Sara Si­meo­ni con gli atle­ti ca­stel­la­ni «Sal­va­te la pi­sta del mio re­cord»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Treviso - di Re­na­to Pi­va © RIPRODUZIONE RI­SER­VA­TA

CA­STEL­FRAN­CO VE­NE­TO An­no di gra­zia 1970, sette set­tem­bre. Le fe­rie si chia­ma­no an­co­ra fe­rie, il ter­mi­ne va­can­za è di là da ve­ni­re. Nei bar, di nuo­vo pie­ni do­po il de­ser­to d’ago­sto, tie­ne an­co­ra ban­co Ita­lia-Ger­ma­nia 4-3 al Mun­dial mes­si­ca­no. Ma non c’è solo il cal­cio, nell’estate del ‘70. Chi ama lo sport, l’atletica, sa che il gior­no pri­ma una ra­gaz­za veronese con un ce­sto di capelli ne­ri, un sorriso enor­me e gam­be da fe­ni­cot­te­ro ha al­za­to a 1.75 il re­cord ita­lia­no del sal­to in al­to. Si chia­ma Sara Si­meo­ni, e il 6 set­tem­bre di quell’an­no ha ri­toc­ca­to il suo per­so­na­le: un me­tro e 73, sal­ta­to un me­se ad­die­tro a Bu­ca­re­st. Il nuo­vo re­cord ita­lia­no vie­ne re­gi­stra­to a Ca­stel­fran­co, sta­bi­li­to nel­la pi­sta fre­sca di tar­tan di via Re­di­pu­glia. Sono i pri­mi bal­zi di una leg­gen­da, che die­ci an­ni do­po toc­che­rà il cie­lo olim­pi­co con l’oro di Mo­sca.

Per la ve­ri­tà, Sara Si­meo­ni ar­ri­va a quell’olim­pia­de sul­le ali del mi­to. Due an­ni pri­ma, a Bre­scia, è vo­la­ta, pri­ma don­na al mon­do, un cen­ti­me­tro ol­tre la fa­ti­di­ca bar­rie­ra dei due me­tri. Mo­men­ti eter­ni, in­di­men­ti­ca­bi­li, ma la pri­ma di­vi­na dell’atletica ita­lia­na non ha scor­da­to gli ini­zi, i pri­mi sal­ti. Ca­stel­fran­co è uno sca­li­no nel­la gran­de sa­li­ta, di quel­li che si con­ser­va­no nel cuo­re. Nel cuo­re c’è an­che la pi­sta di quel re­cord de­gli al­bo­ri, che ha i me­si con­ta­ti. «Ca­stel­to fran­co? Sono pas­sa­ti tan­ti an­ni... Ma sì, cer­to. Sono vicina agli atle­ti e a tut­ti i ra­gaz­zi che si stan­no im­pe­gnan­do per­ché non ven­ga can­cel­la­to l’im­pian­to», di­ce dal­la sua ca­sa di Ri­vo­li.

La fir­ma stel­la­re di Sara va quin­di ad ag­giun­ger­si a quel­le di Mau­ri­zio Bob­ba­to (800 me­tri), De­vis Fa­va­ro e Da­nie­la Mar­co­ni (osta­co­li), Lau­ra Gat­to (sal- in lun­go), Se­ba­stia­no Mar­con (al­to, co­me la Si­meo­ni) e di tan­ti ex cam­pio­ni, cam­pion­ci­ni, pra­ti­can­ti e ap­pas­sio­na­ti di atletica che stan­no chie­den­do al sin­da­co di Ca­stel­fran­co, Ste­fa­no Mar­con, di non can­cel­la­re via Re­di­pu­glia. Mar­con ha aper­to al­la ri­chie­sta di in­con­tro ma ha an­che spie­ga­to, pa­ra­fra­san­do i Tre­tré del mi­ti­co Dri­ve In, che «l’acqua è po­ca, os­sia scar­seg­gia, e la pa­pe­ra non gal­leg­gia». Tra­dot­to: «No ghe se schei», per cui via la pi­sta e atletica ca­stel­la­na co­stret­ta ad emi­gra­re nell’im­pian­to del­la vicina, ma non vi­ci­nis­si­ma, Ve­de­la­go.

«Sono si­tua­zio­ni che si ri­pe­to­no dap­per­tut­to - il pen­sie­ro del­la Si­meo­ni -. Tan­ti cam­pi di atletica sono sta­ti ab­ban­do­na­ti ma, se pen­so all’im­pat­to po­si­ti­vo di que­sto sport sul­la sa­lu­te e la so­cia­li­tà, di­co che per can­cel­la­re una pi­sta ci vuo­le del co­rag­gio. Non di­co che per fa­re atletica ser­va un im­pian­to sot­to ca­sa, ma ne­gli an­ni del­la scuola (quan­do si inizia la pra­ti­ca, ndr) spo­sta­re i ra­gaz­zi, con tut­ti i lo­ro im­pe­gni e quel­li dei ge­ni­to­ri, è com­pli­ca­to. Mol­ti ab­ban­do­na­no. É suc­ces­so an­che a mio fi­glio: era bra­vo ma qui a Ri­vo­li una pi­sta non c’è». Ec­co: Ca­stel­fran­co è cen­tro sco­la­sti­co, con tut­ti gli in­di­riz­zi e i gra­di; non così Ve­de­la­go. Da Ri­vo­li uno spun­to di ri­fles­sio­ne.

Sara Si­meo­ni L’atletica è im­por­tan­te per la sa­lu­te e la so­cia­li­tà Ci vuo­le del co­rag­gio per can­cel­la­re una pi­sta

Il ri­cor­do A Ca­stel­fran­co, il 6 set­tem­bre 1970, uno dei pri­mi re­cord italiani nell’al­to di Sara Si­meo­ni, pri­ma don­na ol­tre i due me­tri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.