«L’Ar­mi­nu­ta» Di Pie­tran­to­nio e gli strap­pi del­la vi­ta

L’in­ten­so ro­man­zo di Do­na­tel­la Di Pie­tran­to­nio

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Fran­ce­sca Vi­sen­tin

«L’Ar­mi­nu­ta» (Ei­nau­di) di Do­na­tel­la di Pie­tran­to­nio è uno dei cin­que ro­man­zi fi­na­li­sti del Cam­piel­lo. Gli al­tri so­no «Qual­co­sa sui Leh­man» (Mon­da­do­ri) di Ste­fa­no Mas­si­ni, «La cit­tà in­te­rio­re» (Na­ve di Te­seo) di Mauro Co­va­ci­ch, «La not­te ha la mia vo­ce» (Ei­nau­di) di Ales­san­dra Sar­chi e «La ra­gaz­za selvaggia» (Mar­si­lio) di Lau­ra Pu­gno. Il vin­ci­to­re sa­rà pro­cla­ma­to il 9 set­tem­bre alla Fe­ni­ce.

Si en­tra in que­sta sto­ria e nien­te è più co­me pri­ma. Le pa­gi­ne am­ma­lia­no, tra­sci­na­no in un ro­man­zo che pren­de vi­ta. Do­na­tel­la Di Pie­tran­to­nio con L’Ar­mi­nu­ta (Ei­nau­di) è una dei cin­que fi­na­li­sti del Pre­mio Cam­piel­lo. Una sto­ria «scor­ti­can­te», che rac­con­ta gli strap­pi del­la vi­ta, at­tra­ver­so la vo­ce nar­ran­te di un’ado­le­scen­te. Rit­mo nar­ra­ti­vo pie­no di lu­ce, ca­pa­ce di go­ver­na­re con de­li­ca­tez­za una sto­ria in­can­de­scen­te. Una ra­gaz­zi­na di tre­di­ci an­ni bus­sa alla porta di una ca­sa sco­no­sciu­ta. Del­la sua vi­ta pre­ce­den­te, a par­te po­chi ba­ga­gli, non porta con sé nul­la.

E per tut­ti di­ven­ta su­bi­to «l’Ar­mi­nu­ta», «la ri­tor­na­ta», in dia­let­to abruz­ze­se. È ri­tor­na­ta dai ge­ni­to­ri na­tu­ra­li, che do­po po­chi me­si dal­la na­sci­ta l’ave­va­no da­ta a pa­ren­ti ric­chi. Una vi­ta bor­ghe­se, con quel­li che cre­de­va es­se­re mam­ma e pa­pà, una ca­sa a po­chi pas­si dal ma­re, le scuo­le, le ami­che, le le­zio­ni di dan­za.

Poi all’im­prov­vi­so quel­lo «strap­po» sen­za un per­ché. Vie­ne ri­por­ta­ta in­die­tro dai ge­ni­to­ri na­tu­ra­li, non può più ve­de­re la sua ama­tis­si­ma «mam­ma», quel­la che per lei è sem­pre sta­ta l’uni­ca mam­ma. Nes­su­no le spie­ga cos’è suc­ces­so. Si ri­tro­va da­van­ti un’estra­nea cir­con­da­ta di fi­gli, sem­pre chi­na sul la­vo­ro, che par­la (po­co) so­lo in dia­let­to. Sra­di­ca­ta, ri­fiu­ta­ta per ben due vol­te dal­le per­so­ne che avreb­be­ro do­vu­to ac­cu­dir­la e pro­teg­ger­la, l’Ar­mi­nu­ta vie­ne ca­ta­pul­ta­ta in una quo­ti­dia­ni­tà fat­ta di stan­ze so­vraf­fol­la­te, de­gra­do e fa­me.

De­ve in­ven­tar­si una nuo­va esi­sten­za e riu­sci­re a so­prav­vi­ve­re. Per­ché mi man­da­no qui? Si chie­de. E per­ché im­prov­vi­sa­men­te mi toc­ca la mi­se­ria di una fa­mi­glia af­fol­la­ta, spor­ca e pro­mi­scua, do­po un’in­fan­zia fe­li­ce, tra per­so­ne gentili? Spro­fon­da in un mon­do pri­mi­ti­vo, tra vio­len­za fa­mi­glia­re e fa­me. Tut­to sem­bra per­du­to. An­che la sua iden­ti­tà. Non sa più chi è e co­sa le è ac­ca­du­to.

Un viag­gio den­tro i sen­ti­men­ti, un do­lo­ro­so per­cor­so di cre­sci­ta, do­ve tut­ti do­vran­no fa­re i con­ti con se­gre­ti e do­lo­re. Non c’è un uni­co col­pe­vo­le, ognu­no è car­ne­fi­ce e vit­ti­ma, in una sto­ria aspra e di­rom­pen­te, po­ten­te co­me una rap­pre­sen­ta­zio­ne clas­si­ca, in cui gli ar­che­ti­pi del­la tra­ge­dia ci so­no tut­ti. C’è l’Abruz­zo ru­ra­le de­gli an­ni Set­tan­ta, in­tri­so di mi­se­ria e fa­me, che ren­de i per­so­nag­gi vio­len­ti, rab­bio­si, de­pres­si. Ci so­no adul­ti di­su­ma­niz­za­ti, cru­de­li e de­gra­da­ti. E i bam­bi­ni, i ra­gaz­zi che sem­bra­no in­ve­ce as­su­me­re il ruo­lo più ma­tu­ro, sen­si­bi­le e re­spon­sa­bi­le del ge­ne­re uma­no. Il do­lo­re vin­ce su tut­to, c’è so­lo l’istin­to di so­prav­vi­ven­za per re­sta­re a gal­la in un mon­do che sem­bra sot­ter­ra­re ogni for­ma di af­fet­ti­vi­tà e gio­ia di vi­ve­re. La for­za di que­sta ra­gaz­zi­na, l’Ar­mi­nu­ta, è tut­ta nel non ras­se­gnar­si, nel­la vo­glia di ri­scat­to, che pas­sa an­che per quel­la mi­ste­rio­sa e selvaggia com­pli­ci­tà con Adria­na, la so­rel­la ri­tro­va­ta. «Mia so­rel­la. Co­me un fio­re im­pro­ba­bi­le cre­sciu­to su un pic­co­lo gru­mo di ter­ra at­tac­ca­to alla roc­cia. Da lei ho ap­pre­so la re­si­sten­za. Nel­la com­pli­ci­tà ci sia­mo sal­va­te». La ve­ri­tà si sco­pri­rà so­lo alla fi­ne.

Do­na­tel­la di Pie­tran­to­nio rie­sce a scol­pi­re una fi­gu­ra di bam­bi­na e di don­na te­na­ce, osti­na­ta, che emo­zio­na. Un li­bro bel­lis­si­mo, pre­mia­to già dai let­to­ri, da me­si è in­fat­ti tra i più ven­du­ti in clas­si­fi­ca. E que­sto di­ce tut­to. Un li­bro che i let­to­ri ado­ra­no, ha già vin­to. Scel­to tra i cin­que fi­na­li­sti del Cam­piel­lo, do­ve spic­ca per in­ten­si­tà di scrit­tu­ra, rit­mo nar­ra­ti­vo e ori­gi­na­li­tà del­la sto­ria, L’Ar­mi­nu­ta è an­che tra i cin­que li­bri fi­na­li­sti del Fe­sti­val del Viag­gia­to­re.

Emo­zio­ni Gli strap­pi del­la vi­ta: una ra­gaz­zi­na vie­ne ri­por­ta­ta ai ge­ni­to­ri na­tu­ra­li che l’ave­va­no af­fi­da­ta in fa­sce ad al­tri

Pa­gi­ne Do­na­tel­la Di Pie­tran­to­nio, una dei cin­que fi­na­li­sti del Pre­mio Cam­piel­lo (Pat­ta­ro/ Vi­sion)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.