Do­po i «Suo­ni» l’Ho­me: è as­sal­to ai fe­sti­val

Chiu­de la ker­mes­se sul­le Mu­ra: «Su­pe­ra­to ogni re­cord». A fi­ne me­se l’even­to in do­ga­na: ho­tel ver­so il tut­to esau­ri­to

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Treviso - Ste­fa­no Ben­sa © RIPRODUZIONE RISERVATA

TRE­VI­SO È l’esta­te d’oro dei fe­sti­val a Tre­vi­so. Suo­ni di Mar­ca con­clu­de la sua pro­gram­ma­zio­ne og­gi, ed è già al­ta la tensione in at­te­sa dell’ot­ta­va edi­zio­ne di Ho­me Fe­sti­val, che ini­zie­rà il 30 ago­sto in Do­ga­na. Al­ber­ghi pie­ni in cen­tro e si ac­cen­de il di­bat­ti­to in cit­tà sul ruo­lo de­gli even­ti per quan­to ri­guar­da l’in­dot­to tu­ri­sti­co, in un mo­men­to nel qua­le si sta can­di­dan­do Tre­vi­so a ca­pi­ta­le del­la cul­tu­ra 2020.

Il te­ma è cal­do in que­ste ore, nel­le qua­li la ven­ti­set­te­si­ma edi­zio­ne di Suo­ni di Mar­ca ti­ra i pri­mi bi­lan­ci. «De­ci­ne di mi­glia­ia di per­so­ne sul­le Mu­ra, un suc­ces­so: ab­bia­mo su­pe­ra­to le pre­sen­ze del­lo scor­so an­no», di­ce Pao­lo Gat­to, il direttore ar­ti­sti­co del­la ker­mes­se. In cit­tà, la per­ce­zio­ne è sta­ta quel­la di un even­to me­no chias­so­so e più si­cu­ro ri­spet­to agli al­tri an­ni, pur con qual­che ine­vi­ta­bi­le la­men­te­la per al­cu­ni epi­so­di mi­no­ri di or­di­ne pub­bli­co e sui ru­mo­ri che non han­no of­fu­sca­to con­cer­ti ap­prez­za­tis­si­mi, su tut­ti quel­li di Bat­tia­to e Gab­ba­ni.

Ales­san­dro Mar­ti­ni è il direttore di Mar­ca Tre­vi­so, il con­sor­zio di pro­mo­zio­ne tu­ri­sti­ca: «Ab­bia­mo la per­ce­zio­ne che a Suo­ni di Mar­ca ar­ri­vi un pub­bli­co lo­ca­le, al mas­si­mo da fuo­ri pro­vin­cia ma più di qual­cu­no si fer­ma a dor­mi­re in ho­tel o b&b», di­ce. «Ora gli al­ber­ghi la­vo­ra­no so­prat­tut­to con tu­ri­sti che ar­ri­va­no dal­la Ger­ma­nia per tour in bi­ci. Ab­bia­mo se­gna­li di­ver­si in­ve­ce per Ho­me Fe­sti­val, do­ve ar­ri­va un pub­bli­co da più di­stan­te e in­ter­na­zio­na­le». Sul­la stes­sa li­nea En­ri­co De Wra­chien, por­ta­vo­ce di Ri­vi­ve­re Tre­vi­so. «Suo­ni di Mar­ca è un even­to im­por­tan­te, che por­ta tan­ta gen­te sul­le Mu­ra an­che se un po’ svuo­ta il cen­tro. Ma è be­ne che ci sia. In ogni ca­so, chie­dia­mo al Co­mu­ne una pro­gram­ma­zio­ne sui 365 gior­ni e non di ba­sar­si su ot­ti­mi even­ti, ma a spot».

Fi­ni­ti Suo­ni di Mar­ca, gran­de at­te­sa a que­sto pun­to è per Ho­me Fe­sti­val. I pre­pa­ra­ti­vi in area Do­ga­na ini­zie­ran­no nei pros­si­mi gior­ni, pre­vi­ste cen­to­mi­la per­so­ne da una ven­ti­na di na­zio­ni di­ver­se gra­zie an­che ad un cam­peg­gio da due­mi­la po­sti e ad una se­rie di at­ti­vi­tà di pro­mo­zio­ne col­le­ga­te an­che al Ci­set. I ri­fles­si so­no già evi­den­ti an­che sul­le pre­no­ta­zio­ni al­ber­ghie­re: le stan­ze co­min­cia­no a scar­seg­gia­re in cit­tà e nel cir­con­da­rio».

Per da­re il sen­so dell’in­ter­na­zio­na­li­tà dell’even­to, che por­te­rà tra gli al­tri Du­ran Du­ran e Liam Gal­la­gher nei cin­que gior­ni, si sco­pre che uno tra i cin­que­cen­to vo­lon­ta­ri ha per­si­no scrit­to una te­si in in­gle­se sull’Ho­me. Lui è Lo­ren­zo Zo­ia: «HF è un gran­de esem­pio di suc­ces­so ita­lia­no», di­ce. «Al Tri­ni­ty Col­le­ge di Du­bli­no ho ana­liz­za­to il trend dei fe­sti­val in Eu­ro­pa per ca­pi­re co­me at­tra­ver­so una stra­te­gia di “no­to­rie­tà del mar­chio” si pos­sa raf­for­za­re in Ita­lia e spe­cial­men­te in Eu­ro­pa il brand Ho­me, ho poi con­dot­to un Fo­cus Group, per ca­pi­re me­glio la si­tua­zio­ne ita­lia­na, un que­stio­na­rio on­li­ne e in­ter­vi­sta­to di­ver­si esper­ti del set­to­re per una pa­no­ra­mi­ca com­ple­ta».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.