DE­NUN­CIA­TI

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità -

VE­NE­ZIA An­co­ra un tuf­fo clan­de­sti­no nel Ca­nal Gran­de, que­sta vol­ta ad­di­rit­tu­ra dal pon­te sim­bo­lo del­la cit­tà d’ac­qua, quel­lo di Rial­to, che un 42en­ne ar­gen­ti­no ha elet­to a tram­po­li­no nel­la not­te tra lu­ne­dì e mar­te­dì, so­lo per es­se­re im­me­dia­ta­men­te bloc­ca­to da­gli agen­ti del­la po­li­zia lo­ca­le.

Quan­do do­me­ni­ca mat­ti­na Ve­ne­zia si è sve­glia­ta con la bra­va­ta di set­te tu­ri­sti che si lan­cia­va­no dal pon­te del­la Co­sti­tu­zio­ne e il vi­deo dell’im­pre­sa è di­ven­ta­to vi­ra­le sul web in una man­cia­ta di ore, i più fa­ta­li­sti ave­va­no subito te­mu­to l’ef­fet­to emu­la­zio­ne e lo stes­so sin­da­co Lui­gi Bru­gna­ro ave­va ri­ba­di­to co­me un si­mi­le com­por­ta­men­to tra­dis­se nei vi­si­ta­to­ri una con­si­de­ra­zio­ne di Ve­ne­zia che la po­ne­va più al li­vel­lo di un par­co di­ver­ti­men­ti che a quel­lo di una cit­tà d’ar­te. A 48 ore di di­stan­za, il bis del tuf­fo in Ca­nal Gran­de da par­te di un al­tro tu­ri­sta che pe­rò per la sua esi­bi­zio­ne all’ope­ra dell’ar­chi­tet­to San­tia­go Ca­la­tra­va ha pre­fe­ri­to il pon­te di Rial­to. Nean­che il tem­po di de­ci­de­re le san­zio­ni per i sei ven­ten­ni bel­gi pro­ta­go­ni­sti del­la pri­ma “ra­gaz­za­ta”, in­som­ma, che già un al­tro vi­si­ta­to­re si ag­giun­ge all’elen­co dei mul­ta­ti.

Il Ca­nal Gran­de ha ac­que mol­to traf­fi­ca­te e agi­ta­te. Quat­tro an­ni fa vi mo­rì il pro­fes­so­re te­de­sco Joa­chim Vo­gel, sbal­za­to dal­la gon­do­la da un ur­to in un in­gor­go tra gli sca­fi che lo af­fol­la­no nel­le ore di pun­ta. Lo scor­so ago­sto un ma­ri­na­io neo­ze­lan­de­se cin­quan­ten­ne si lan­ciò dal pon­te di Rial­to pro­prio men­tre pas­sa­va un ta­xi ac­queo. L’ur­to fu vio­len­tis­si­mo, il col­po al­la te­sta le­ta­le, la mor­te so­prag­giun­se do­po tre me­si di ago­nia. Lo scor­so gen­na­io Pa­teh Sa­bal­ly, 22en­ne del Gam­bia, si è uc­ci­so la­scian­do­si an­ne­ga­re pro­prio a po­chi me­tri da do­ve do­me­ni­ca si è tuf­fa­to il grup­po di ra­gaz­zi stra­nie­ri. Nuo­ta­re tra le on­de di Ve­ne­zia, quin­di, non è un gio­co, an­zi si ri­schia se­ria­men­te la vi­ta.

Per stron­ca­re sul na­sce­re que­sta nuo­va, pe­ri­co­lo­sa mo­da, la giun­ta co­mu­na­le sta pre­pa­ran­do una pu­ni­zio­ne esem­pla­re per tut­ti i coin­vol­ti nel tuf­fo col­let­ti­vo del 23 lu­glio: non so­lo si sta va­lu­tan­do l’ap­pli­ca­zio­ne di un co­sid­det­to da­spo ur­ba­no, ov­ve­ro un prov­ve­di­men­to di al­lon­ta­na­men­to dal­la cit­tà per mo­ti­vi di si­cu­rez­za e de­co­ro, ma giu­sto ie­ri l’ese­cu­ti­vo ve­ne­zia­no ha scel­to

Il sin­da­co di Ve­ne­zia Lui­gi Bru­gna­ro ha adot­ta­to il pu­gno di fer­ro con­tro i tuf­fi a ve­ne­zia: Da­spo ur­ba­no, ri­chie­sta di dan­ni di im­ma­gi­ne e mul­te de­cu­pli­ca­te

Ne­gli an­ni ‘50 e ‘60 a Ve­ne­zia era ben chia­ro che non si po­tes­se fa­re il ba­gno nei rii e nei ca­na­li. Lun­go le fon­da­men­ta era­no af­fis­si car­tel­li con la scrit­ta: «Di­vie­to di nuo­to»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.