Si fin­go­no ami­ci ma so­no la­dri Ra­pi­na a Cer­voi

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Belluno - A.Zuc. © RIPRODUZIONE RISERVATA

BEL­LU­NO «Di­ce­va­no di co­no­sce­re la fa­mi­glia di mio fi­glio, di es­se­re ve­nu­ti a Cir­voi da Bel­lu­no e di es­se­re in at­te­sa di un lo­ro ami­co - spie­ga la vit­ti­ma – Io, che ten­go sem­pre la porta chiu­sa, li ho vi­sti ac­cal­da­ti e li ho fat­ti en­tra­re». Le­ga­ta, mi­nac­cia­ta e de­ru­ba­ta da due gio­va­ni mal­vi­ven­ti che le era­no en­tra­ti in ca­sa di­cen­do di co­no­sce­re la sua fa­mi­glia: se l’è vi­sta brut­ta la 65en­ne Al­ba Bu­so, che sa­ba­to po­co pri­ma del­le 19 è sta­ta ra­pi­na­ta nel­la ca­sa di Cir­voi in cui vi­ve da so­la. I due de­lin­quen­ti, che si so­no pre­sen­ta­ti a vol­to sco­per­to a ca­sa del­la don­na, co­no­sce­va­no al­cu­ni par­ti­co­la­ri del­la sua vi­ta fa­mi­glia­re e sa­pe­va­no dell’esi­sten­za di una cas­sa­for­te in cui spe­ra­va­no di tro­va­re al­me­no 20 mi­la eu­ro. I due gio­va­ni so­no en­tra­ti in ca­sa con una scu­sa, chie­den­do in­for­ma­zio­ni su una ra­gaz­za che la si­gno­ra Bu­so co­no­sce be­ne e che i mal­vi­ven­ti di­ce­va­no di aver per­so di vi­sta. Lì si è con­su­ma­ta una nor­ma­le con­ver­sa­zio­ne. I due gio­va­ni han­no be­vu­to dell’ac­qua, poi so­no sta­ri ac­com­pa­gna­ti al­la porta dal­la 65 en­ne, che sa­reb­be do­vu­ta an­da­re a mes­sa. «A quel pun­to, uno mi ha pre­so per le ma­ni e mi ha tap­pa­to la boc­ca chie­den­do­mi i sol­di – rac­con­ta la don­na - Ho mo­stra­to la bor­sa, ma lo­ro vo­le­va­no ar­ri­va­re al­la cas­sa­for­te. Sia­mo an­da­ti in ca­me­ra, ho con­se­gna­to le chia­vi e uno di lo­ro ha pre­so un col­tel­lo, an­che se non me l’ha pun­ta­to ad­dos­so. Mi han­no le­ga­ta tra il let­to e una se­dia (con del­le fa­scet­te da elet­tri­ci­sta, Ndr) e im­ba­va­glia­ta con lo scot­ch». Chie­de­va­no di «ti­rar fuo­ri i 20 mi­la eu­ro», ma se ne so­no an­da­ti con un bot­ti­no di cir­ca 1.500 eu­ro più al­cu­ni gio­iel­li. In cu­ci­na, rac­con­ta la don­na, era­no a vol­to sco­per­to e ma­ni nu­de, men­tre al pia­no di so­pra in­dos­sa­va­no i guan­ti e uno di lo­ro ha mes­so il pas­sa­mon­ta­gna. Quan­do se ne so­no an­da­ti, Al­ba Bu­so è riu­sci­ta a li­be­rar­si: «Ho strap­pa­to le fa­scet­te dal­le ma­ni, poi ho tol­to quel­le ai pie­di – ri­cor­da – Poi so­no sce­sa in stra­da e i vi­ci­ni han­no chia­ma­to la Po­li­zia». Sul ca­so in­da­ga la Squa­dra Mo­bi­le. In­tan­to, ora in ca­sa con la 65 en­ne c’è un gros­so ca­ne: «Non è mio, me l’han­no por­ta­to qui, ma con lui mi sen­to più al si­cu­ro – spie­ga – La pri­ma not­te do­po la ra­pi­na so­no an­da­ta a dor­mi­re da mio fi­glio».

La vit­ti­ma Al­ba Bu­so mo­stra le ma­net­te con cui è sta­ta bloc­ca­ta la not­te tra sa­ba­to e dom­ni­ca (Zan­fron)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.