Rob­bie Williams, a Verona show con 250mi­la eu­ro di dan­ni

Rovinato il man­to del­lo sta­dio. «Pa­ga l’or­ga­niz­za­to­re»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Lillo Al­de­ghe­ri Sil­via Ma­ria Du­bois

VERONA Dan­ni per 250mi­la eu­ro al man­to er­bo­so del­lo sta­dio di Verona. È ciò che re­sta del con­cer­to di ve­ner­dì del­la pop­star Rob­bie Williams.

Ieri l’as­ses­so­re al­lo Sport del­la cit­tà, Fi­lip­po Ran­do, ha fat­to il pun­to sul­la si­tua­zio­ne ras­si­cu­ran­do sul fat­to che i la­vo­ri di si­ste­ma­zio­ne so­no già ini­zia­ti: non c’è nes­sun ri­schio di sal­ta­re par­ti­te di Cop­pa Ita­lia e la «ri­pa­ra­zio­ne» la pa­ghe­rà per in­te­ro «Even­ti», la so­cie­tà che ha or­ga­niz­za­to lo show. Nes­su­na cau­sa le­ga­le, nes­su­na bat­ta­glia, quin­di, al­me­no se­con­do il Co­mu­ne.

«A cau­sa­re i dan­ni al man­to er­bo­so, sot­to la cur­va Sud, è sta­ta la struttura pe­san­tis­si­ma del pal­co­sce­ni­co - spie­ga l’as­ses­so­re - ma que­sto si sa­pe­va già in anticipo, è nel­la nor­ma­li­tà del­le co­se».

E chi do­vrà ti­rar fuo­ri quei 250mi­la eu­ro? «La so­cie­tà or­ga­niz­za­tri­ce è re­spon­sa­bi­le e noi sor­ve­glie­re­mo che tut­to sia si­ste­ma­to. C’è un contratto con Even­ti che par­la chia­ro».

L’as­ses­so­re ri­ma­ne con­vin­to che sia giu­sto con­ti­nua­re a te­ne­re gran­di con­cer­ti al Ben­te­go­di: «Lo sta­dio è una col­lo­ca­zio­ne idea­le. Non di­men­ti­chia­mo che lo show di Rob­bie Williams è sta­to un gran­de suc­ces­so an­che per la cit­tà».

Se questa è la po­si­zio­ne del Co­mu­ne, mol­to più cau­ta è quel­la del re­spon­sa­bi­le di Even­ti, Iva­no Mas­si­gnan, se­con­do il qua­le «che ci sia­no del­le con­se­guen­ze su­gli im­pian­ti do­po i con­cer­ti, rien­tra nel­la nor­ma. Ma qui c’è un pro­ble­ma: lo sta­dio di Verona è par­ti­co­la­re, i suoi co­sti di ri­pri­sti­no so­no co­me quel­li del San Si­ro di Milano, tan­to per ca­pir­ci. Si par­la di ci­fre ele­va­te, che adesso an­dre­mo a ve­ri­fi­ca­re con at­ten­zio­ne. Il Ben­te­go­di non è sta­to di­strut­to: e quei dan­ni non so­no ef­fet­to di tra­scu­ra­tez­za da par­te dell’or­ga­niz­za­zio­ne, que­sto dev’es­se­re chia­ro a tut­ti».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.