«Pur­trop­po le so­lu­zio­ni non ar­ri­va­no mai dall’al­to»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Ro­ber­ta Po­le­se

«Nes­su­no so­sti­tui­sce le fa­mi­glie in que­ste bat­ta­glie, le so­lu­zio­ni non ar­ri­va­no mai dall’al­to, ca­pi­sco il do­lo­re del pa­dre di Eli­sa». Bep­pi­no En­gla­ro ri­per­cor­re le guer­re le­ga­li per stac­ca­re la spi­na a sua fi­glia Eluana, che per 17 an­ni è sta­ta in co­ma ve­ge­ta­ti­vo. Eluana è mor­ta nel 2009 do­po una sen­ten­za del­la Cor­te d’Ap­pel­lo di Mi­la­no che ha au­to­riz­za­to lo stop all’ali­men­ta­zio­ne.

VE­NE­ZIA La sua bat­ta­glia le­ga­le è sta­ta lun­ga ed este­nuan­te ma al­la fi­ne ha vin­to: il 9 feb­bra­io 2009 Bep­pi­no è riu­sci­to a la­sciar an­da­re sua fi­glia Eluana in co­ma da 17 an­ni. La sua sto­ria ha co­sì pro­fon­da­men­te se­gna­to il de­sti­no di ma­la­ti in sta­to ve­ge­ta­ti­vo, che il suo co­gno­me è di­ven­ta­to em­ble­ma di una bat­ta­glia. «Un nuo­vo ca­so En­gla­ro» emer­ge ogni vol­ta che per un ma­la­to in co­ma si po­ne il pro­ble­ma del «fi­ne vi­ta». Bep­pi­no e la sua fa­mi­glia han­no as­si­sti­to per 17 an­ni la lo­ro fi­glia Eluana, vit­ti­ma di un in­ci­den­te che l’ha por­ta­ta in un let­to, in­co­scien­ze, in­ca­pa­ce di sen­ti­re, ve­de­re, co­mu­ni­ca­re e man­gia­re. La don­na era sta­ta ali­men­ta­ta e idra­ta­ta con del­le son­de. Bep­pi­no ha af­fron­ta­to an­ni di bat­ta­glie e al­la fi­ne, do­po ri­cor­si e rin­vii del­la Cas­sa­zio­ne, la Cor­te d’Ap­pel­lo di Mi­la­no lo ha au­to­riz­za­to a smet­te­re di ali­men­ta­re la fi­glia per la «man­can­za del­la ben­ché mi­ni­ma pos­si­bi­li­tà di un qual­che, sia pu­re fle­bi­le, re­cu­pe­ro del­la co­scien­za e di ri­tor­no ad una per­ce­zio­ne del mon­do ester­no».

Si­gnor En­gla­ro, il suo ca­so è or­mai sto­ri­co, ma il pa­dre di Eli­sa vuo­le che sia lo Sta­to a de­ci­de­re.

«Mi di­spia­ce mol­to per quel­la fa­mi­glia, spes­so mi chie­do­no con­si­gli ma su que­ste co­se non do con­si­gli a nes­su­no, di­co so­lo che ci so­no bat­ta­glie che nes­su­no con­du­ce al po­sto del­le fa­mi­glie, una de­ci­sio­ne dall’al­to non ar­ri­va, non ci so­no me­di­ci, non ci so­no giu­di­ci, non c’è nes­su­no che si muo­ve se non c'è qual­cu­no che in­ne­sca la di­scus­sio­ne».

Ep­pu­re il pa­pà di Eli­sa chie­de che lo Sta­to si pren­da del­le re­spon­sa­bi­li­tà.

«Ca­pi­sco, ma lui stes­so può mo­ti­va­re da­van­ti a un giu­di­ce il pen­sie­ro di sua fi­glia in me­ri­to al­le cu­re più ap­pro­pria­te che avreb­be vo­lu­to ri­ce­ve­re in ca­si estre­mi co­me que­sto. Quan­do ho co­min­cia­to la bat­ta­glia per Eluana sa­pe­vo chia­ra­men­te co­sa pen­sa­va mia fi­glia dell’ac­ca­ni­men­to te­ra­peu­ti­co, ri­cor­do che an­che quan­do non c’è un te­sto scrit­to i fa­mi­glia­ri pos­so­no ri­co­strui­re il pen­sie­ro del ma­la­to da quel­lo che è sta­to il suo vis­su­to fi­no al mo­men­to del­la per­di­ta di co­scien­za».

Che co­sa può fa­re il pa­dre di Eli­sa ades­so che an­co­ra una leg­ge non c’è?

«Le co­se non si muo­vo­no da so­le, de­ve es­se­re un giu­di­ce a sta­bi­li­re che le cu­re che stan­no ali­men­tan­do sua fi­glia so­no inu­ti­li, e per far­lo il ma­gi­stra­to de­ve es­se­re chia­ma­to in cau­sa da un fa­mi­glia­re: è il giu­di­ce, sen­ti­ti i me­di­ci, a sta­bi­li­re qual è la mi­glior cu­ra per il ma­la­to, e se lo sta­to in cui il pa­zien­te si tro­va ora cor­ri­spon­de al­le vo­lon­tà del pa­zien­te stes­so quan­do era co­scien­te. La ma­te­ria è com­ples­sa, per quan­to ri­guar­da il no­stro ca­so sia­mo in­ter­ve­nu­ti ap­pe­na ci è sta­to det­to che no­stra fi­glia sa­reb­be ri­ma­sta in co­ma ve­ge­ta­ti­vo per sem­pre, nel ca­so di Eli­sa sa­reb­be in­te­res­san­te ca­pi­re in qua­le mo­men­to i me­di­ci so­no in­ter­ve­nu­ti per im­pe­di­re il na­tu­ra­le pro­ces­so di mor­te in cui la ra­gaz­za sa­reb­be in­cor­sa, se, per esem­pio, c’è sta­ta una ria­ni­ma­zio­ne, che me­di­co ha de­ci­so di in­ter­ve­ni­re e su in­di­ca­zio­ne di chi e se in quel mo­men­to la fa­mi­glia era in­for­ma­ta del­le con­di­zio­ni del­la ra­gaz­za... se non è sta­to fat­to un per­cor­so le­ga­le fi­no a ora evi­den­te­men­te un mo­ti­vo c’è, e non si può en­tra­re nel me­ri­to di con­vin­zio­ni pri­va­te e im­ma­gi­no an­che di­bat­tu­te all’in­ter­no del­le fa­mi­glie».

Che co­sa pen­sa del ri­tar­do nell’ap­pro­va­zio­ne del­la leg­ge sul bio­te­sta­men­to?

«Al­la Ca­me­ra è sta­to fat­to un buon la­vo­ro, ora tut­to è fer­mo in Se­na­to, bi­so­gna met­te­re il par­la­men­to con le spal­le al mu­ro, per con­sen­ti­re ai cit­ta­di­ni di eser­ci­ta­re pie­na li­be­rà in un di­rit­to fon­da­men­ta­le pre­vi­sto an­che dal Con­si­glio di Ovie­do del 1997, (pri­mo trat­ta­to sul­la bioe­ti­ca ndr) sul­la di­gni­tà dell’es­se­re uma­no nei con­fron­ti del­le ap­pli­ca­zio­ni del­la bio­lo­gia e del­la me­di­ci­na».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.