«Ma­ria non de­nun­ciò per pro­teg­ge­re il fi­glio»

Lo stra­zio del­le so­rel­le del­la don­na uc­ci­sa a Mu­si­le: «An­to­nio, un vio­len­to. Mi­nac­ciò che avreb­be uc­ci­so il bim­bo» La mi­glio­re ami­ca: «Lei dis­se: se mi ac­ca­de qual­co­sa, dì ai ca­ra­bi­nie­ri che le pro­ve con­tro di lui so­no nel te­le­fo­ni­no»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - An­drea Prian­te © RIPRODUZIONE RISERVATA

NOVENTA DI PIA­VE (VE­NE­ZIA) «Era ge­lo­so di lei. Di quel­lo che era riu­sci­ta a rea­liz­za­re. Per­ché Ma­riar­ca era una ra­gaz­za in gam­ba, per­ché ave­va un la­vo­ro, era in­di­pen­den­te, e ama­va i suoi fi­gli. Lei era las­sù. E in­ve­ce la vi­ta di An­to­nio era ri­ma­sta nel po­sto che me­ri­ta­va: in bas­so, senza riu­sci­re a co­strui­re mai nien­te di buo­no».

An­na Men­nel­la par­la senza qua­si pren­de­re fia­to, e ogni tan­to lan­cia un’oc­chia­ta al­le sue so­rel­le, co­me per cer­ca­re da lo­ro la for­za ne­ces­sa­ria a non crol­la­re. Era­no in sei. So­no ri­ma­ste in cin­que. As­sun­ta an­nui­sce, rin­ca­ra: «Quan­do era­no spo­sa­ti, lui non pa­ga­va l’af­fit­to, la tra­scu­ra­va. Pen­sa­va so­lo a dro­gar­si».

So­no ar­ri­va­te tut­te in­sie­me da Tor­re del Gre­co, ap­pe­na han­no sa­pu­to. Il tem­po di par­la­re con i ca­ra­bi­nie­ri, per ca­pi­re qual­co­sa di più. Poi, non sa­pen­do do­ve an­da­re, ie­ri mat­ti­na si so­no ri­tro­va­te qua­si per ca­so all’ou­tlet di Noventa di Pia­ve, di fron­te al­la ve­tri­na del ne­go­zio «Ugo Co­lel­la» in cui la­vo­ra­va Ma­ria Ar­chet­ta Men­nel­la, «Ma­riar­ca», co­me la chia­ma­va­no tut­ti.

«Quell’uo­mo de­ve pa­ga­re per ciò che ha fat­to». Lo ri­pe­to­no co­me un man­tra, le so­rel­le del­la com­mes­sa di 38 an­ni che all’al­ba di do­me­ni­ca è sta­ta am­maz­za­ta a col­tel­la­te dall’ex ma­ri­to, il piz­za­io­lo An­to­nio Ascio­ne, na­po­le­ta­no di 44 an­ni. Lui l’ha col­pi­ta nel let­to del pic­co­lo ap­par­ta­men­to in cui la don­na abi­ta­va, a Mu­si­le di Pia­ve. Poi si è cam­bia­to gli abi­ti spor­chi di san­gue e ha chia­ma­to i ca­ra­bi­nie­ri. «Ve­ni­te a pren­der­mi: ho uc­ci­so la mia ex mo­glie».

Le so­rel­le rac­con­ta­no di un pas­sa­to di mal­trat­ta­men­ti. «Le vio­len­ze an­da­va­no avan­ti da an­ni, lei ha cam­bia­to quat­tro ca­se ma lui la in­se­gui­va sem­pre...», spie­ga An­na. Poi la de­ci­sio­ne: Ma­riar­ca si era se­pa­ra­ta, por­tan­do con sé i bam­bi­ni: il più pic­co­lo che og­gi ha 9 an­ni («E an­co­ra non gli ab­bia­mo det­to che la mam­ma è mor­ta»), e la più gran­de, di 14. I con­tat­ti tra i due ex co­niu­gi pe­rò non si era­no mai in­ter­rot­ti del tut­to, nep­pu­re quan­do lei ave­va de­ci­so di tra­sfe­rir­si nel Ve­ne­zia­no, pri­ma a Noventa e, so­lo da po­co, in quell’ap­par­ta­men­to al se­con­do pia­no di un con­do­mi­nio di Mu­si­le.

Ascio­ne non vo­le­va quel­la rot­tu­ra, pre­ten­de­va che gli ri­ma­nes­se ac­can­to. E quan­do an­che lui ave­va de­ci­so di tra­sfe­rir­si in Ve­ne­to (ave­va tro­va­to la­vo­ro in una piz­ze­ria di Je­so­lo), lei non si era op­po­sta. «Non vo­le­va im­pe­dir­gli di ve­de­re i suoi fi­gli - spie­ga As­sun­ta - ma era sta­ta chia­ra: ti tro­vi un’oc­cu­pa­zio­ne e una ca­sa. In­ve­ce le mi­nac­ce so­no ri­co­min­cia­te...».

L’uo­mo non ac­cet­ta­va che la sua ex mo­glie fos­se riu­sci­ta a ri­co­struir­si una vi­ta. «La scor­sa set­ti­ma­na le ha pun­ta­to un col­tel­lo al­la go­la», rac­con­ta­no. Ep­pu­re Ma­riar­ca non l’ave­va mai de­nun­cia­to. «Per pau­ra», ta­glia cor­to An­na. «Ave­va mi­nac­cia­to di fa­re del ma­le al fi­glio più pic­co­lo. Per que­sto lei non era an­da­ta dai ca­ra­bi­nie­ri: per pro­teg­ge­re il lo­ro bam­bi­no».

Co­sa ci fa­ces­se An­to­nio Ascio­ne in quel­la ca­sa, non se lo san­no spie­ga­re nep­pu­re le so­rel­le del­la vit­ti­ma. Lui ha spie­ga­to ai ca­ra­bi­nie­ri di es­se­re sta­to ospi­te dell’ex mo­glie, la­scian­do in­ten­de­re che tra lo­ro ci fos­se sta­to un riav­vi­ci­na­men­to. Gli in­ve­sti­ga­to­ri non lo esclu­do­no, ma la mi­glio­re ami­ca di Ma­riar­ca è net­ta: «È im­pos­si­bi­le, non l’avreb­be mai ospi­ta­to in ca­sa, per­ché era ter­ro­riz­za­ta».

Si chia­ma Im­ma Sol e ge­sti­sce il pun­to ven­di­ta in cui la­vo­ra­va la vit­ti­ma. «Mi par­la­va di que­sto suo ex ma­ri­to co­me di una per­so­na vio­len­ta - spie­ga . L’ave­vo co­no­sciu­to: sem­bra­va in­no­cuo, nep­pu­re tan­to for­te fi­si­ca­men­te. E in­ve­ce era un mo­stro: non vo­le­va che la­vo­ras­se, pre­ten­de­va che Ma­riar­ca ri­ma­nes­se sem­pre a ca­sa, che non in­con­tras­se altre per­so­ne. Con il pas­sa­re dei me­si si fa­ce­va sem­pre più in­si­sten­te e nel­le ul­ti­me due set­ti­ma­ne la chia­ma­va con­ti­nua­men­te in ne­go­zio, per mi­nac­ciar­la. Le suo­na­va il cel­lu­la­re e lei usci­va al­cu­ni mi­nu­ti, cer­ca­va di cal­mar­lo, li­ti­ga­va­no. Quan­do tor­na­va, era sem­pre scon­vol­ta».

L’ami­ca non si dà pa­ce. «Non so­no sta­ta in gra­do di di­fen­der­la», ri­pe­te. Di certo, c’è che la tren­tot­ten­ne sa­pe­va fi­no a che pun­to po­te­va spin­ger­si la fu­ria di Ascio­ne. «Quin­di­ci gior­ni fa Ma­riar­ca mi ha pre­sa in di­spar­te - rac­con­ta Im­ma - e mi ha det­to una co­sa che non di­men­ti­che­rò mai: “Se mi ac­ca­de qual­co­sa, vai dai ca­ra­bi­nie­ri. Dì lo­ro che sul mio cel­lu­la­re c’è tut­to ciò di cui han­no bi­so­gno, per­ché io sto re­gi­stran­do quel­lo che An­to­nio mi di­ce”. Non l’ave­vo mai vi­sta co­sì spa­ven­ta­ta». La ne­go­zian­te ha ri­pe­tu­to la stes­sa co­sa agli in­ve­sti­ga­to­ri che in­da­ga­no sul delitto e ora quel te­le­fo­ni­no è nel­le lo­ro ma­ni.

Ma co­sa può aver sca­te­na­to la fu­ria dell’omi­ci­da? «Ma­riar­ca non ave­va altre re­la­zio­ni: di­ce­va che gli uo­mi­ni le fa­ce­va­no pau­ra». E al­lo­ra, for­se, l’uni­ca spie­ga­zio­ne sta in quel­lo che di­co­no le so­rel­le del­la don­na: «An­to­nio è un uo­mo or­ri­bi­le, egoi­sta, che non ac­cet­ta­va di ve­de­re il pro­prio fal­li­men­to ri­fles­so nel­la fe­li­ci­tà del­la sua ex mo­glie».

Og­gi in car­ce­re a Ve­ne­zia si svol­ge­rà l’in­ter­ro­ga­to­rio di con­va­li­da dell’uo­mo, ar­re­sta­to con l’ac­cu­sa di omi­ci­dio vo­lon­ta­rio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.