Da Bai­ta a Mi­nu­til­lo chi spera (e chi no) nel­la prescrizione

Mo­se, lo spar­tiac­que del­la Se­ve­ri­no e i gran­di in­da­ga­ti

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - di Al­ber­to Zor­zi

VE­NE­ZIA Lo spar­tiac­que, ter­mi­ne più che adat­to vi­sto che stia­mo par­lan­do di Mo­se, è il 6 no­vem­bre 2012. E’ il gior­no in cui l’al­lo­ra pre­si­den­te Gior­gio Na­po­li­ta­no fir­ma la leg­ge co­sid­det­ta «Se­ve­ri­no» che – tra le al­tre co­se – ina­spri­sce le pe­ne per il reato di cor­ru­zio­ne: pri­ma an­da­va­no da 2 a 5 an­ni, ora da 3 a 8. Que­sto si­gni­fi­ca che men­tre pri­ma la prescrizione era di 7 an­ni e mez­zo, ora è di 10. Uno spar­tiac­que da po­co, fon­da­men­ta­le nel pro­ces­so ai «pen­ti­ti» del Mo­se.

La «guer­ra dei con­ti» è in­fat­ti già ini­zia­ta. Nei gior­ni scor­si la pro­cu­ra di Ve­ne­zia ha no­ti­fi­ca­to all’ex pre­si­den­te di Man­to­va­ni Pier­gior­gio Bai­ta, al suo brac­cio de­stro Ni­co­lò Bu­son, all’ex ad di Adria In­fra­strut­tu­re Claudia Mi­nu­til­lo, al rap­pre­sen­tan­te del Co­ve­co nel Con­sor­zio Ve­ne­zia Nuo­va Pio Sa­vio­li e al fac­cen­die­re Mir­co Vol­taz­za l’av­vi­so di con­clu­sio­ne del­le in­da­gi­ni pre­li­mi­na­ri. In mez­zo ci so­no tut­te le cor­ru­zio­ni – a Ga­lan, all’as­ses­so­re Re­na­to Chis­so, ai Ma­gi­stra­ti al­le Ac­que Pa­tri­zio Cuc­cio­let­ta e Ma­ria Gio­van­na Pi­va, al con­si­glie­re dell’al­lo­ra ministro Giu­lio Tre­mon­ti, Mar­co Mi­la­ne­se, al ge­ne­ra­le Emi­lio Spaziante –, i finanziamenti il­le­ci­ti del­le cam­pa­gne elet­to­ra­li (quel­le dell’ex sin­da­co di Ve­ne­zia Gior­gio Or­so­ni, dell’ex eu­ro­de­pu­ta­ta Lia Sar­to­ri e dell’ex con­si­glie­re re­gio­na­le Giam­pie­tro Mar­che­se) e pa­rec­chi rea­ti fi­sca­li, re­la­ti­vi al­le fat­tu­re fal­se o «gon­fia­te». Quel­le po­si­zio­ni fi­ni­te nel mi­ri­no del­le ar­rin­ghe dei di­fen­so­ri de­gli 8 im­pu­ta­ti già a pro­ces­so, che han­no ac­cu­sa­to la pro­cu­ra di aver por­ta­to in au­la que­sti te­sti­mo­ni «in­ca­pret­ta­ti», pron­ti a di­re ciò che i pm vo­le­va­no. At­tor­no a quel­lo spar­tiac­que si stan­no po­si­zio­nan­do le scel­te de­gli av­vo­ca­ti.

Tor­nia­mo al­le da­te. In par­ti­co­la­re ci so­no due epi­so­di che su­pe­ra­no il 6 no­vem­bre 2012: il 15 gen­na­io 2013, con de­na­ro pro­cu­ra­to da Man­to­va­ni (e dun­que Bai­ta e Bu­son), vie­ne fat­to un bo­ni­fi­co da 500 mi­la eu­ro a Cuc­cio­let­ta (che lo ha am­mes­so), su un con­tro sviz­ze­ro in­te­sta­to al­la mo­glie; il 7 feb­bra­io 2013 Fe­de­ri­co Sut­to, all’epo­ca se­gre­ta­rio del pre­si­den­te del Cvn Gio­van­ni Maz­za­cu­ra­ti, se­con­do l’ac­cu­sa por­ta a Chis­so in con­si­glio re­gio­na­le una maz­zet­ta di 160 mi­la eu­ro, pro­cu­ra­ta da Bai­ta, Sa­vio­li e Bu­son. Ora, è evi­den­te che chi è coin­vol­to in que­ste due vi­cen­de qua­si cer­ta­men­te pat­teg­ge­rà. Lo fa­rà Bai­ta, ci sta pen­san­do Bu­son (di­fe­si da­gli av­vo­ca­ti Ales­san­dro Ram­pi­nel­li e Ful­via Fois), per i qua­li è pro­ba­bi­le una pe­na trai2 e i 3 an­ni, che ri­com­pren­de­rà an­che quan­to han­no già pat­teg­gia­to nel 2013 per le fal­se fat­tu­re di San Ma­ri­no: 1 an­no e 10 me­si Bai­ta, un an­no e 4 me­si Bu­son. Sa­vio­li ha in­ve­ce una po­si­zio­ne più com­pli­ca­ta, per­ché que­sto ca­po d’im­pu­ta­zio­ne non com­pren­de al­tre due in­chie­ste in cui è sta­to coin­vol­to – quel­la del­la tur­ba­ti­va d’asta che por­tò all'ar­re­sto di Maz­za­cu­ra­ti nel 2013 e quel­la più re­cen­te sul­le tan­gen­ti per i cas­so­ni di Chiog­gia, an­co­ra in cor­so – e dun­que il suo av­vo­ca­to Mas­si­mo Be­noz­za­ti aspet­ta di par­la­re con i pm. Stan­no va­lu­tan­do il da far­si an­che i le­ga­li di Vol­taz­za, Gior­gio Pie­tra­ma­la e Mi­che­le Per­go­la: lui ha in­fat­ti am­mes­so le fal­se fat­tu­re, ma ne­ga l’ipo­te­si di mil­lan­ta­to cre­di­to in quel­la grot­te­sca vi­cen­da in cui fe­ce cre­de­re a Bai­ta, in­sie­me ad al­tri, di ave­re a li­bro pa­ga il pro­cu­ra­to­re ag­giun­to di Udi­ne Raf­fae­le Ti­to.

Di­ver­sa in­ve­ce la stra­te­gia di Mi­nu­til­lo. Il suo av­vo­ca­to Car­lo Au­gen­ti ci tie­ne in­fat­ti a pre­ci­sa­re che lei non ha nul­la a che ve­de­re con quei due epi­so­di: su Cuc­cio­let­ta il suo no­me non c’è, è in­ve­ce coin­vol­ta su Chis­so ma non in quel ca­so. Que­sto si­gni­fi­ca che, ipo­tiz­zan­do il suo coin­vol­gi­men­to in rea­ti fi­no al 2012, ma pre­ce­den­ti il 6 no­vem­bre, per lei tra po­co più di un pa­io d’an­ni ca­drà la man­na­ia del­la prescrizione. E si sa che in Ita­lia è im­pos­si­bi­le fa­re tre gra­di di giu­di­zio in quei tem­pi. E Maz­za­cu­ra­ti? E’ sta­to stral­cia­to per­ché già giu­di­ca­to in­ca­pa­ce di sta­re a pro­ces­so.

Gli av­vi­sa­ti Tra i de­sti­na­ta­ri dell’av­vi­so di chiu­su­ra indagine l’ex pre­si­den­te di Man­to­va­ni Pier­gior­gio Bai­ta (a si­ni­stra) e l’ex ad di Adria In­fra­strut­tu­re Claudia Mi­nu­til­lo (a de­stra)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.