Sor­pre­sa in tri­bu­na­le Per ave­re gli at­ti servono 75 mi­la eu­ro L’ira de­gli av­vo­ca­ti

So­no i di­rit­ti di can­cel­le­ria per l’in­te­ro fal­do­ne Ugo­ne (ex so­ci): «Da­te­ci il gra­tui­to pa­tro­ci­nio»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Be­ne­det­ta Cen­tin © RIPRODUZIONE RISERVATA

VI­CEN­ZA Set­tan­ta­cin­que mi­la eu­ro, me­no qual­che spic­cio­lo. Per la pre­ci­sio­ne 74.980,31 eu­ro: la cifra suf­fi­cien­te a com­prar­si un mi­ni ap­par­ta­men­to è l’im­por­to ne­ces­sa­rio per ave­re ac­ces­so a tut­ti gli at­ti del­la ma­sto­don­ti­ca in­chie­sta Bp­vi do­po che la pro­cu­ra ha chiu­so le in­da­gi­ni pre­li­mi­na­ri del­la prima tran­ce. Una cifra che ha spiaz­za­to al­cu­ni le­ga­li, che par­la­no di «li­mi­ta­zio­ne del di­rit­to di di­fe­sa», e che ha fat­to adi­ra­re Lui­gi Ugo­ne, pre­si­den­te dell’as­so­cia­zio­ne «Noi che cre­de­va­mo nel­la Ban­ca Po­po­la­re di Vi­cen­za» che ha scrit­to al mi­ni­stro An­drea Or­lan­do. In qua­li­tà di «rap­pre­sen­tan­te di un’as­so­cia­zio­ne sen­za sco­po di lu­cro», chie­den­do di po­ter­si «in­se­ri­re co­me par­te ci­vi­le nel pro­ces­so col pa­tro­ci­nio gra­tui­to - si leg­ge nel­la let­te­ra - al fi­ne di di­vul­ga­re ai qua­si 2mi­la so­ci che rap­pre­sen­to e a qua­lun­que al­tro in­te­res­sa­to i do­cu­men­ti che ne­ces­si­ta­no».

Ma la cifra da ca­po­gi­ro è giu­sti­fi­ca­ta dal­la mo­le di ma­te­ria­le: un to­ta­le di un mi­lio­ne 165mi­la pa­gi­ne scan­sio­na­te (il co­sto è a pa­gi­na) a cui si ag­giun­go­no va­ri fi­le con­teg­gia­ti for­fet­ta­ria­men­te: si trat­ta de­gli au­dio del­le in­ter­cet­ta­zio­ni (1700 ore di con­ver­sa­zio­ni re­gi­stra­te), di quel­li con­te­nen­ti re­gi­stri o ver­ba­li di in­ter­ro­ga­to­ri. Mez­zo te­ra­by­te in tut­to. La pro­cu­ra di Vi­cen­za ha ef­fet­tua­to tut­te le ve­ri­fi­che del ca­so sui co­sti, an­che con il Mi­ni­ste­ro di Giu­sti­zia, ma poi­ché il ma­te­ria­le si com­po­ne di pa­gi­ne i di­rit­ti di se­gre­te­ria ven­go­no cal­co­la­ti ap­pun­to sul nu­me­ro di pa­gi­ne e non a sin­go­lo cd. Det­to che il fat­to che le pa­gi­ne sia­no in for­ma­to di­gi­ta­le fa co­mun­que ri­spar­mia­re ri­spet­to al for­ma­to car­ta­ceo, che è più co­sto­so.

Ep­pu­re nes­su­no si aspet­ta­va un si­mi­le sa­las­so. Ie­ri mat­ti­na i pri­mi le­ga­li de­gli in­da­ga­ti che han­no avu­to ac­ces­so alla stan­za del quar­to pia­no del tri­bu­na­le di Vi­cen­za pre­di­spo­sta ad hoc, con po­sta­zio­ni e pc, so­no ri­ma­sti spiaz­za­ti a sen­ti­re del­la cifra da ca­po­gi­ro. Qual­cu­no ha an­che gi­ra­to i tac­chi, con­fi­dan­do di tor­nar­vi do­po aver con­sul­ta­to il clien­te. «È una le­sio­ne, una li­mi­ta­zio­ne del di­rit­to di di­fe­sa – sbot­ta l’av­vo­ca­to Gio­van­ni Man­fre­di­ni che as­si­ste l’ex pre­si­den­te di Con­fin­du­stria Vi­cen­za, Giu­sep­pe Zi­gliot­to -, il di­rit­to di di­fe­sa è un di­rit­to di tut­ti, do­vreb­be ave­re una sua pro­por­zio­na­li­tà». Ed an­co­ra: «È un co­sto di giu­sti­zia non tan­to di giu­sti­zia – pro­se­gue il le­ga­le – e met­tia­mo ca­so che l’in­da­ga­to ab­bia il gra­tui­to pa­tro­ci­nio al­lo­ra que­sta spe­sa va a ca­ri­co del­lo Sta­to?». Sor­pre­so an­che l’av­vo­ca­to Li­no Roet­ta, che as­si­ste Paolo Ma­rin, vi­ce di­ret­to­re ge­ne­ra­le del­la ban­ca: «Non ce lo aspet­ta­va­mo, si par­la­va di qual­che mi­glia­io di pa­gi­ne. Ma non è una scel­ta del­la pro­cu­ra, è la nor­ma che è de­li­ran­te – com­men­ta l’av­vo­ca­to – co­sì pe­rò si crea un osta­co­lo al di­rit­to di di­fe­sa». E tra i le­ga­li c’è chi, sar­ca­sti­ca­men­te, pen­sa già ad un mu­tuo da ac­cen­de­re in Bpv per ra­ci­mo­la­re la cifra o chi si di­ce pron­to a chiedere co­pia de­gli at­ti so­lo in for­ma­to car­ta­ceo, il che si­gni­fi­ca sca­to­lo­ni e sca­to­lo­ni di do­cu­men­ti. In ogni ca­so i di­fen­so­ri si con­sul­te­ran­no con i lo­ro as­si­sti­ti, per va­lu­ta­re il da far­si. L’av­vo­ca­to Enrico Am­bro­set­ti, che di­fen­de l’ex pre­si­den­te Gian­ni Zo­nin, ha già le idee chia­re: «Avre­mo tut­to il tem­po di estrar­re gli at­ti in­te­res­san­ti, che so­no si­cu­ra­men­te una par­te ri­dot­ta del fa­sci­co­lo» fa sa­pe­re.

Al­tro fron­te quel­lo dei ri­spar­mia­to­ri. «La spe­sa è scan­da­lo­sa per noi, pro­ba­bil­men­te non per gli in­da­ga­ti che han­no gua­da­gna­to un sac­co di sol­di» chio­sa Lui­gi Ugo­ne, pre­si­den­te dell’as­so­cia­zio­ne «Noi che cre­de­va­mo nel­la Ban­ca Po­po­la­re di Vi­cen­za» che ad og­gi con­ta 1700 so­ci. Lui pe­rò non de­mor­de. Ie­ri mat­ti­na è sta­to tra i pri­mi a ri­ce­ve­re il va­de­me­cum pre­di­spo­sto del­la pro­cu­ra per so­ci e ob­bli­ga­zio­ni­sti e ad ot­te­ne­re il cd con una par­te de­gli at­ti. Una pic­co­la par­te, al co­sto di 92,30 eu­ro (che può lie­vi­ta­re a 3.342 eu­ro con i re­la­ti­vi al­le­ga­ti). Si trat­ta di una «se­le­zio­ne de­gli at­ti più im­por­tan­ti - co­me ha spie­ga­to ie­ri il procuratore ag­giun­to Oriet­ta Ca­no­va - per age­vo­la­re le va­lu­ta­zio­ni sul­le sin­go­le po­si­zio­ni e sul­la pos­si­bi­li­tà di co­sti­tuir­si par­te ci­vi­le nel pro­ces­so». Au­gu­ran­do­si che non ci sia «la cor­sa» per l’ac­ces­so agli at­ti da par­te dei tan­tis­si­mi azio­ni­sti ma che i do­cu­men­ti, una vol­ta ac­qui­si­ti, ven­ga­no in­ve­ce vei­co­la­ti.

Lui­gi Ugo­ne La spe­sa è scan­da­lo­sa per noi, for­se non per gli in­da­ga­ti che han­no gua­da­gna­to mol­ti sol­di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.