Nes­sun pm vuo­le Treviso «C’è ti­mo­re»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina -

TREVISO Nes­sun ma­gi­stra­to che vo­glia tra­sfe­rir­si nel­la Mar­ca, un so­sti­tu­to procuratore pron­to a fa­re le va­li­gie e tra­slo­ca­re in cen­tro Ita­lia ad ot­to­bre e il tri­bu­na­le di Treviso sem­pre più a cor­to di per­so­na­le ma con una mon­ta­gna di ca­si da se­gui­re e, so­prat­tut­to, con la maxi-in­chie­sta di Ve­ne­to Ban­ca su cui la­vo­ra­re. L’ul­ti­mo ban­do per un so­sti­tu­to procuratore è an­da­to de­ser­to e il procuratore ca­po Mi­chel­le Dal­la Co­sta lan­cia l’al­lar­me: «Sia­mo già in emergenza».

«Ho sen­ti­to il mi­ni­stro An­drea Or­lan­do e il sot­to­se­gre­ta­rio Gen­na­ro Mi­glio­re - di­ce Lau­ra Pup­pa­to, se­na­tri­ce del Pd -. È un pro­ble­ma se­rio, il ca­ri­co di Ve­ne­to Ban­ca ha pro­ba­bil­men­te crea­to ti­mo­re tra i pos­si­bi­li can­di­da­ti». A Treviso, so­no pre­vi­sti do­di­ci ma­gi­stra­ti ma al mo­men­to so­no ot­to. A bre­ve, do­vreb­be ar­ri­va­re un so­sti­tu­to procuratore che ha ac­cet­ta­to la mo­bi­li­tà da Po­ten­za ma il sal­do, dall’au­tun­no, sa­rà sem­pre di ot­to giu­di­ci. Uno, at­tual­men­te al lavoro, in­fat­ti se ne an­drà da Treviso do­po l’esta­te.

In cit­tà, più di qual­cu­no si chie­de co­me mai non ci sia nes­su­no di­spo­sto a tra­sfe­rir­si nel tre­vi­gia­no, do­ve sì il lavoro non man­ca ma la cit­tà - e il suo tri­bu­na­le - non è una real­tà, sot­to il pro­fi­lo cri­mi­na­le, dif­fi­ci­le, di quel­le cioè da cui mol­ti pre­fe­ri­reb­be­ro sta­re lon­ta­ni. «La dif­fi­col­tà a tro­va­re ma­gi­stra­ti che sia­no di­spo­ni­bi­li ad un cam­bio di se­de non è le­ga­ta alla cit­tà - spie­ga Pie­ran­to­nio Za­net­tin, mem­bro lai­co del Con­si­glio su­pe­rio­re del­la ma­gi­stra­tu­ra (Csm) -, il no­do è che non ci so­no abbastanza ma­gi­stra­ti in Ita­lia, ne man­ca­no cir­ca mil­le, è una que­stio­ne che già ave­va­mo sol­le­va­to quan­do il mi­ni­stro Or­lan­do ha au­men­ta­to gli or­ga­ni­ci ta­bel­la­ri».

A fron­te di un’ata­vi­ca man­can­za di per­so­na­le e di una mo­le di lavoro (ar­re­tra­to e di giornata) da esple­ta­re nei tri­bu­na­li, Or­lan­do ha ri­de­fi­ni­to i nu­me­ri dei giu­di­ci per se­de, au­men­tan­do­li do­ve ne­ces­sa­rio. Lo ha fat­to an­che per Treviso, do­ve so­no pre­vi­sti do­di­ci ma­gi­stra­ti in pro­cu­ra ma nul­la è in real­tà cam­bia­to. «Le dif­fi­col­tà che af­fron­ta Treviso so­no co­mu­ni a tut­to il Ve­ne­to, a Vi­cen­za o Pa­do­va la si­tua­zio­ne è iden­ti­ca - con­ti­nua Za­net­tin -, fac­cio un esem­pio, un giu­di­ce na­to in To­sca­na ha l’in­ca­ri­co vi­ci­no alla pro­pria fa­mi­glia: per­ché, a pa­ri­tà di red­di­to, do­vreb­be vo­ler tra­sfe­rir­si qui? Sia­mo de­lu­si, le pre­oc­cu­pa­zio­ni avan­za­te su­gli or­ga­ni­ci si so­no ri­ve­la­te fon­da­te». (g.b.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.