fron­teg­gia­re una cer­ta in­quie­tu­di­ne all’in­ter­no del­la sua va­rie­ga­ta mag­gio­ran­za. Gli stra­sci­chi po­le­mi­ci se­gui­ti agli scon­tri di lu­ne­dì se­ra in cen­tro sto­ri­co tra le for­ze dell’or­di­ne e al­cu­ni espo­nen­ti del cen­tro so­cia­le Pe­dro, in con­co­mi­tan­za di una ma­ni­fe­sta­zio­ne di For­za Nuova con­tro lo Ius Soli, so­no in­fat­ti ar­ri­va­ti pun­tua­li. E se gli at­tac­chi da par­te del­la mi­no­ran­za (in pri­mis dell’ex pri­mo cit­ta­di­no le­ghi­sta Mas­si­mo Bi­ton­ci) era­no da met­te­re in pre­ven­ti­vo, lo sfo­go po­sta­to su Fa­ce­book da Da­nie­la Ruffini, espo­nen­te di spic­co di Ri­fon­da­zio­ne Co­mu­ni­sta e con­si­glie­re co­mu­na­le di Coa­li­zio­ne Ci­vi­ca, è in­ve­ce ar­ri­va­to ina­spet­ta­to.

Ruffini, pri­ma as­ses­so­re all’Immigrazione e al­la Ca­sa e poi pre­si­den­te del con­si­glio pa­do­va­no quand’era sin­da­co Flavio Za­no­na­to, era tra i pre­sen­ti, in­sie­me al col­le­ga di grup­po Ste­fa­no Fer­ro, al sit-in an­ta­go­ni­sta di piaz­za In­sur­re­zio­ne che, non appena il pre­si­dio di For­za Nuova in piaz­za An­te­no­re si è tra­sfor­ma­to in un cor­teo, si è mos­so «per im­pe­di­re ai neo­fa­sci­sti di sfi­la­re». E a quel pun­to, tra piaz­za dei Si­gno­ri e piaz­za del­le Er­be, il con­tat­to tra pe­dri­ni e po­li­ziot­ti è sta­to ine­vi­ta­bi­le. «Quel­lo che è suc­ces­so è inac­cet­ta­bi­le – ha scan­di­to Gior­da­ni, do­po aver in­con­tra­to il que­sto­re Gian­fran­co Ber­na­bei, espri­men­do­gli so­li­da­rie­tà per i cin­que agen­ti ri­ma­sti fe­ri­ti – La vio­len­za va con­dan­na­ta sem­pre, da par­te di tut­ti, sen­za se e sen­za ma». Pa­ro­le di net­ta cen­su­ra, ri­pe­tu­te an­che dal suo vi­ce Ar­tu­ro Lo­ren­zo­ni, pro­fes­so­re uni­ver­si­ta­rio e lea­der pro­prio di Coa­li­zio­ne Ci­vi­ca, ol­tre che dal­la gran par­te del­la mag­gio­ran­za. Poi pe­rò, su Fa­ce­book, è com­par­so il po­st di Ruffini, ac­com­pa­gna­to dal te­sto di Bel­la Ciao: «L’obiet­ti­vo del pre­si­dio del Pe­dro, dei Co­bas e di Raz­zi­smo Stop, a cui han­no ade­ri­to pu­re Ri­fon­da­zio­ne Co­mu­ni­sta e al­tre for­ze del­la si­ni­stra, era quel­lo di im­pe­di­re ai neo­fa­sci­sti di por­ta­re in cor­teo per il cen­tro del­la cit­tà i lo­ro lu­gu­bri slo­gan raz­zi­sti con­tro i migranti, i ri­chie­den­ti asi­lo e il di­rit­to al­la cit­ta­di­nan­za dei bim­bi na­ti nel no­stro Pae­se da ge­ni­to­ri stra­nie­ri. For­za Nuova – spie­ga Ruffini – ave­va ot­te­nu­to il per­mes­so per un co­mi­zio e non per una sfi­la­ta. E, per questa ra­gio­ne, il no­stro sit-in si è tra­mu­ta­to in un cor­teo per ri­ba­di­re che, a Pa­do­va, la pre­sen­za dei fo­men­ta­to­ri dell’odio xe­no­fo­bo non è tol­le­ra­ta». Quin­di, il pas­sag­gio più du­ro: «Quel­lo che è ac­ca­du­to – sot­to­li­nea la con­si­glie­ra di Coa­li­zio­ne Ci­vi­ca, ri­fe­ren­do­si agli scon­tri tra pe­dri­ni e for­ze dell’or­di­ne – è il ri­sul­ta­to del­la scel­ta del­la que­stu­ra, che ha per­mes­so che i fa­sci­sti sfi­las­se­ro in cor­teo. Una de­ci­sio­ne inac­cet­ta­bi­le, che non si do­vrà più ri­pe­te­re. E’ ora che le or­ga­niz­za­zio­ni che si ri­chia­ma­no all’ideo­lo­gia na­zi­sta, e ne dif­fon­do­no i ve­le­ni, sia­no mes­se fuo­ri­leg­ge. Vi­va la Re­pub­bli­ca e vi­va la Co­sti­tu­zio­ne, na­te dal­la Re­si­sten­za».

Un’ac­cu­sa, quel­la mos­sa da Ruffini nei con­fron­ti dei ver­ti­ci del­la po­li­zia, che ha in­di­spet­ti­to sia il sin­da­co Gior­da­ni che il vi­ce Lo­ren­zo­ni. I qua­li, pre­fe­ren­do non com­men­ta­re il po­st dell’ex as­ses­so­re, han­no im­po­sto il si­len­zio stam­pa a tut­ti i com­po­nen­ti del­la mag­gio­ran­za. Ma il fuo­co del­le po­le­mi­che, se non al­tro an­co­ra per qual­che gior­no, è de­sti­na­to a restare al­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.