Una so­lu­zio­ne è pos­si­bi­le Ma quan­te li­ti

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Ro­ber­ta Po­le­se © RIPRODUZIONE RI­SER­VA­TA

VE­NE­ZIA Re­spon­sa­bi­li­tà. È que­sto, in so­stan­za, quel­lo che chie­de al­la po­li­ti­ca il pa­dre di Eli­sa, 46 an­ni, di cui gli ul­ti­mi 11 pas­sa­ti in sta­to ve­ge­ta­ti­vo, do­po un in­ci­den­te.

Il pa­dre di Eli­sa vuo­le che qual­cu­no de­fi­ni­sca che quel­la di sua fi­glia non è più «vi­ta» e si pren­da la re­spon­sa­bi­li­tà di po­ter­la la­scia­re an­da­re. Già, ma a chi sta de­ci­der­lo? Il pun­to, po­li­ti­co ed eti­co, sta pro­prio qui. La leg­ge sul te­sta­men­to bio­lo­gi­co che ie­ri do­ve­va es­se­re di­scus­sa in par­la­men­to, sfio­ra il ca­so di Eli­sa per­ché de­scri­ve la pras­si da in­tra­pren­de­re quan­do la vo­lon­tà del pa­zien­te è chia­ra, espres­sa pri­ma che la ma­lat­tia ab­bia il so­prav­ven­to. Ma quan­do que­sta di­chia­ra­zio­ne non c’è su­ben­tra la dif­fi­col­tà di de­fi­ni­re co­sa si in­ten­da per «vi­ta» e fin do­ve si deb­ba­no spin­ge­re le cu­re. È qui che il pa­dre di Eli­sa in­vo­ca l’in­ter­ven­to del par­la­men­to: non vuo­le es­se­re lui a de­ci­de­re di to­glie­re l’ali­men­ta­zio­ne e l’idra­ta­zio­ne a sua fi­glia. Vuo­le che sia lo Sta­to a pren­der­si la re­spon­sa­bi­li­tà di quel­la scel­ta.

«La leg­ge sul te­sta­men­to bio­lo­gi­co in­di­vi­dua, nei ca­si in cui il pa­zien­te non sia co­scien­te e non ab­bia espres­so vo­lon­tà, o sia un mi­no­re, che ci sia un giu­di­ce tu­te­la­re che sul­la ba­se del­le re­la­zio­ni dei me­di­ci de­ci­da qual è la mi­glior scel­ta per il pa­zien­te - di­ce Fi­lo­me­na Gal­lo, se­gre­ta­ria dell’as­so­cia­zio­ne Lu­ca Co­scio­ni che si bat­te per la li­ber­tà di cu­ra e la ri­cer­ca scien­ti­fi­ca - è sta­to dif­fi­ci­le co­strui­re que­sta leg­ge, ci so­no sta­te tan­te au­di­zio­ni, è ne­ces­sa­rio non per­de­re al­tro tem­po». «Pur­trop­po ci tro­via­mo da­van­ti all’en­ne­si­mo rin­vio - spie­ga Do­na­ta Len­zi, re­la­tri­ce del­la leg­ge al­la Ca­me­ra - e quan­do il prov­ve­di­men­to ar­ri­ve­rà in Se­na­to ci sa­ran­no 3.000 emen­da­men­ti ad al­lun­ga­re i tem­pi di una leg­ge di cui gli ita­lia­ni sen­to­no for­te­men­te la ne­ces­si­tà. A que­sto pun­to è l’opi­nio­ne pub­bli­ca a do­ver fa­re pres­sio­ni af­fin­ché si ar­ri­vi al più pre­sto al­la sua ap­pro­va­zio­ne». Che l’opi­nio­ne dei cit­ta­di­ni sia chia­ris­si­ma al ri­guar­do è quel che pen­sa il pre­si­den­te del­la Re­gio­ne Lu­ca Za­ia, che non ha mai na­sco­sto il suo pa­re­re sul te­ma: «Sia­mo di fron­te a un par­la­men­to che non de­ci­de, che re­sta im­mo­bi­le di fron­te a una chia­ra vo­lon­tà de­gli elet­to­ri - di­ce il go­ver­na­to­re non è pos­si­bi­le che te­mi co­me que­sti ven­ga­no di­scus­si sem­pre nell’or­di­ne del­la con­tin­gen­za dei fat­ti: og­gi scop­pia il ca­so del­la gio­va­ne don­na di Ve­ne­zia e quin­di si par­la di ac­ca­ni­men­to te­ra­peu­ti­co, poi im­prov­vi­sa­men­te non se ne par­la più fi­no al pros­si­mo fat­to di cro­na­ca, se a Roma non vo­glio­no fa­re una leg­ge che i cit­ta­di­ni chie­do­no a gran vo­ce, se ri­ten­go­no op­por­tu­no rin­via­re un te­ma che toc­ca nu­me­ro­sis­si­me fa­mi­glie, al­lo­ra ven­ga det­to chia­ra­men­te, e si pren­de­rà at­to che il par­la­men­to non rap­pre­sen­ta più i suoi cit­ta­di­ni».

Il ca­so di Eli­sa ri­chia­ma, an­che so­lo per coin­ci­den­za tem­po­ra­le, quel­lo del pic­co­lo Char­lie, il bim­bo in­gle­se al cen­tro del­le cro­na­che de­gli ul­ti­mi gior­ni: per la scien­za il pic­co­lo non ave­va al­cu­na spe­ran­za di so­prav­vi­ve­re al­la ra­ra sin­dro­me che si era ma­ni­fe­sta­ta ne­gli ul­ti­mi me­si, per la fa­mi­glia va­le­va an­co­ra la pe­na lot­ta­re. La bat­ta­glia è fi­ni­ta do­me­ni­ca, quan­do i ge­ni­to­ri si so­no ar­re­si ai giu­di­ci che han­no di­chia­ra­to la so­spen­sio­ne del­le cu­re: la spe­ran­za di strap­pa­re il pic­co­lo al­la mor­te si è de­fi­ni­ti­va­men­te spen­ta. Il ca­so (co­me quel­lo di Ve­ne­zia) ruo­ta at­tor­no al sen­so del­la pa­ro­la «vi­ta» e se di «vi­ta» si pos­sa par­la­re ri­spet­to a un’esi­sten­za le­ga­ta a un let­to, ali­men­ta­ta for­za­ta­men­te, sen­za al­cun in­te­ra­zio­ne. Su que­sto ca­so si espri­me il se­na­to­re Mau­ri­zio Sac­co­ni: «Nel Re­gno Uni­to si ipo­tiz­za la ri­nun­cia al­le te­ra­pie sal­va­vi­ta ol­tre una so­glia ana­gra­fi­ca. Co­me se non do­ves­se es­se­re l’ap­pro­pria­tez­za del­le cu­re l’uni­co cri­te­rio che in scien­za e co­scien­za cia­scun me­di­co do­vreb­be ap­pli­ca­re». La so­lu­zio­ne al pro­ble­ma ap­pa­re an­co­ra mol­to lon­ta­na.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.