Ma­tu­ri­tà in quat­tro an­ni «Noi ab­bia­mo già ini­zia­to»

Le ra­gaz­ze del li­ceo An­ti di Villafranca: se­let­ti­va ma nuo­va in tut­to

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Glo­ria Ber­ta­si e Da­vi­de Or­sa­to

VILLAFRANCA (VE­RO­NA) Al via la spe­ri­men­ta­zio­ne del di­plo­ma «bre­ve» e il pre­si­de del li­ceo Broc­chi di Bas­sa­no del Grap­pa è già pron­to a par­te­ci­pa­re al ban­do mi­ni­ste­ria­li ri­vol­to a cen­to clas­si che dal 2018 pro­ve­ran­no a con­cen­tra­re i pro­gram­mi sco­la­sti­ci in quat­tro an­ni. Ma in Ve­ne­to, dal 2013, c’è già una scuo­la che te­sta que­sto mo­del­lo: il Car­lo An­ti di Villafranca di Ve­ro­na. A giu­gno i pri­mi di­plo­ma­ti.

VILLAFRANCA (VE­RO­NA) Il go­ver­no ha de­ci­so, la scuo­la de­ve met­ter­si al passo con i tem­pi per far sì che i gio­va­ni ita­lia­ni sia­no com­pe­ti­ti­vi con il re­sto d’Eu­ro­pa e fi­ni­re prima le su­pe­rio­ri. E co­sì, dal pros­si­mo an­no, ar­ri­ve­rà il «di­plo­ma in quat­tro an­ni». Ma so­lo in cen­to clas­si, in via spe­ri­men­ta­le. In real­tà, non è una no­vi­tà as­so­lu­ta: nel 2013, un­di­ci scuo­le han­no già at­ti­va­to al­cu­ni pro­get­ti spe­ri­men­ta­li e da al­lo­ra il pro­get­to non si fer­ma­to. Uno de­gli isti­tu­ti spe­ri­men­ta­li è in Ve­ne­to, il Car­lo An­ti di Villafranca di Ve­ro­na. Qui, a giu­gno, una tren­ti­na di stu­den­ti del­lo scien­ti­fi­co e del tec­ni­co in­for­ma­ti­co farà la ma­tu­ri­tà dopo quat­tro an­ni in clas­se.

«Ma co­me, e noi?». Nel ve­de­re i te­le­gior­na­li e nel leg­ge­re i quo­ti­dia­ni, ie­ri, Eleonora, So­fia e Bea­tri­ce han­no avu­to un sus­sul­to: «Tutti par­la­no della no­vi­tà del li­ceo di quat­tro an­ni ma noi già lo fac­cia­mo». Le tre ra­gaz­ze han­no da po­co fi­ni­to il ter­zo an­no del li­ceo scien­ti­fi­co e so­no pron­te, an­zi pron­tis­si­me, ad af­fron­ta­re l‘ul­ti­ma fa­ti­ca sui ban­chi: i no­ve me­si che por­ta­no drit­ti alla ma­tu­ri­tà, la pro­va del­le pro­ve, che anche da adul­ti si ri­cor­da con sog­ge­zio­ne.

Ep­pu­re, So­fia, Eleonora e Bea­tri­ce (omet­tia­mo il co­gno­me in quan­to mi­no­ren­ni) si sentono tran­quil­le. Sa­rà che in clas­se so­no in 14, la me­tà del nu­me­ro me­dio de­gli isti­tu­ti «nor­ma­li», e che i lo­ro prof so­no di­spo­ni­bi­li ad aiu­tar­le. «La no­stra è una scuo­la di­ver­sa, già ne­gli ar­re­di – rac­con­ta Eleonora -, non ab­bia­mo fi­le di ban­chi o pro­fes­so­ri in cat­te­dra: sia­mo in un cer­chio e c’è un an­go­lo de­di­ca­to al di­bat­ti­to e al con­fron­to».

Al­lo spe­ri­men­ta­le dell’An­ti ci so­no anche due la­va­gne mul­ti­me­dia­li e pc per tutti. «Ci han­no for­ni­to, in prima, un com­pu­ter a te­sta, un por­ta­ti­le, do­vre­mo re­sti­tuir­lo dopo la ma­tu­ri­tà: è un gran­de aiu­to e un ri­spar­mio per le no­stre fa­mi­glie», ag­giun­ge. I 14 della clas­se spe­ri­men­ta­le (per lo più stu­den­tes­se) han­no 32 ore set­ti­ma­na­li di le­zio­ne e stu­dia­no due lin­gue, in­gle­se e te­de­sco con sog­gior­ni all’estero. «Sia­mo sta­ti in Ger­ma­nia, in Olan­da, a Londra e a Brighton», di­ce So­fia. Nel Re­gno Uni­to han­no fat­to l’al­ter­nan­za scuo­la la­vo­ro, ospi­ta­ti in fa­mi­glia. «A Brighton ero in un cha­ri­ty shop – spie­ga Eleonora -, a Londra ero in un call cen­ter, è sta­to mol­to for­ma­ti­vo, ho avu­to un as­sag­gio di cos’è la­vo­ra­re». E l’in­gle­se ora non è so­lo un so­net­to di Sha­ke­spea­re stu­dia­to in clas­se. «Noi in­te­ra­gia­mo a scuo­la, non ascol­tia­mo e ba­sta la le­zio­ne», sor­ri­de So­fia.

«Gli stu­den­ti so­no mol­to mo­ti­va­ti - com­men­ta il pre­si­de Claudio Par­di­ni - e i risultati del­le no­stre sei clas­si (tre di li­ceo e tre di tec­ni­co in­for­ma­ti­co, ndr) so­no su­pe­rio­ri alla me­dia». I ra­gaz­zi plau­do­no alla spe­ri­men­ta­zio­ne, le fa­mi­glie, di contro, so­no dub­bio­se. «C’è una cer­ta cau­te­la da par­te del­le fa­mi­glie e non c’è mai sta­to un boom di iscri­zio­ni - di­ce il pre­si­de -. In al­cu­ni ca­si, c’era da par­te dei ge­ni­to­ri la pre­oc­cu­pa­zio­ne, in­fon­da­ta, che quan­ti si fos­se­ro di­plo­ma­ti con que­sto per­cor­so non po­tes­se­ro iscri­ver­si all’uni­ver­si­tà». In­ve­ce, Eleonora e So­fia han­no già le idee chia­re. «Vor­rei stu­dia­re geo­lo­gia», di­ce la prima. «Pro­ve­rò il test di me­di­ci­na», s’ac­co­da So­fia, la più gio­va­ne della clas­se: «Ho fat­to la pri­mi­na, fa­rò la ma­tu­ri­tà a 17 an­ni, una gran­de for­tu­na».

Tut­te e tre, a vol­te, di fron­te alla mo­le di stu­dio, han­no mo­men­ti di sco­ra­men­to. Ma «lo ri­fa­rem­mo su­bi­to», di­co­no in co­ro. Anche per­ché in nes­su­na scuo­la gli stu­den­ti han­no pc e di­bat­ti­ti, viag­gi stu­dio e scam­bi cul­tu­ra­li. «Ab­bia­mo anche al­tro – con­clu­do­no -, ogni set­ti­ma­na sia­mo nei la­bo­ra­to­ri di fi­si­ca, chi­mi­ca e in­for­ma­ti­ca e poi c’è la piat­ta­for­ma». La «piat­ta­for­ma» è il col­le­ga­men­to vir­tua­le po­me­ri­dia­no, via web, con gli in­se­gnan­ti che ap­pro­fon­di­sco­no le ma­te­rie, as­se­gna­no e cor­reg­go­no i com­pi­ti.

«Ab­bia­mo do­vu­to ri­ve­de­re la di­dat­ti­ca – spie­ga Par­di­ni – non si fa nul­la di me­no ma in mo­do di­ver­so. È cam­bia­to l’ap­proc­cio al­le di­sci­pli­ne uma­ni­sti­che: si pre­di­li­go­no i te­mi, si de­di­ca più tem­po alla con­tem­po­ra­nei­tà». Da que­st’an­no poi ar­ri­va un aiu­to ex­tra per la ma­te­ma­ti­ca: «Ini­zie­re­mo le le­zio­ni una set­ti­ma­na prima con un cor­so in­ten­si­vo sul cal­co­lo evo­lu­to te­nu­to da un do­cen­te uni­ver­si­ta­rio», con­clu­de Par­di­ni. Non tutti re­si­sto­no alla pres­sio­ne della spe­ri­men­ta­zio­ne. «Era­va­mo in 25 il pri­mo an­no, mol­ti cre­de­va­no che la spe­ri­men­ta­zio­ne fos­se una scor­cia­to­ia: due me­si dopo era­va­mo già in 18 – pre­ci­sa So­fia - que­sto li­ceo va be­ne a chi sa che do­vrà stu­dia­re tan­to».

Par­di­ni Ab­bia­mo mo­di­fi­ca­to la di­dat­ti­ca e i ra­gaz­zi so­no mol­to mo­ti­va­ti Gli stu­den­ti Dob­bia­mo stu­dia­re tan­to ma ab­bia­mo più op­por­tu­ni­tà

(Fo­to dal si­to web ufficiale della scuo­la)

Lo scam­bio cul­tu­ra­le La clas­se in Olan­da

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.