«Ho fin­to di fa­re il gio­ca­to­re per 6 me­si: sem­pre per­den­te»

Il pro­fes­sor Fab­bris: «Vi spie­go la dif­fe­ren­za tra i diversi gio­chi»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - di Gian­ni Fa­ve­ro

Per sei me­si, qual­che an­no fa, si­mu­lò del­le gio­ca­te al To­to­cal­cio ben stu­dia­te at­tra­ver­so la let­tu­ra co­stan­te de­gli ar­ti­co­li del­la Gaz­zet­ta del­lo Sport. Con­clu­den­do che il de­na­ro che for­se avreb­be vin­to sa­reb­be sta­to di gran lun­ga in­fe­rio­re a quel­lo im­pie­ga­to al bot­te­ghi­no. Poi af­fron­tò una lun­ga ana­li­si sui nu­me­ri «ri­tar­da­ta­ri» del lot­to, ri­scon­tran­do che un mi­ni­mo ba­rlu­me di scien­ti­fi­ci­tà c’è ma che se, come ac­ca­du­to una vol­ta sul­la ruo­ta di Ca­glia­ri, una ci­fra non uscì per 220 estra­zio­ni, in­si­ste­re si­gni­fi­ca ban­ca­rot­ta o qua­si. Non per nien­te Lui­gi Fab­bris ha scel­to di in­se­gna­re sta­ti­sti­ca all’uni­ver­si­tà di Pa­do­va.

Pro­fes­so­re, uno sco­no­sciu­to gio­ca quat­tro eu­ro e mez­zo a Caorle e vin­ce 77 mi­lio­ni e pas­sa. Og­gi al Superenalotto c’è l’as­sal­to. Uno sta­ti­sti­co come la ve­de?

«La pos­si­bi­li­tà di tro­va­re l’ago nel pa­glia­io c’è sem­pre. Ma se si cal­co­la quan­ti sol­di lo Sta­to ri­scuo­te dal­le man­ca­te vin­ci­te fra un gros­so pre­mio e l’al­tro si ca­pi­sce al­la fi­ne il tor­na­con­to chi ce l’ha».

Pe­rò que­sti con­ti pre­fe­ria­mo nep­pu­re ini­ziar­li. Nel gran­de in­gan­no stia­mo tut­ti be­ne...

«Ho vi­sto vec­chiet­te ar­ram­pi­ca­te su­gli scaf­fa­li dei su­per­mer­ca­ti per rag­giun­ge­re il pro­dot­to che sta in al­to e co­sta cin­que cent in meno e poi ac­qui­sta­re al­la cas­sa un grat­ta e vin­ci da cin­que eu­ro. Non è un am­bi­to in cui i com­por­ta­men­ti so­no pi­lo­ta­ti dal­la ra­gio­ne».

La feb­bre del gio­co, tut­ta­via, non coin­vol­ge tut­ti al­lo stes­so mo­do. Ci so­no al­me­no del­le ma­cro­ten­den­ze?

«Quel­le che ab­bia­mo già in­di­vi­dua­to, l’an­sia di pas­sa­re all’ordine su­pe­rio­re di mu­ra del­la ‘Cit­tà del So­le’ pre­va­le sul­la ra­zio­na­li­tà. In al­tri ter­mi­ni, in tem­pi di cri­si le vie nor­ma­li per cer­ca­re di ri­sa­li­re la chi­na sem­bra­no es­se­re spa­ri­te e tan­to va­le pro­va­re an­che con le scor­cia­to­ie. Fac­cia­mo l’esem­pio del­la pen­sio­ne. E’ un tra­guar­do che sta di­ven­tan­do un mi­rag­gio e co­sì spo­po­la­no i grat­ta e vin­ci che met­to­no in pa­lio un vi­ta­li­zio».

Dal suo pun­to di vi­sta, al­lo­ra, di­re un gio­ca­to­re sag­gio equi­va­le ad una con­trad­di­zio­ne. O igno­ra che per­de­rà più di quan­to in­ve­sti­rà op­pu­re lo sa ma non gli im­por­ta...

«Ci so­no per­so­ne che di que­sto so­no per­fet­ta­men­te con­sa­pe­vo­li e san­no ge­sti­re il loro bi­so­gno di ten­ta­re la sor­te. San­no man­te­ne­re cioè un cer­to equi­li­brio fra quel­lo che in­ve­sto­no e la so­ste­ni­bi­li­tà del loro te­no­re di vi­ta. Pe­rò di nor­ma so­no po­chis­si­mi».

De­ci­ne di ca­na­li te­le­vi­si­vi fan­no la con­ta dei nu­me­ri che tar­da­no al lot­to e pro­pon­go­no com­bi­na­zio­ni. Tut­ta ca­ba­la?

«Il te­ma dei ri­tar­di un mi­ni­mo di fon­da­men­to ce l’ha. In tut­ti i fe­no­me­ni ca­sua­li del­la vi­ta in teo­ria cer­te co­se po­treb­be­ro non suc­ce­de­re mai ma al­la lun­ga ac­ca­do­no. La cur­va che go­ver­na i ri­tar­di nel lot­to è si­mi­le a quel­la, ad esem­pio, del­la du­ra­ta dei rap­por­ti di la­vo­ro o dei ma­tri­mo­ni».

Se aves­se die­ci eu­ro da gio­ca­re, ades­so, come li im­pie­ghe­reb­be?

«I gio­chi d’az­zar­do fra loro si di­stin­guo­no fra quel­li che pre­mia­no an­che una cer­ta abi­li­tà e do­ti di me­mo­ria, come ad esem­pio le carte, ed al­tri che in­ve­ce so­no for­tu­na al­lo sta­to pu­ro, ed è il ca­so dei grat­ta e vin­ci. Poi ci so­no quel­li “trasparenti”, ti­po la rou­let­te, in cui sai esat­ta­men­te la quo­ta di gio­ca­te che spet­ta al ban­co men­tre per quel­li con­trol­la­ti dal­lo Sta­to c’è po­ca chia­rez­za e di cer­to il mar­gi­ne è più sfa­vo­re­vo­le al gio­ca­to­re...»

Det­to que­sto?

«Non ho mai gio­ca­to in vi­ta mia se non per fin­ta e per ri­cer­ca, come ho det­to prima, al To­to­cal­cio. Quando ca­pi­sci come funziona evi­ti di far­lo e ba­sta».

Il te­ma dei ri­tar­di al Lot­to c’è, non è so­lo ca­ba­la. E ci so­no gio­chi trasparenti e al­tri meno Co­mun­que non sia­mo nell’am­bi­to del­la ra­gio­ne, l’an­sia del­la Cit­tà del So­le pre­va­le su tut­to

Do­cen­te Lui­gi Fab­bris, do­cen­te or­di­na­rio del di­par­ti­men­to di scien­ze sta­ti­sti­che all’uni­ver­si­tà di Pa­do­va

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.