Mul­te a chi non ac­cet­ta il Pos La leg­ge fa in­fu­ria­re le ca­te­go­rie

Plau­do­no i con­su­ma­to­ri. Le ca­te­go­rie: «Trop­pi co­sti, il go­ver­no az­ze­ri l’ag­gio ban­ca­rio»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Sil­via Ma­diot­to © RIPRODUZIONE RI­SER­VA­TA

PADOVA Da set­tem­bre eser­cen­ti e pro­fes­sio­ni­sti do­vran­no ac­cet­ta­re pa­ga- men­ti Pos da 5 eu­ro in su (al­tri­men­ti scat­ta­no le san­zio­ni). In­sor­go­no com­mer­cian­ti e ar­ti­gia­ni: «Le com­mis­sio­ni ban­ca­rie sono trop­po ele­va­te, van­no ta­glia­te o man­che­rà il gua­da­gno». I con­su­ma­to­ri in­ve­ce plau­do­no: «Un dan­no agli uten­ti l’as­sen­za di re­go­le»

PADOVA Da set­tem­bre si stri­scia. E se no, mul­ta. Se il con­to al bar, dall’idrau­li­co o al su­per­mer­ca­to su­pe­re­rà i 5 eu­ro, nes­su­no po­trà più ac­cam­pa­re scu­se o ri­fiu­tar­si di ri­ce­ve­re il pa­ga­men­to elet­tro­ni­co. Non ci sa­reb­be nul­la di ma­le, di­co­no com­mer­cian­ti e ar­ti­gia­ni ve­ne­ti, per­ché in tut­ta Eu­ro­pa è già così sen­za che nes­su­no si sia scom­po­sto. Solo che, in Ita­lia, un in­ter­ven­to che fa­vo­ri­sce la tra­spa­ren­za nelle tran­sa­zio­ni, la ve­lo­ci­tà e la fa­ci­li­tà di pa­ga­men­to, è va­ni­fi­ca­to da co­sti fis­si, di com­mis­sio­ni e af­fit­to del­lo stru­men­to trop­po ele­va­ti sui qua­li ora, con l’oc­ca­sio­ne, si apre una bat­ta­glia po­li­ti­ca.

L’ob­bli­ga­to­rie­tà per pro­fes­sio­ni­sti ed eser­cen­ti di pos­se­de­re e of­fri­re al con­su­ma­to­re il Pos è già in vi­go­re dal 2015 ma non tut­ti si sono ade­gua­ti. La no­vi­tà di que­sti gior­ni sta nel fat­to che la nuo­va leg­ge che an­drà in vi­go­re do­po le va­can­ze in­tro­dur­rà del­le san­zio­ni (30 eu­ro) a chi ri­fiu­te­rà di ri­ce­ve­re il pa­ga­men­to smart. Dal Ve­ne­to si è al­za­to un coro di rab­bia, a par­ti­re dal pre­si­den­te di Con­f­com­mer­cio Mas­si­mo Za­non: «La resistenza all’uso del­le car­te elet­tro­ni­che è ana­cro­ni­sti­ca, ri­ma­ne­re ai mar­gi­ni è sba­glia­to, ma i co­sti ban­ca­ri sono an­co­ra trop­po al­ti sia per le im­pre­se che per i cit­ta­di­ni». So­stie­ne che al­cu­ne at­ti­vi­tà, co­me le ta­bac­che­rie e gli im­pian­ti di car­bu­ran­te do­vreb­be­ro ad­di­rit­tu­ra es­se­re esen­ta­te dal­le com­mis­sio­ne: «Fanno già da banca per lo Sta­to e sono gra­va­ti dal­le ac­ci­se, con mar­gi­ni di gua­da­gno che sfio­ra­no il ri­di­co­lo». Non fa ostru­zio­ni­smo, Za­non (non di­ce no neanche a due caf­fè pa­ga­ti con la car­ta) ma chie­de del­le mo­di­fi­che «di buon sen­so»: «Al­za­re la so­glia mi­ni­ma per il pa­ga­men­to a 20 eu­ro e to­glie­re i co­sti».

Per le ca­te­go­rie ar­ti­gia­ne si espri­me in to­ni se­ve­ra­men­te con­tra­ri Pao­lo Za­beo, coor­di­na­to­re dell’uf­fi­cio stu­di del­la Cgia di Me­stre: «Sì al­le san­zio­ni per chi non con­sen­ti­rà il pa­ga­men­to so­pra i 5 eu­ro, ma il Pos non sia ob­bli­ga­to­rio per tut­ti. Au­to­tra­spor­ta­to­ri, im­pre­se di co­stru­zio­ni che la­vo­ra­no per il pub­bli­co e azien­de che la­vo­ra­no in sub­for­ni­tu­ra ri­ce­vo­no già pa­ga­men­ti trac­cia­bi­li. In que­sti ca­si l’obbligo del Pos av­van­tag­ge­reb­be solo le ban­che, sa­reb­be un co­sto del tut­to inutile». E poi ci sono idrau­li­ci, elet­tri­ci­sti, cal­dai­sti e col­la­bo­ra­to­ri che la­vo­ra­no in ester­na: «Cia­scu­no di lo­ro do­vrà es­se­re do­ta­to di un Pos, tut­ti co­sti le pic­co­le at­ti­vi­tà ar­ti­gia­na­li?».

Mi­che­le Ghi­ral­do (Fi­da), det­ta­glian­te ali­men­ta­re ad Aba­no, va drit­to al so­do: «Ho accettato un pa­ga­men­to da 50 cen­te­si­mi per una bot­ti­gliet­ta d’acqua, ma co­me po­te­vo di­re di no? Noi of­fria­mo un ser­vi­zio e i tu­ri­sti stra­nie­ri sono abi­tua­ti ad usci­re leg­ge­ri, sen­za con­tan­ti. Lo Sta­to pe­rò non può in­tro­dur­re ob­bli­ghi sen­za da­re nul­la in cam­bio. Non gio­chia­mo ad ar­mi pa­ri». Il pre­si­den­te di Unio­nMa­re Leo­nar­do Ra­nie­ri ge­sti­sce at­ti­vi­tà bal­nea­ri a Chiog­gia e Sot­to­ma­ri­na: «Or­mai let­ti­no e ombrellone si pa­ga­no con la tes­se­ra o col te­le­fo­ni­no, i tu­ri­sti lo chie­do­no. Ma la strut­tu­ra­zio­ne ban­ca­ria è an­co­ra un pro­ble­ma». «Se il go­ver­no vuo­le ri­dur­re l’eva­sio­ne - chio­sa Pa­tri­zio Ber­tin (Ascom Padova) - fac­cia in modo che le ban­che eli­mi­ni­no le com­mis­sio­ni: agli one­sti di­mi­nui­reb­be i co­sti, ai di­so­ne­sti to­glie­reb­be un ali­bi». Per chi la­vo­ra al mer­ca­to la si­tua­zio­ne è di­ver­sa. «Da noi non è mol­to usa­to – am­met­te Ila­rio Sat­tin (Fi­va) -, me­no del­la me­tà de­gli am­bu­lan­ti lo tie­ne. Ma è com­pren­si­bi­le, gli ope­ra­to­ri stra­nie­ri non ne vo­glio­no sa­pe­re. Un pa­ga­men­to di cin­que eu­ro col Pos per noi è im­pen­sa­bi­le, un eu­ro e mezzo se ne va solo in co­sti ban­ca­ri».

Le as­so­cia­zio­ni di con­su­ma­to­ri in­ve­ce plau­do­no all’in­ter­ven­to, che pe­rò ar­ri­va tardi: «Per an­ni l’as­sen­za di prov­ve­di­men­ti e san­zio­ni ha ar­re­ca­to un dan­no enor­me agli uten­ti - ri­le­va il Co­da­cons -. Dai ta­xi agli ar­ti­gia­ni, dai bar ai ri­sto­ran­ti, trop­pe vol­te i con­su­ma­to­ri si sen­to­no ri­spon­de­re “no” al­la le­git­ti­ma ri­chie­sta di pa­ga­re con ban­co­mat o car­te di cre­di­to. Un ri­fiu­to che ali­men­ta l’eva­sio­ne e di cui il Go­ver­no è sta­to com­pli­ce». «I cit­ta­di­ni han­no di­rit­to al­la mas­si­ma li­ber­tà nel­la scel­ta del me­to­do di pa­ga­men­to, è ne­ces­sa­rio che tut­ti si ade­gui­no » ag­giun­ge Fe­der­con­su­ma­to­ri. Fuo­ri dal coro Car­lo Ga­ro­fo­li­ni di Adi­co: «Il pa­ga­men­to elet­tro­ni­co è po­si­ti­vo, si­cu­ro e uti­le per­ché ren­de trac­cia­bi­li le tran­sa­zio­ni, ma è un re­ga­lo al­le ban­che e di­men­ti­chia­mo il clien­te. Le com­mis­sio­ni sul­le spal­le di com­mer­cian­ti e ar­ti­gia­ni fi­ni­ran­no an­che a ca­ri­co dei con­su­ma­to­ri per­ché il ri­schio è che gli ope­ra­to­ri deb­ba­no al­za­re i prez­zi». Ma ci sono an­che al­tre im­pli­ca­zio­ni: «Di­sin­cen­ti­va­re l’uso del con­tan­te fa per­de­re il con­trol­lo del­le pro­prie fi­nan­ze con un ef­fet­to do­mi­no, e gli an­zia­ni sono po­co av­vez­zi all’uso del­la tec­no­lo­gia».

La leg­ge al­lo stu­dio Sa­rà pos­si­bi­le per pa­ga­men­ti dai 5 eu­ro; mul­ta da 30 eu­ro per co­lo­ro che ri­fiu­ta­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.