In mil­le per l’addio eu­ro­peo a Glo­ria La mam­ma: «Ora ve­glia su di noi»

Da Camposampiero a Lon­dra, un uni­co stra­zian­te sa­lu­to. La ma­dre: «Dio ti ha pre­sa, ora ve­glia su di noi»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Emi­lio Ran­don

Ire­sti di Glo­ria Tre­vi­san so­no ce­ne­re nel cie­lo di Lon­dra, per cui la cas­sa è leg­ge­ra, si sol­le­va con due di­ta. Pe­sa po­co, pe­sa nien­te vuo­ta com’è del fu­tu­ro che le è sta­to strap­pa­to e che non ha avu­to il tem­po di vi­ve­re. In un mon­do re­den­to o so­lo più giu­sto an­drem­mo so­lo ai fu­ne­ra­li dei vec­chi, ne ri­cor­de­re­mo la vita; ma co­sa fa­re quan­do è un gio­va­ne che muo­re? È questa la par­te che pe­sa di più, che man­ca nel­la ba­ra e stra­zia, pur con tut­ti sal­mi e il bal­sa­mo che la fe­de spar­ge nel ri­to cri­stia­no.

CAMPOSAMPIERO (PA­DO­VA) I re­sti di Glo­ria Tre­vi­san so­no ce­ne­re nel cie­lo di Lon­dra, per cui la cas­sa è leg­ge­ra, si sol­le­va con due di­ta. Pe­sa po­co, pe­sa nien­te vuo­ta com’è del fu­tu­ro che le è sta­to strap­pa­to e che non ha avu­to il tem­po di vi­ve­re. In un mon­do re­den­to o so­lo più giu­sto an­drem­mo so­lo ai fu­ne­ra­li dei vec­chi, ne ri­cor­de­re­mo la vita; ma co­sa fa­re quan­do è un gio­va­ne che muo­re? È questa la par­te che pe­sa di più, che man­ca nel­la ba­ra e stra­zia, pur con tut­ti sal­mi e il bal­sa­mo che la fe­de spar­ge nel ri­to cri­stia­no per al­le­via­re la so­li­tu­di­ne del do­lo­re an­che nei non cre­den­ti.

Ieri la Chiesa ha ste­so la sua ma­no a con­so­la­re sen­za spie­ga­re, ri­pro­po­nen­do il mi­ste­ro del­la mor­te. Fuo­ri vo­la­va­no i pal­lon­ci­ni bian­chi li­be­ra­ti in cie­lo da­gli ami­ci, den­tro ri­suo­na­va­no an­co­ra le pa­ro­le com­po­ste di mam­ma Ma­nue­la, appena al­te­ra­te dal­la com­mo­zio­ne che al­la fe­de cri­stia­na si af­fi­da­no: «Non di­men­ti-che­re­mo fi­glia mia, dac­ci la for­za di an­da­re avan­ti e sii per noi co­me un an­ge­lo» . Lei e Mar­co era­no an­da­ti a Lon­dra in­sie­me e le fa­mi­glie li avreb­be­ro vo­lu­ti ve­de­re tor­na­re in­sie­me, ma la con­ta­bi­li­tà bri­tan­ni­ca non ha as­si­cu­ra­to un si­mi­le ri­guar­do, dif­fi­col­tà bu­ro­cra­ti­che: ieri, men­tre la gen­te di Camposampiero si strin­ge­va at­tor­no al­la ba­ra di Glo­ria, i re­sti di Mar­co sbar­ca­va­no da un ae­reo a Tes­se­ra, per cui i suoi fu­ne­ra­li si ter­ran­no oggi alle 16,30 a San Sti­no di Li­ven­za, se­pa­ra­ti ep­pu­re uni­ti nel­la stes­sa ispi­ra­zio­ne.

Camposampiero è pic­co­la ri­spet­to alle am­bi­zio­ni di que­sti due ra­gaz­zi mor­ti a Lon­dra, i lo­ro oriz­zon­ti era­no più lun­ghi dei no­stri e le mil­le per­so­ne ra­du­na­te sot­to la vol­ta del­la ba­si­li­ca di San Pie­tro e Paolo ieri non da­va­no la mi­su­ra di chi c’era dav­ve­ro, di quel­lo che si è sen­ti­to e si è det­to al suo in­ter­no, del­le mi­glia­ia e dei mol­tis­si­mi che in In­ghil­ter­ra han­no pian­to in­sie­me por­tan­do fiori e lacrime sul pun­te di To­wer Brid­ge. Di tut­to que­sto è sta­to re­so con­to. Da uno scher­mo mon­ta­to a si­ni­stra dell’altare, un’at­ten­ta e in­tel­li­gen­te re­gia ce l’ha fat­ta ve­de­re la gen­te, lon­di­ne­si e im­mi­gra­ti, cit­ta­di­ni d’Eu­ro­pa e stra­nie­ri che pian­ge­va­no ab­brac­cia­ti ai fe­de­li di Camposampiero, con i lo­ro fiori de­po­sti, i bi­gliet­ti scrit­ti col pen­na­rel­lo, le lacrime e i cuo­ri ai pie­di del­la Gren­fell To­wer. Ma più an­co­ra, a par­lar­ci d’Eu­ro­pa, di tut­to ciò che in Eu­ro­pa han­no la­scia­to Glo­ria e Mar­co è sta­ta la mu­si­ca che ac­com­pa­gna­va le lo­ro im­ma­gi­ni, questa sì de­di­ca­ta e dol­ce co­me una pre­ghie­ra, un go­spel can­ta­to dal grup­po Ar­ti­st for Gren­fell sul­le pa­ro­le di una can­zo­ne di Si­mon e Gar­fun­kel, «Brid­ge Over Tru­bled Wa­ter», «co­me un pon­te sull’ac­qua tem­pe­sto­sa ren­de­rò se­re­ni i tuoi pen­sie­ri» e «ti da­rò con­for­to, pren­de­rò le tue difese quan­do ar­ri­ve­rà l’oscu­ri­tà e il do­lo­re tut­to at­tor­no a te».

Sul­la na­va­ta di si­ni­stra, in pri­ma fi­la, c’era­no il go­ver­na­to­re Lu­ca Za­ia e il vi­ce­pre­fet­to di Pa­do­va, i sin­da­ci di Camposampiero e di San Sti­no, tra la fol­la bril­la­va­no i gal­lo­ni e le di­vi­se dei ca­ra­bi­nie­ri, c’era­no la po­li­zia,le am­bu­lan­ze del­la Cro­ce Ros­sa e quel­li del­la pro­te­zio­ne ci­vi­le qua­si do­ves­se­ro af­fron­ta­re una som­mos­sa o for­se so­lo la lo­ro cat­ti­va co­scien­za. Ma non ce n’era bi­so­gno, nem­me­no Glo­ria e Mar­co - il cui pa­dre era pre­sen­te in chiesa - glie­lo avreb­be­ro mai chie­sto e nem­me­no si sa­reb­be­ro so­gna­ti di im­pu­ta­re a lo­ro la col­pa: era­no cit­ta­di­ni d’Eu­ro­pa, la pri­ma ge­ne­ra­zio­ne for­se a rea­liz­za­re il so­gno di Al­tie­ro Spi­nel­li e Kon­rad Ade­nauer, quel­la che ci cre­de sen­za pia­gni­stei e che ci pro­va pro­prio ora che l’Eu­ro­pa dei Pa­dri asta ca­den­do a pez­zi e fa di tut­to per dar lo­ro tor­to. La lo­ro mor­te, abu­si­va­men­te, è an­da­ta an­che a far par­te di qual­che di­scor­so politico, e nean­che que­sto avreb­be­ro vo­lu­to.

Mam­ma Ema­nue­la, stret­ta al ma­ri­to Lo­ris, non rimprovera nien­te, ma le domande le ha fat­te lo stes­so: «È di­su­ma­no e inac­cet­ta­bi­le mo­ri­re co­sì, a che è ser­vi­to pren­de­re il mas­si­no dei vo­ti se poi... non ho una ri­spo­sta, Lui per un suo sco­po li ha scel­ti e ce li ha pre­si, ma la dol­cez­za dei lo­ro sguar­di ha fat­to il gi­ro del mon­do ed è ac­ca­du­to qual­co­sa di straor­di­na­rio. Non sia­mo soli fi­glia mia, aiu­ta­ci e dac­ci la for­za di la­sciar­ti an­da­re, fa be­ne al cuo­re sa­per­ti un luo­go di luce e di pa­ce, ve­glia su di noi e grazie per l’amo­re che ci hai da­to. A te Mar­co il no­stro in­fi­ni­to ab­brac­cio». Pa­dre Clau­dio Bo­sa ha aper­to le por­te del­la chiesa e Glo­ria è po­tu­ta an­da­re, «ma vi pre­go - ha chie­sto il pre­te - la­scia­te i suoi ge­ni­to­ri che pu­re vor­reb­be­ro ab­brac­ciar­vi ed è co­me l’aves­se­ro fat­to». Chi fos­se Mar­co l’han­no ri­cor­da­to le ami­che Mar­ta e Va­nes­sa: «Era un gran si­gno­re e un gen­ti­luo­mo, lo è sta­to con te Glo­ria fi­no all’ul­ti­mo, pro­teg­gen­do­ti». «Sa­rò for­te co­me voi - ha pro­mes­so Jes­si­ca - ci ri­ve­dre­mo».

È di­su­ma­no e inac­cet­ta­bi­le mo­ri­re co­sì, a che è ser­vi­to pren­de­re il mas­si­no dei vo­ti se poi... non ho una ri­spo­sta, Lui per un suo sco­po li ha scel­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.