«Qui non si co­strui­sce più da an­ni e spo­sta­re ca­se vec­chie è du­ra»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - R.Pol. Mo.Zi. © RIPRODUZIONE RISERVATA

COR­TI­NA E’ sta­to elet­to da po­co più di un me­se il sin­da­co Gian­pie­tro Ghe­di­na, e su­bi­to si ri­tro­va a ge­sti­re un dram­ma che ri­schia di di­vi­de­re la cit­tà. Ie­ri era il gior­no dell’emer­gen­za. Po­che la­cri­me e mol­to su­do­re. Ma i ma­lu­mo­ri si so­no fat­ti stra­da. «Il gre­to del fiu­me an­da­va pu­li­to, i pon­ti so­no trop­po bas­si» di­ce qual­cu­no. La pro­te­zio­ne ci­vi­le so­stie­ne che mol­te zo­ne so­no con­trol­la­te per il ri­schio fra­ne ma non Rio Ge­re, non il Bi­gon­ti­na. Trop­po pre­sto per di­stri­bui­re colpe, trop­po pre­sto per as­sol­ve­re tut­ti. Ie­ri Ghe­di­na era con vi­ce­sin­da­co e as­ses­so­ri ad Al­ve­rà, per i so­pral­luo­ghi. Si è de­ci­so di de­mo­li­re i sas­si più gran­di, per non cor­re­re il pe­ri­co­lo che piom­bi­no sul pae­se.

Sin­da­co è ve­ro che l’al­veo del fiu­me an­da­va si­ste­ma­to?

«In que­ste ore stia­mo af­fron­tan­do l’emer­gen­za, sia­mo fuo­ri da not­te fon­da, ora cer­chia­mo di ri­sol­ve­re e poi ve­dre­mo se qual­co­sa è sta­to tra­scu­ra­to».

Ne­gli ul­ti­mi an­ni so­no sta­te co­strui­te ca­se, stra­de che pos­so­no aver com­pro­mes­so l’equi­li­brio idro­geo­lo­gi­co del pae­se?

«Dal 1975 ad og­gi a Cor­ti­na so­no sta­te co­strui­te cin­que o sei ca­se e un al­ber­go, stra­de e infrastrutture nuo­ve non ce ne so­no».

Cor­ti­na ha un pia­no per li­mi­ta­re il ri­schio, per eli­mi­na­re gli edi­fi­ci dal­le co­la­te più at­ti­ve?

«Un pia­no per eli­mi­na­re le ca­se? So­no sin­da­co da un me­se e non è sem­pli­ce to­glie­re gli edi­fi­ci che ne­gli an­ni Set­tan­ta so­no sor­ti nel­le zo­ne più de­li­ca­te».

Il geo­lo­go Ge­ne­vois di­ce che ha do­na­to uno stu­dio sul­la pe­ri­co­lo­si­tà al Co­mu­ne ma che non ha mai vi­sto fa­re nul­la e che man­ca una vi­sio­ne com­ples­si­va.

«Bi­so­gne­rà fa­re un pia­no e va­lu­ta­re le zo­ne de­li­ca­te do­ve ne­gli an­ni pas­sa­ti si è edi­fi­ca­to sul­la ba­se del cam­bia­men­to del cli­ma che por­ta piog­ge sem­pre più tor­ren­zia­li. È una prio­ri­tà e va va­lu­ta­to an­che l’in­ve­sti­men­to».

Ghe­di­na Dif­fi­ci­le de­mo­li­re ca­se co­strui­te ne­gli an­ni set­tan­ta

Ci so­no al­tre si­tua­zio­ni cri­ti­che?

«Cor­ti­na è in una po­si­zio­ne mol­to de­li­ca­ta, ci so­no 300 fra­ne da te­ne­re sotto con­trol­lo, cer­che­re­mo di fa­re una va­lu­ta­zio­ne com­ples­si­va, ora la prio­ri­tà é evi­ta­re che ci sia­no nuo­ve tra­ge­die, dob­bia­mo con­vin­ce­re gli an­zia­ni a la­scia­re le lo­ro abi­ta­zio­ni, ri­pri­sti­na­re le stra­de, de­mo­li­re i mas­si più gran­di, ora c’è l’emer­gen­za».

Sul let­to del tor­ren­te Il go­ver­na­to­re Lu­ca Za­ia a Cor­ti­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.