«La sua non è vi­ta lo Sta­to la­sci mo­ri­re mia fi­glia»

L’ap­pel­lo del pa­dre di Eli­sa, in sta­to ve­ge­ta­ti­vo

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Ber­ta­si

«So­no qua­si 12 an­ni che Eli­sa è co­sì. Non è più vi­ta, è il nul­la: lo Sta­to de­ve fa­re qual- co­sa per li­be­ra­re que­ste per­so­ne». A Me­stre un nuo­vo ca­so En­gla­ro. A vi­ver­lo è il pa­dre di una don­na (og­gi ha 46 an­ni) in sta­to ve­ge­ta­le do­po un in­ci- den­te.

ME­STRE Han­no in co­mu­ne il no­me, Giu­sep­pe, e una sto­ria dram­ma­ti­ca di quel­le «in­com­pren­si­bi­li se non si vi­ve in pri­ma per­so­na la si­tua­zio­ne». Lo ha ur­la­to per an­ni il pa­dre di Eluana En­gla­ro, Giu­sep­pe, e og­gi lo di­ce, pa­ca­ta­men­te, un al­tro Giu­sep­pe, di co­gno­me P., che gli ami­ci chia­ma­no Pi­no, ha 70 an­ni e vi­ve a Me­stre.

Sua fi­glia Eli­sa, og­gi, è una don­na di 46 an­ni ma ne­gli ul­ti­mi do­di­ci non ha vis­su­to una vi­ta nor­ma­le, non ha mai po­tu­to la­vo­ra­re, non si è spo­sa­ta – se mai l’aves­se vo­lu­to – né ha avu­to fi­gli: da quan­do ha 35 an­ni si tro­va in uno sta­to ve­ge­ta­ti­vo per­si­sten­te, os­sia ir­re­ver­si­bi­le, ed è te­nu­ta in vi­ta, pres­so l’An­ti­ca Scuo­la San­ta Ma­ria dei Bat­tu­ti di Me­stre, con un son­di­no che l’ali­men­ta e una can­nu­la che le per­met­te di re­spi­ra­re.

«So­no qua­si do­di­ci an­ni che è co­sì, la sua con­di­zio­ne è sta­ta con­cla­ma­ta tre an­ni do­po l’in­ci­den­te. Non è più vi­ta, è sof­fe­ren­za, è il nul­la: lo Sta­to de­ve fa­re qual­co­sa per li­be­ra­re que­ste per­so­ne».

Era il 2006 quand’è ini­zia­to tut­to. Era mez­za­not­te ed Eli­sa sta­va tor­nan­do a ca­sa da Pa­do­va con il suo ra­gaz­zo, lui era al­la gui­da (per il do­lo­re, qual­che me­se do­po si è sui­ci­da­to) e un col­po di son­no è sta­to fa­ta­le: l’au­to si è schian­ta­ta su un guar­drail, l’al­lo­ra tren­ta­cin­quen­ne ha sbat­tu­to la te­sta e la sua sca­to­la cra­ni­ca è fi­ni­ta in mil­le pez­zi. L’in­ter­ven­to dei me­di­ci è sta­to im­me­dia­to ma c’era po­co da fa­re, la don­na ave­va per­so par­ti di cer­vel­lo e ca­lot­ta.

Per sua fi­glia non c’è al­cu­na spe­ran­za?

«No, nes­su­na. Vede, ci si abi­tua al do­lo­re, lo si rie­sce a sop­por­ta­re ma le per­so­ne che so­no nel­la si­tua­zio­ne di Eli­sa pos­so­no so­lo sta­re ma­le. Che ci sia un gior­na­ta di so­le o di piog­gia, che ne­vi­chi, che sia not­te o gior­no, lo­ro non lo ve­do­no, non san­no nul­la. Mia fi­glia è a let­to, e co­me lei ci so­no tan­tis­si­me per­so­ne, è sem­pre nar­co­tiz­za­ta: è ter­ri­bi­le. Non lo au­gu­ro a nes­su­no ma se non si pro­va­no que­ste si­tua­zio­ni, se non le si vi­vo­no, non se ne com­pren­de il dram­ma».

In fa­mi­glia ave­va­te mai par­la­to di co­sa avreb­be vo­lu­to Eli­sa in ca­so di gra­ve in­ci­den­te o ma­lat­tia?

«Ades­so si par­la di te­sta­men­to bio­lo­gi­co, all’epo­ca non se ne di­scu­te­va. Non era ar­go­men­to di con­ver­sa­zio­ne. Ma chiun­que, se ve­des­se la si­tua­zio­ne, non vor­reb­be che pro­se­guis­se, vor­reb­be che fi­nis­se que­sta con­di­zio­ne. Pur­trop­po an­che se og­gi si af­fron­ta il te­ma del fi­ne vi­ta e c’è una leg­ge in di­scus­sio­ne, si par­la sem­pre e so­lo di per­so­ne co­scien­ti. Eli­sa e le al­tre un­di­ci co­me lei che sof­fro­no nel Ve­ne­zia­no non pos­so­no dir­ci co­sa vor­reb­be­ro, io so­no il suo am­mi­ni­stra­to­re di so­ste­gno e c’è un giu­di­ce tu­te­la­re per ogni de­ci­sio­ne».

Lei co­sa vor­reb­be? Che fos­se la­scia­ta mo­ri­re?

«Vor­rei che ve­nis­se fat­ta una leg­ge, che ci fos­se com­pren­sio­ne per que­ste con­di­zio­ni dram-

Nes­su­na spe­ran­za Che ci sia una gior­na­ta di so­le o di piog­gia lo­ro non lo ve­do­no, non san­no nul­la Ci pen­si lo Sta­to Mi ha chia­ma­to l’as­so­cia­zio­ne Co­scio­ni, ma non cre­do deb­ba in­ter­ve­ni­re un pri­va­to Av­vo­ca­ti So­no an­da­to a Udi­ne, dall’av­vo­ca­to che se­guì il ca­so En­gla­ro. Mi han­no det­to di por­tar­la a ca­sa

ma­ti­che, che non so­no vi­ta. Ma guar­di co­me fu at­tac­ca­to En­gla­ro. Io non vo­glio far­ne una bat­ta­glia per­so­na­le, non è mia fi­glia il pro­ble­ma, è al­tro. La si­gno­ra con cui è in stan­za Eli­sa ha 68 an­ni ed è co­sì da 17. Di re­cen­te Eli­sa ha avu­to una bron­co­pol­mo­ni­te e l’han­no tra­sfe­ri­ta e cu­ra­ta per tre set­ti­ma­ne al Po­li­cli­ni­co San Mar­co ma Eli­sa non è que­sto. Mia fi­glia era bel­la, ar­gu­ta, pia­ce­vo­le. Spie­ga­re con le pa­ro­le non ba­sta, bi­so­gna ve­de­re per ca­pi­re per­ché par­lo co­sì».

Si è ri­vol­to a qual­cu­no per ca­pi­re co­sa po­treb­be fa­re?

«Sì, so­no an­da­to a Udi­ne al­lo stu­dio le­ga­le che se­guì il ca­so En­gla­ro».

Che le ha det­to?

«Di por­ta­re a ca­sa Eli­sa, che avreb­be po­tu­to met­ter­mi in con­tat­to con la cli­ni­ca che si oc­cu­pò di Eluana. L’av­vo­ca­to mi ha spie­ga­to che do­po la mor­te di En­gla­ro le nor­me so­no sta­te ir­ri­gi­di­te e, ora, ali­men­ta­zio­ne e idra­ta­zio­ne non so­no più con­si­de­ra­te ac­ca­ni­men­to te­ra­peu­ti­co. Lui, ci fos­se­ro an­che po­chis­si­me chan­ce, mi aiu­te­reb­be, por­te­reb­be il ca­so in tri­bu­na­le. Pur­trop­po, nel­la no­stra si­tua­zio­ne, la cau­sa non tie­ne e ap­pun­to mi ha sug­ge­ri­to di por­ta­la a ca­sa».

Lo fa­rà?

«No, non vo­glio. A par­te che do­vrei at­trez­za­re una stan­za. Ma non è que­sto il nodo, per for­tu­na non mi man­ca­no i sol­di e già sup­por­to eco­no­mi­ca­men­te, ci so­no le ba­dan­ti che mi aiu­ta­no ad oc­cu­par­mi di mia fi­glia. La que­stio­ne è co­mun­que un’al­tra».

Cioè?

«Vor­rei che non si do­ves­se ar­ri­va­re a so­lu­zio­ni estre­me. Og­gi (ie­ri, ndr) so­no sta­to con­tat­ta­to dall’as­so­cia­zio­ne Lu­ca Co­scio­ni ma ri­ten­go che non sia giu­sto do­ver ar­ri­va­re a ri­vol­ger­si ad un’as­so­cia­zio­ne o a ri­cor­re­re a scor­cia­to­ie. Se por­tas­si Eli­sa a ca­sa, con il con­sen­so del giu­di­ce... Beh, tut­ti san­no co­sa suc­ce­de quan­do un pa­zien­te nel­le con­di­zio­ni di mia fi­glia vie­ne por­ta­to a ca­sa. E tut­ti fan­no fin­ta di non sa­pe­re, le pa­re giu­sto? Il pro­ble­ma di chi si tro­va in sta­to ve­ge­ta­ti­vo non vie­ne mai af­fron­ta­to. Mai. Nem­me­no og­gi che il di­bat­ti­to sul te­sta­men­to bio­lo­gi­co è aper­to. Io so­no una for­mi­ca in que­sta vi­cen­da. E co­me me, ma so­prat­tut­to co­me Eli­sa, ci so­no tan­te per­so­ne: de­ve es­ser­ci un in­ter­ven­to del­lo Sta­to».

I me­di­ci che le di­co­no?

«Se par­lo del pro­ble­ma, mi dan­no ra­gio­ne. E ba­sta. Non di­co­no al­tro, se non: ha ra­gio­ne».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.