«La mam­ma di Au­ro­ra ria­vrà il la­vo­ro»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di An­drea Pi­sto­re

La sto­ria di Au­ro­ra, la bim­ba più buo­na d’Ita­lia, mor­ta di leu­ce­mia, ha an­che un al­tro epi­lo­go. La ma­dre Va­len­ti­na, che era sta­ta li­cen­zia­ta, ria­vrà il po­sto di la­vo­ro.

PA­DO­VA Era sta­ta li­cen­zia­ta la mam­ma di Au­ro­ra. La bu­ro­cra­zia ave­va im­po­sto que­sta scel­ta estre­ma alla Pa­stic­ce­ria Fo­rin di Vi­gon­za, do­ve la don­na era im­pie­ga­ta dal 2010 e che non ap­pe­na la fi­glia si era am­ma­la­ta di leu­ce­mia, ave­va do­vu­to stra­vol­ge­re ul­te­rior­men­te la sua vi­ta. La sto­ria poi è sta­ta an­co­ra più cru­da con Va­len­ti­na Do­nà: Au­ro­ra Ma­sie­ro ha tra­scor­so gli ul­ti­mi an­ni lot­tan­do con­tro un ma­le che se l’è por­ta­ta via mer­co­le­dì scor­so.

La bam­bi­na più buo­na d’Ita­lia, com’era sta­ta de­fi­ni­ta do­po che nel 2013 ave­va scel­to di far­si re­ga­la­re un sal­va­da­na­io per il com­plean­no e di do­na­re le of­fer­te al Team For Chil­dren che l’ave­va in cura, ades­so non c’è più. E se una buo­na no­ti­zia può ar­ri­va­re alla fa­mi­glia Ma­sie­ro, è quel­la che la don­na non ap­pe­na avrà su­pe­ra­to il pe­rio­do dif­fi­ci­le, ot­ter­rà di nuo­vo il suo po­sto di la­vo­ro nell’azien­da che pro­du­ce dol­ci. Nell’ul­ti­mo pe­rio­do Va­len­ti­na Do­nà e la pa­stic­ce­ria han­no pro­va­to a fa­re di tut­to per man­te­ne­re il la­vo­ro del­la don­na e a per­met­ter­le di sta­re die­tro alla pic­co­la. Poi a giu­gno le co­se si so­no com­pli­ca­te. L’aspet­ta­ti­va era sta­ta con­su­ma­ta e re­sta­va so­lo la via del li­cen­zia­men­to per con­se­gui­re la di­soc­cu­pa­zio­ne. L’im­pre­sa ar­ti­gia­na e la fa­mi­glia Ma­sie­ro ave­va­no tro­va­to pe­rò un pun­to in co­mu­ne: non ap­pe­na la si­tua­zio­ne fos­se mi­glio­ra­ta, la don­na sa­reb­be tor­na­ta a la­vo­ro. Pur­trop­po Au­ro­ra non ce l’ha fat­ta e se an­che l’epi­lo­go è quel­lo che nes­su­no avreb­be vo­lu­to, ie­ri si so­no su­bi­to at­ti­va­te le pro­ce­du­re per una sua nuo­va as­sun­zio­ne.

Sul­la que­stio­ne ha vi­gi­la­to il sin­da­ca­to Uilm che ha fat­to usci­re una no­ta: «Sce­glie­re tra il la­vo­ro e la fa­mi­glia è la ver­go­gno­sa si­tua­zio­ne in cui si tro­va­no tan­ti ge­ni­to­ri a se­gui­to di po­li­ti­che di go­ver­no che han­no pen­sa­to so­lo a in­ven­ta­re nuove as­sun­zio­ni co­me il Jobs act. La tra­ge­dia del­la pic­co­la Au­ro­ra ha ac­ce­so il di­bat­ti­to sul web per un’azien­da ar­ti­gia­na che do­po aver esau­ri­to quan­to pre­vi­sto per leg­ge non ha po­tu­to fa­re al­tro che at­ti­va­re la na­spi co­me ul­ti­mo am­mor­tiz­za­to­re per da­re un red­di­to alla la­vo­ra­tri­ce. Le di­men­sio­ni di que­ste pic­co­le azien­de non per­met­to­no fon­di di so­li­da­rie­tà, un pro­ble­ma di cui il go­ver­no non si oc­cu­pa. Il 30 giu­gno la mam­ma del­la pic­co­la Au­ro­ra as­si­sti­ta dal­la Uilm Pa­do­va ha par­la­to con la pa­stic­ce­ria: su­bi­to è emer­sa la vo­lon­tà di trat­ta­re sia i tem­pi di ces­sa­zio­ne del rap­por­to di la­vo­ro, sia è emer­sa la pie­na di­spo­ni­bi­li­tà a fa­vo­ri­re il rien­tro del­la stes­sa al mi­glio­ra­men­to del­la si­tua­zio­ne. Pos­sia­mo as­si­cu­ra­re che è già sta­to sot­to­scrit­to l’im­pe­gno del­la pa­stic­ce­ria ad as­su­me­re di nuo­vo la la­vo­ra­tri­ce nei tem­pi e nei mo­di più con­so­ni». Va­len­ti­na Do­nà tor­ne­rà quin­di nell’azien­da dol­cia­ria dov’è sta­ta as­sun­ta la pri­ma vol­ta nel 2010. In­tan­to og­gi sa­rà il gior­no del sa­lu­to ad Au­ro­ra. Il ri­to fu­ne­bre ver­rà ce­le­bra­to nel­la chie­sa par­roc­chia­le di San Bar­to­lo­meo a Fos­sò nel ve­ne­zia­no do­ve i ge­ni­to­ri abi­ta­no.

Ab­brac­cio Au­ro­ra e la mam­ma Va­len­ti­na si ab­brac­cia­no sor­ri­den­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.