Sfol­la­ti ospi­ta­ti dai tu­ri­sti in­den­ni

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Ma. Za. © RIPRODUZIONE RISERVATA

CA­VAL­LI­NO TRE­POR­TI (VE­NE­ZIA) È ga­ra di so­li­da­rie­tà fra i cam­peg­gi col­pi­ti dal for­tu­na­le. De­ci­ne le fa­mi­glie di va­can­zie­ri che han­no per­so la lo­ro rou­lot­te, che si so­no vi­ste il bun­ga­low ab­bat­tu­to da uno dei cen­ti­na­ia di pi­ni ma­rit­ti­mi sra­di­ca­ti dal­la fu­ria del ven­to. Pro­ta­go­ni­sta di quei die­ci mi­nu­ti di ter­ro­re e buio è sta­ta la lun­ga pi­ne­ta che om­breg­gia 28 cam­peg­gi in gra­do di ac­co­glie­re fi­no a 65mi­la tu­ri­sti ap­pas­sio­na­ti di va­can­ze all’aria aper­te. «Sia­mo in pie­na al­ta stagione — spie­ga Fran­ce­sco Ber­ton, pre­si­den­te di As­so­cam­ping — con­tia­mo 60mi­la pre­sen­ze». Due­cen­to i pi­ni ma­rit­ti­mi ab­bat­tu­ti nel solo «Union Li­do», il più grande cam­peg­gio d’Eu­ro­pa, cit­ta­del­la do­ta­ta di ogni com­fort, chi­lo­me­tri di via­let­ti che si sro­to­la­no sot­to le chio­me al­te dei pi­ni, gli stes­si che han­no ra­so al suo­lo de­ci­ne di piaz­zo­le.

Col­pi­ti con par­ti­co­la­re vio­len­za an­che l’«Ezio Stel­la Ma­ris» e il «Cam­ping Me­di­ter­ra­neo». Niente lu­ce elet­tri­ca per ore, li­nee te­le­fo­ni­che sal­ta­te ma an­che l’im­me­dia­ta rea­zio­ne dell’«eser­ci­to» dei cam­peg­gi, cen­ti­na­ia di di­pen­den­ti che so­no in­ter­ve­nu­ti per aiu­ta­re chi è sta­to sor­pre­so in ve­ran­da o ap­pe­na fuo­ri la rou­lot­te. «I pro­prie­ta­ri so­no im­pe­gna­ti sul cam­po — spie­ga la si­gno­ra Fio­ren­za del­lo «Stel­la Ma­ris» — i dan­ni al­le strut­tu­re cau­sa­te dai pi­ni sra­di­ca­ti so­no mol­ti. Ci ha col­pi­to mol­to la so­li­da­rie­tà fra tu­ri­sti, i più for­tu­na­ti si so­no su­bi­to of­fer­ti di ospi­ta­re chi non ave­va più un let­to».

Un leit mo­tiv, quel­lo della so­li­da­rie­tà, con­fer­ma­to da Pao­lo Ber­to­li­ni, pre­si­den­te del Con­sor­zio di pro­mo­zio­ne tu­ri­sti­ca di Ca­val­li­no: «I vo­lon­ta­ri so­no ar­ri­va­ti su­bi­to, i cam­peg­gi so­no un bru­li­chio di per­so­ne di buo­na vo­lon­tà che si of­fro­no di da­re una ma­no. In un mo­men­to co­me que­sto è un pen­sie­ro che ci ras­se­re­na. For­tu­na­ta­men­te so­no luo­ghi ben or­ga­niz­za­ti, chi era a ca­sa per il giorno di ri­po­so è ac­cor­so im­me­dia­ta­men­te per aiu­ta­re. Ab­bia­mo un si­ste­ma di scam­bio di in­for­ma­zio­ni ef­fi­cien­te fra noi ma an­che con gli ho­tel. Si sta prov­ve­den­do a tro­va­re un al­log­gio a chi è sta­to col­pi­to, usan­do an­che le stan­ze ri­ser­va­te al per­so­na­le e le no­stre abi­ta­zio­ni».

Ber­ton, un’ora do­po la trom­ba d’aria, coor­di­na­va gli as­so­cia­ti e la­vo­ra­va nel suo cam­peg­gio per sgom­bra­re gli al­be­ri ca­du­ti. «Sen­te il ru­mo­re in sot­to­fon­do? — chie­de al te­le­fo­no — So­no le mo­to­se­ghe all’ope­ra. Per for­tu­na i no­stri cam­peg­gi so­no at­trez­za­ti an­che da que­sto pun­to di vi­sta». Tra ten­de e rou­lot­te ci si è su­bi­to rim­boc­ca­ti le ma­ni­che.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.