Shop­ping cen­ter vi­ci­no al ca­stel­lo In­sor­ge Sgar­bi

Due Car­ra­re, nuo­vo at­tac­co di Sgar­bi: «Ope­ra sba­glia­ta, il sin­da­co si scu­si in gi­noc­chio». E lui lo que­re­la

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - An­ge­la Ti­sbe Cio­cio­la

È scon­tro sul pro­get­to di co­strui­re un cen­tro com­mer­cia­le nel co­mu­ne di Due Car­ra­re, po­co lon­ta­no dal ca­stel­lo del Ca­ta­jo. Se ne di­scu­te da 23 an­ni, du­ris­si­mo il cri­ti­co Vit­to­rio Sgar­bi.

DUE CAR­RA­RE (PA­DO­VA) Sem­bra es­se­re una bat­ta­glia epi­ca tra be­ne e ma­le, quel­la che si sta svol­gen­do da set­ti­ma­ne all’om­bra dei Col­li Eu­ga­nei: da una par­te i di­fen­so­ri di un eden in­con­ta­mi­na­to, dall’al­tra i so­ste­ni­to­ri del pro­gres­so, sot­to for­ma di un nuo­vo mo­stro com­mer­cia­le che ha i con­tor­ni di una ci­mi­nie­ra fu­mo­sa e ma­leo­do­ran­te in sti­le Dic­kens. Ep­pu­re la lot­ta tra i due schie­ra­men­ti, che gior­no do­po gior­no si ar­ric­chi­sce di un par­te­ci­pan­te, ha con­fi­ni mol­to più sfu­ma­ti. Tut­to na­sce in­tor­no a un’area di cir­ca 160mi­la me­tri qua­dra­ti nel Co­mu­ne di Due Car­ra­re, po­co lon­ta­no dall’usci­ta del ca­sel­lo au­to­stra­da­le dell’A13 e, so­prat­tut­to, dal ca­stel­lo del Ca­ta­jo, do­ve do­vreb­be sor­ge­re il più gran­de cen­tro com­mer­cia­le del­la pro­vin­cia.

Un pro­get­to di cui si di­scu­te da 23 an­ni ma che, do­po l’op­po­si­zio­ne de­gli scor­si an­ni del­la So­prin­ten­den­za, si è ri­pre­sen­ta­to nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne, quan­do la De­da Srl, so­cie­tà pro­prie­ta­ria dell’area, ha pre­sen­ta­to nel Mu­ni­ci­pio di Due Car­ra­re un nuo­vo pro­get­to, di­ver­so da quel­lo che cir­co­la­va ot­to an­ni fa, idea­to dal­lo stu­dio L35 di Bar­cel­lo­na, lo stes­so che ha ri­strut­tu­ra­to lo sta­dio San­tia­go Ber­na­beu di Ma­drid. Una strut­tu­ra a due pia­ni, per un to­ta­le cal­pe­sta­bi­le di cir­ca 64mi­la me­tri qua­dra­ti. Il pri­mo a scen­de­re in cam­po è sta­to il pro­prie­ta­rio del Ca­ta­jo, Ser­gio Cer­vel­lin, im­pren­di­to­re fa­mo­so per aver bre­vet­ta­to il «Mo­cio Vi­le­da» che, do­po aver ri­mes­so a nuo­vo il ca­stel­let­to sui col­li di Bat­ta­glia Ter­me, lo ha aper­to al pub­bli­co. L’idea di ave­re un cen­tro com­mer­cia­le a due pas­si dai suoi af­fre­schi sei­cen­te­schi, dal­le ter­raz­ze con vi­sta sui Col­li e dai la­bi­rin­ti del giar­di­no all’ita­lia­na lo ha fat­to inor­ri­di­re. «Se apre il cen­tro, io chiu­do il Ca­ta­jo», ave­va pro­mes­so.

Ac­can­to a lui si so­no schie­ra­ti i rap­pre­sen­tan­ti del­le as­so­cia­zio­ni di ca­te­go­ria, dall’Ascom a Con­fe­ser­cen­ti, che lu­ne­dì se­ra sfi­le­ran­no con i co­mi­ta­ti pro-Ca­ta­jo in una fiac­co­la­ta, pre­oc­cu­pa­ti per l’im­pat­to che un ag­glo­me­ra­to di ne­go­zi, ap­par­te­nen­ti per lo più a ca­te­ne, po­treb­be ave­re sul­la già pro­va­ta eco­no­mia lo­ca­le . Schiac­cia­ti da­gli scon­ti e dall’at­trat­ti­va del­la no­vi­tà of­fer­ta dal nuo­vo cen­tro, il pro­get­to avreb­be por­ta­to al­la mor­te non so­lo i ne­go­zian­ti dei Col­li, ma an­che quel­li di gran par­te del­la pro­vin­cia di Pa­do­va. Il sin­da­co di Due Car­ra­re, Da­vi­de Mo­ro, as­sa­li­to da più fron­ti, ave­va cer­ca­to di spie­ga­re di non po­ter fa­re mol­to per bloc­ca­re un pro­get­to già av­via­to, ep­pu­re si era di­mo­stra­to aper­to al­la pos­si­bi­li­tà di fa­re un pas­so in­die­tro nel ca­so in cui si fos­se tro­va­to un esca­mo­ta­ge per evi­ta­re che pe­na­li pe­san­ti ri­ca­des­se­ro sul suo Co­mu­ne in ca­so di un bloc­co del pro­get­to. A get­ta­re ul­te­rio­re ben­zi­na sul fuo­co ci ha pen­sa­to nei gior­ni scor­si Vit­to­rio Sgar­bi. Il cri­ti­co d’ar­te, fa­mo­so per i suoi modi quan­to­me­no ru­di, si è sca­glia­to in un video pub­bli­ca­to su Fa­ce­book con­tro il sin­da­co Mo­ro. «So­lo men­ti ma­la­te e per­ver­se pos­so­no pen­sa­re di con­ta­mi­na­re un luo­go su­bli­me con un cen­tro com­mer­cia­le da 32mi­la me­tri qua­dra­ti — ave­va tuo­na­to —. Ver­go­gna­ti sin­da­co, vuoi far di­ven­ta­re il tuo pae­se Las Ve­gas». L’in­ter­ven­to di fuo­co di Sgar­bi non è sta­to pe­rò ac­col­to be­ne dal sin­da­co di Due Car­ra­re che, an­zi, ha an­nun­cia­to una que­re­la nei con­fron­ti dell’esper­to di ar­te. No­no­stan­te que­sto, ie­ri Sgar­bi ha con­ti­nua­to ad ac­cen­de­re la po­le­mi­ca con un nuo­vo video, ali­men­tan­do an­co­ra una cor­ri­spon­den­za di po­co amo­ro­si sen­si. «Per­ché non sei an­co­ra ve­nu­to in gi­noc­chio a dir­mi che hai sba­glia­to? — ha chie­sto an­co­ra una vol­ta a Mo­ro — Mi co­strin­ge­rai a fa­re il sin­da­co di Due Car­ra­re. No­no­stan­te tut­ti ti stia­no di­cen­do che hai sba­glia­to e che sei co­me ma­fia ca­pi­ta­le (che poi si sco­pri­rà che ma­fia non è ma che è fa­re gli in­te­res­si di un pri­va­to pur es­sen­do am­mi­ni­stra­to­re pub­bli­co), an­co­ra non sei ve­nu­to in gi­noc­chio da me». Sgar­bi, poi ha an­nun­cia­to di aver in­for­ma­to sia la So­prin­ten­den­za sia Lu­ca Za­ia del­la vi­cen­da, chie­den­do lo­ro di in­ter­ve­ni­re in di­fe­sa del Ca­ta­jo. Ep­pu­re la Re­gio­ne po­trà fa­re po­co in pro­po­si­to. «È il Co­mu­ne l’ele­men­to de­ter­mi­nan­te — ha chia­ri­to Ro­ber­to Mar­ca­to, as­ses­so­re al­lo svi­lup­po eco­no­mi­co —. Una vol­ta che il Mu­ni­ci­pio de­ci­de, la pal­la pas­sa al­la Com­mis­sio­ne im­pat­to am­bien­ta­le pro­vin­cia­le e, so­lo in­fi­ne, in Re­gio­ne. Ma se la pro­ce­du­ra è in or­di­ne, le car­te so­no a po­sto, non pos­sia­mo noi dir­ci con­tra­ri so­lo per mo­ti­vi fi­lo­so­fi­ci. Ci sa­reb­be, piut­to­sto, da fa­re una ri­fles­sio­ne a mon­te sul sen­so og­gi dei gran­di cen­tri com­mer­cia­li».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.