Cas­son: «Mi­ren­da? ha ra­gio­ne» Ca­sel­la­ti: «Stu­pi­ta da que­ste pa­ro­le»

L’as­ses­so­re Ne­ri: «Lo co­no­sco be­ne, quel che di­ce è tut­to ve­ro»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - S.M.D. © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­RO­NA Qual­cu­no si in­ter­ro­ga sul­la tem­pi­sti­ca e la mo­da­li­tà (Fa­ce­book) scel­te dal giu­di­ce An­drea Mi­ren­da, per ester­na­re la sua de­ci­sio­ne e il suo sfo­go. Ma più in ge­ne­ra­le, chi og­gi si tro­va a com­men­ta­re quan­to det­to dal giu­di­ce di Ve­ro­na cer­ca di fa­re i con­ti con «un pro­ble­ma che va po­sto».

«Che ci sia un cer­to con­di­zio­na­men­to po­li­ti­co, non in ri­fe­ri­men­to ai par­ti­ti ma piut­to­sto al­le cor­ren­ti del­la ma­gi­stra­tu­ra, è si­cu­ro - spie­ga l’av­vo­ca­to, ed ex po­li­ti­co, Mau­ri­zio Pa­niz - ma per la ve­ri­tà, que­sta non è una no­vi­tà, è sem­pre sta­to co­sì. Il ri­me­dio? Cam­bia­re com­ple­ta­men­te il Con­si­glio Su­pe­rio­re del­la Ma­gi­stra­tu­ra: se si rior­ga­niz­zas­se un or­ga­ni­smo do­ve pos­sa­no en­tra­re per­so­ne al di fuo­ri dal­la ma­gi­stra­tu­ra, il pe­so del­le cor­ren­ti di­mi­nui­reb­be».

Una cer­ta con­di­vi­sio­ne di fon­do, dun­que, per Pa­niz, che pe­rò pre­ci­sa co­me sia co­mun­que di­scu­ti­bi­le la cri­ti­ca di Mi­ren­da, con­si­de­ra­ta «pe­san­te ed ec­ces­si­va».

Cri­ti­ca an­che un’al­tra ve­ne­ta, Ma­ria Eli­sa­bet­ta Al­ber­ti Ca­sel­la­ti, con­si­glie­re lai­co del Csm: «Ri­spet­to la scel­ta di vi­ta di que­sto giu­di­ce, gli fa ono­re, ser­vi­re gli ul­ti­mi e oc­cu­par­si di un mon­do co­me quel­lo dei de­te­nu­ti è un scel­ta di tut­to ri­spet­to e cre­do sia di­rit­to di tut­ti av­vi­ci­nar­si a set­to­ri più in li­nea con il pro­prio sen­ti­re­spie­ga Ca­sel­la­ti - pe­rò non ca­pi­sco per­ché si sfo­ghi ora, e sul web, per­ché ha aspet­ta­to tan­to per muo­ve­re que­ste cri­ti­che?».

Non so­lo: «So­prat­tut­to vor­rei ca­pi­re con qua­li cri­te­ri, a que­sto pun­to, sia sta­to no­mi­na­to lo stes­so Mi­ren­da nel suo ruo­lo di se­mi­di­ret­ti­vo - pro­se­gue Ca­sel­la­ti -. Mi in­ter­ro­go su que­sto e mi in­for­me­rò sul­la sua nomina, vi­ste le cri­ti­che che ester­na. Noi in que­sti an­ni ab­bia­mo la­vo­ra­to sul­la tra­spa­ren­za e per li­mi­ta­re il fat­to­re del­la di­scre­zio­na­li­tà, mi la­scia stu­pi­ta que­sta usci­ta».

Ma c’è chi di­fen­de a spa­da trat­ta la «vo­ce fuo­ri dal co­ro». «Pur­trop­po que­sto non è la pri­ma se­gna­la­zio­ne - spie­ga Fe­li­ce Cas­son, se­na­to­re Pd ed ex ma­gi­stra­to del­la “tan­gen­to­po­li ve­ne­ta” - ba­sti pen­sa­re al ca­so di Pie­ro Ca­la­brò, al­tro ma­gi­stra­to che se ne an­dò da Mon­za pro­prio per que­sto. La cri­ti­ca, dun­que, è fon­da­ta per me. A ri­pro­va di que­sto, il sot­to­scrit­to, non si è mai iscrit­to a nien­te, né all’As­so­cia­zio­ne na­zio­na­le ma­gi­stra­ti, né ad al­tre cor­ren­ti». La so­lu­zio­ne? «Bi­so­gne­reb­be di­mi­nui­re il pe­so del­la po­li­ti­ca nel­la ma­gi­stra­tu­ra - spie­ga Cas­son - an­che se non va fat­ta di un’er­ba un fa­scio: ri­cor­do che pro­prio la ma­gi­stra­tu­ra, nei de­cen­ni pas­sa­ti, ha con­tri­bui­to al­la de­mo­cra­tiz­za­zio­ne del no­stro Pae­se. Il pro­ble­ma del­le lot­tiz­za­zio­ni pe­rò per­si­ste, e lo con­fer­ma il ca­so Ve­ro­na. Ci so­no di­ver­si ca­si di ma­gi­stra­ti che fan­no più fa­ti­ca di al­tri».

A di­fen­de­re spa­da trat­ta il ma­gi­stra­to sca­li­ge­ro, è il nuovo as­ses­so­re agli Af­fa­ri le­ga­li e all’An­ti­cor­ru­zio­ne di Ve­ro­na Edi Ma­ria Ne­ri (già ma­gi­stra­to nell’uf­fi­cio di Giu­di­ce di Pa­ce di Fi­ren­ze e Ve­ro­na, di cui è sta­ta an­che coor­di­na­tri­ce): «Quel­la di An­drea Mi­ren­da è una vo­ce co­rag­gio­sa che se­gna­la un pro­ble­ma che c’è da sem­pre - spie­ga l’as­ses­so­re -. Io lo co­no­sco da an­ni, ol­tre che un ami­co, è una per­so­na se­ris­si­ma, com­pe­ten­te, di­li­gen­te, one­sta, ol­tre che uno spi­ri­to li­be­ro. Lo po­treb­be­ro te­sti­mo­nia­re in tan­tis­si­mi. In­som­ma, par­la si­cu­ra­men­te con co­scien­za, ope­ran­do per al­tro in un set­to­re co­sì de­li­ca­to co­me la se­zio­ne fal­li­men­ta­re, io cre­do nel­la sua as­so­lu­ta buo­na fe­de a prio­ri».

Pa­niz È ve­ro che le cor­ren­ti in ma­gi­stra­tu­ra con­di­zio­na­no mol­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.