Sen­ti­nel­le e si­re­ne con­tro le fra­ne A Cor­ti­na si spa­la an­co­ra il fan­go

LA SI­CU­REZ­ZA E LA RI­CO­STRU­ZIO­NE Ce­le­bra­ti i fu­ne­ra­li del medico mor­to, il ve­sco­vo elo­gia la so­li­da­rie­tà tra gli am­pez­za­ni

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - Andrea Prian­te © RIPRODUZIONE RI­SER­VA­TA

COR­TI­NA Si sca­va an­co­ra a Cor­ti­na. Con le ru­spe nell’al­veo del tor­ren­te co­lor caf­fe­lat­te, e a ma­ni nu­de nel fan­go me­sco­la­to a scheg­ge ta­glien­ti co­me la­me nel­la Bot­te­ga del Ve­tro, il pic­co­lo la­bo­ra­to­rio di Al­ve­rà che ve­ner­dì not­te s’è ri­tro­va­to in­va­so dal­la co­la­ta di mel­ma e de­tri­ti. «È tut­to di­strut­to, i mac­chi­na­ri sono da but­ta­re. Ci vor­rà un an­no per ri­par­ti­re», di­ce la ti­to­la­re. È di­spe­ra­ta, la vo­ce rot­ta e il vi­so e le brac­cia im­pia­stric­cia­ti di su­do­re e terra gri­gia co­me le Do­lo­mi­ti.

Il se­stie­re am­pez­za­no è in gi­noc­chio ma pro­va a rial­zar­si. Il sole, asciu­gan­do le pie­tre, re­sti­tui­sce quel che re­sta di una quo­ti­dia­ni­tà spez­za­ta: re­gi­stra­to­ri di cas­sa, la tar­ga strap­pa­ta da un’au­to­mo­bi­le, pal­lo­ni da cal­cio e car­cas­se di ani­ma­li. Le sbar­re di me­tal­lo, ai la­ti del­la car­reg­gia­ta, sono pie­ga­te co­me fos­se­ro di car­to­ne. Tut­to vie­ne lavato con cu­ra, usan­do dei get­ti d’acqua. E in­tan­to, a po­che cen­ti­na­ia di me­tri, la po­li­zia lo­ca­le fer­ma le au­to ten­tan­do di te­ne­re al­la lar­ga i cu­rio­si a caccia di un sel­fie sul luo­go del disastro.

I vo­lon­ta­ri spa­la­no nel­la ve­tre­ria e nelle un­di­ci ca­se eva­cua­te, ri­sa­len­do lun­go le spon­de del Bi­gon­ti­na fi­no al fie­ni­le di San­dro Bian­chi. «Ci sono pie­tre e fan­go dap­per­tut­to – rac­con­ta – per for­tu­na io abi­to al­tro­ve e quan­do è piom­ba­ta la fra­na all’in­ter­no c’era­no solo le mie gal­li­ne. Si sono sal­va­te pu­re lo­ro, met­ten­do­si al ri­pa­ro co­me po­te­va­no, sa­len­do ai pia­ni più al­ti...».

Po­co più in là, gli ope­rai uti­liz­za­no dei mar­tel­li mec­ca­ni­ci per spez­za­re i gi­gan­te­schi mas­si fra­na­ti dal Cri­stal­lo che an­co­ra ostrui­sco­no il let­to del fiu­me. Le pa­le, poi, ca­ri­ca­no tut­to sui ca­mion che fanno la spo­la at­tra­ver­so il pae­se. Ma il peg­gio è pas­sa­to e la vi­ta, nel­la con­tra­da, sta tor­nan­do al­la nor­ma­li­tà: le stra­de sono sta­te ri­pu­li­te, an­che dal­le car­cas­se del­le au­to spaz­za­te via dal­la fu­ria del­la mon­ta­gna.

Og­gi il Cen­tro ope­ra­ti­vo co­mu­na­le – che ge­sti­sce l’emer­gen­za – si riu­ni­rà per de­ci­de­re co­me procedere. Po­treb­be rien­tra­re nelle abi­ta­zio­ni buo­na par­te del­la tren­ti­na di sfol­la­ti (solo due ca­se sono com­ple­ta­men­te ina­gi­bi­li) con un av­ver­ti­men­to: «Se do­ves­se­ro es­ser­ci nuo­vi smot­ta­men­ti spie­ga il sin­da­co Gian­pie­tro Ghe­di­na - do­vran­no es­se­re pron­ti ad al­lon­ta­nar­si». Il pia­no pre­ve­de del­le sen­ti­nel­le lun­go tut­to il per­cor­so del­la fra­na. «Il si­ste­ma di mo­ni­to­rag­gio – as­si­cu­ra – è già at­ti­vo e av­vie­ne in tre pun­ti: sul Rio Ge­re, a La­go Scin e nell’abi­ta­to di Al­ve­rà. La pro­te­zio­ne ci­vi­le è pron­ta a da­re l’al­lar­me non ap­pe­na si do­ves­se­ro re­gi­stra­re nuo­vi smot­ta­men­ti. Nel ca­so, i mez­zi dei vi­gi­li del fuo­co sono do­ta­ti di si­re­ne, per av­vi­sa­re la po­po­la­zio­ne». Ma que­sto av­vie­ne di gior­no. Og­gi si stu­die­rà co­me esten­de­re le mi­su­re di pre­ven­zio­ne an­che al­le ore not­tur­ne.

Un bam­bi­no al­la fi­ne­stra gio­ca a fa­re pal­li­ne di fan­go men­tre i ge­ni­to­ri ri­pu­li­sco­no i mo­bi­li del­la sa­la da pran­zo. L’acqua en­tra nel le­gno, lo gon­fia, lo scol­la, fi­no a di­strug­ger­lo. «E’ tut­to da but­ta­re» rac­con­ta­no.

Dal pae­se ar­ri­va il suo­no me­sto del­le cam­pa­ne. È il fu­ne­ra­le del­la po­ve­ra Car­la Cat­tu­ra­ni, l’ex ane­ste­si­sta del Co­di­vil­la uc­ci­sa dal­la fra­na. Sta­va rien­tran­do in au­to dal­la sa­gra pae­sa­na, do­ve ave­va la­vo­ra­to co­me vo­lon­ta­ria, quan­do l’on­da­ta di de­tri­ti l’ha cen­tra­ta in pie­no. Il ve­sco­vo Re­na­to Ma­ran­go­ni fa ap­pel­lo «a una re­spon­sa­bi­li­tà di far­si ca­ri­co gli uni de­gli altri» e si di­ce vicino «a tut­ti co­lo­ro che, in un ser­vi­zio ge­ne­ro­so, con at­ten­zio­ne e com­pas­sio­ne si sono presi cu­ra de­gli abi­tan­ti di Al­ve­rà. È qui che mo­stria­mo il me­glio di noi stes­si, del no­stro po­po­lo, di quel­lo che sia­mo e di quel­lo che vor­rem­mo es­se­re».

Il ve­sco­vo par­la di «una re­ci­pro­ca fra­ter­ni­tà tra Na­tu­ra e re­spon­sa­bi­li­tà uma­ne», e ad ascol­tar­lo c’è an­che il grup­po di vo­lon­ta­ri del­la fe­sta al­la qua­le ave­va par­te­ci­pa­to Car­la Cat­tu­ra­ni, gli ope­ra­to­ri del­la Cro­ce Bian­ca e i vi­gi­li del fuo­co che per pri­mi sono in­ter­ve­nu­ti sul luo­go del disastro.

Fuo­ri dal­la chiesa, lo stru­scio pro­se­gue co­me nul­la fos­se. Una co­mi­ti­va di tu­ri­sti si chie­de co­sa stia ac­ca­den­do, per­ché le boutique di Cor­so Ita­lia ab­bas­si­no le sa­ra­ci­ne­sche, la Coo­pe­ra­ti­va chiu­da per il lut­to cit­ta­di­no pro­cla­ma­to dal sin­da­co, e il Co­mu­ne espon­ga le ban­die­re a mezz’asta. È la gen­te di mon­ta­gna che si strin­ge in­tor­no a chi non ce l’ha fat­ta, ed è un sen­ti­men­to così for­te che, al­me­no per qual­che ora, rie­sce a fre­na­re la gio­stra del­le va­can­ze in se­gno di ri­spet­to nei con­fron­ti di una ba­ra di le­gno chia­ro, così leg­ge­ra da ri­cor­da­re a tut­ti con quanta po­ten­za, l’al­tra not­te, la fra­na si sia ab­bat­tu­ta sul se­strie­re.

Il cor­teo fu­ne­bre si al­lon­ta­na, di­ret­to al ci­mi­te­ro. E ad Al­ve­rà si con­ti­nua a spa­la­re fin quan­do non fa buio. I vo­lon­ta­ri la­vo­ra­no do­di­ci ore fi­la­te, un oc­chio al fan­go e l’al­tro al cie­lo az­zur­ro. In mezzo c’è il Cri­stal­lo, con quei mas­si enor­mi an­co­ra in bi­li­co so­pra le lo­ro ca­se. Ci sono del­le nu­vo­le in lon­ta­nan­za. «Speriamo non ri­co­min­ci a pio­ve­re», di­ce Bian­chi di fron­te al suo fie­ni­le. Speriamo.

Il sin­da­co Ghe­di­na Il mo­ni­to­rag­gio del­la fra­na è già at­ti­vo e la Pro­te­zio­ne ci­vi­le è pron­ta a da­re l’al­lar­me Il ve­sco­vo Ma­ran­go­ni Sono vicino a chi si è pre­so cu­ra di Al­ve­rà, nel­la tragedia mo­stria­mo il me­glio di noi stes­si

Fan­go e scheg­ge di ve­tro La ti­to­la­re e gli ope­rai sca­va­no con le ma­ni nel­la co­la­ta di de­tri­ti che ha in­va­so la Bot­te­ga del Ve­tro ad Al­ve­rà «È tut­to di­strut­to»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.