Au­to­no­mia: più del­la me­tà al­le ur­ne, elet­to­ri Pd fred­di

Ri­le­va­zio­ne su un cam­pio­ne di 800 ve­ne­ti, quan­te dif­fe­ren­ze tra i par­ti­ti

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Co­raz­za

VENEZIA Ri­le­va­zio­ne Win­poll sul re­fe­ren­dum per l’au­to­no­mia. Se­con­do il son­dag­gio ol­tre la me­tà an­drà al­le ur­ne. Il ge­lo de­gli elet­to­ri dem. Re­cord di in­de­ci­si tra i gril­li­ni.

I gril­li­ni Al­le ur­ne so­lo il 38% del M5s che ha an­che il re­cord di in­de­ci­si

Due me­si Win­pool ha fat­to le in­ter­vi­ste tra il 4 e il 9 ago­sto a due me­si dal­le ur­ne

Lu­ca Za­ia l’ha sempre mes­sa in que­sti ter­mi­ni: il ri­sul­ta­to, si sa, non è in di­scus­sio­ne, quel­lo che con­ta è l’af­fluen­za. Stia­mo par­lan­do del re­fe­ren­dum con­sul­ti­vo pro­mos­so dal­la Re­gio­ne per il 22 ot­to­bre pros­si­mo per re­cla­ma­re mag­gio­re au­to­no­mia per il Ve­ne­to. Una si­mi­le con­sul­ta­zio­ne, lo stes­so gior­no, si svol­ge­rà an­che nel­la vi­ci­na Lom­bar­dia, l’al­tra re­gio­ne a tra­zio­ne le­ghi­sta. Ma, più che il col­le­ga go­ver­na­to­re Ro­ber­to Ma­ro­ni, è Za­ia che ha dav­ve­ro mes­so la fac­cia sul­la riu­sci­ta del re­fe­ren­dum, fa­cen­do ap­pro­va­re una spe­ci­fi­ca leg­ge dal con­si­glio re­gio­na­le e ar­ri­van­do al pun­to di stan­zia­re ben 14 mi­lio­ni di eu­ro per svol­ger­la con mo­da­li­tà del tut­to ana­lo­ghe a quel­la dei re­fe­ren­dum tra­di­zio­na­li, con tan­to di seg­gi e sche­de car­ta­cee (e non con il vo­to elet­tro­ni­co me­dian­te ta­blet ai seg­gi co­me al di là del Min­cio). Eb­be­ne, se­con­do un son­dag­gio di Win­poll svol­to nei gior­ni scor­si su un cam­pio­ne rap­pre­sen­ta­ti­vi del­la po­po­la­zio­ne ve­ne­ta e che vie­ne qui pub­bli­ca­to in esclu­si­va dal Cor­rie­re del Ve­ne­to e di Ve­ro­na, il go­ver­na­to­re ha buo­ne pos­si­bi­li­tà di vin­ce­re la pri­ma par­te del­la sua scom­mes­sa. La se­con­da par­te, quel­la di an­da­re a Ro­ma riu­scen­do a por­ta­re ef­fet­ti­va­men­te a ca­sa mag­gio­ri po­te­ri e com­pe­ten­ze per la Re­gio­ne for­te del man­da­to del­la mag­gio­ran­za dei ve­ne­ti, quel­la sa­rà ov­via­men­te tut­to un al­tro di­scor­so. Co­me si di­ce­va, il ri­sul­ta­to dei re­fe­ren­dum è scon­ta­to e il son­dag­gio lo con­fer­ma: sa­rà un ple­bi­sci­to per il «sì», sti­ma­to al 92 per cen­to del cam­pio­ne. Ma i da­ti più si­gni­fi­ca­ti­vi sem­bra­no es­se­re al­tri. In­tan­to, so­lo un ve­ne­to su cin­que af­fer­ma di non es­se­re a co­no­scen­za dei re­fe­ren­dum che si svol­ge­ran­no in Ve­ne­to e Lom­bar­dia. Un al­tro 20 per cen­to di­ce di es­ser­ne «va­ga­men­te a co­no­scen­za» men­tre ol­tre il 60 per cen­to si di­ce pie­na­men­te con­sa­pe­vo­le del­la lo­ro esi­sten­za . Già que­sta, per i fau­to­ri dell’ini­zia­ti­va, è una no­ti­zia in­co­rag­gian­te vi­sto che fi­no­ra se n’è par­la­to qua­si esclu­si­va­men­te sui me­dia lo­ca­li. Il mes­sag­gio, in­som­ma, è pas­sa­to. Qua­si tre ve­ne­ti su quat­tro, inol­tre, giu­di­ca­no po­si­ti­va­men­te l’ini­zia­ti­va re­fe­ren­da­ria per­ché con­vin­ti che por­te­rà mag­gior be­nes­se­re al­le due re­gio­ni do­ve si svol­ge­rà. Tra chi ne ha un giu­di­zio ne­ga­ti­vo, pre­va­le chi lo con­si­de­ra inu­ti­le (il 17 per cen­to) «per­ché non cam­bie­rà nul­la» a chi lo ri­tie­ne dan­no­so (il 10 per cen­to) per­ché po­treb­be «in­de­bo­li­re il po­te­re del­lo Sta­to».

A tut­to que­sto si com­bi­na il da­to che ol­tre la me­tà del­la po­po­la­zio­ne ve­ne­ta, quan­do man­ca­no ol­tre due me­si al­la da­ta del vo­to, pa­re di­spo­sta a re­car­si al­le ur­ne. Per es­se­re più pre­ci­si, il 47 per cen­to af­fer­ma che si­cu­ra­men­te an­drà a vo­ta­re, men­tre l’11 per cen­to di­ce che ci an­drà «pro­ba­bil­men­te». Se co­sì fos­se, ver­reb­be rag­giun­to un «quo­rum» idea­le che avreb­be un gran­de va­lo­re sim­bo­li­co an­che se il re­fe­ren­dum, es­sen­do con­sul­ti­vo, non lo pre­ve­de. Inol­tre, so­lo il 12 per cen­to op­po­ne un ca­te­go­ri­co «no» all’idea di re­car­si al­le ur­ne.

In un Ve­ne­to che ad og­gi ve­de la Le­ga Nord con­fer­mar­si pri­mo par­ti­to (25,8 per cen­to) se­gui­ta da un Mo­vi­men­to Cin­que Stel­le (23,6) che di­stan­zia il Par­ti­to de­mo­cra­ti­co (19,2 per cen­to), gli elet­to­ri di­chia­ra­ta­men­te di cen­tro­de­stra so­no quel­li più fa­vo­re­vo­li al re­fe­ren­dum per l’au­to­no­mia. Gli elet­to­ri del­la Le­ga Nord sa­ran­no quel­li più fe­de­li al­la chia­ma­ta, con il 73 per cen­to che si re­che­rà cer­ta­men­te al­le ur­ne, se­gui­ti da quel­li di For­za Ita­lia, con il 52 per cen­to. Sul­la sche­da, se­gne­ran­no «sì» tra il 97 e il 100 per cen­to di que­sti. Per­cen­tua­li bul­ga­re. Gli elet­to­ri gril­li­ni so­no me­no en­tu­sia­sti (il 38 per cen­to an­drà al­le ur­ne, con una per­cen­tua­le re­cord di in­de­ci­si, il 21 per cen­to) ma chi vo­te­rà lo fa­rà co­mun­que in ma­nie­ra pre­pon­de­ran­te per il «sì», all’88 per cen­to. Tra le for­ze po­li­ti­che prin­ci­pa­li, gli elet­to­ri me­no mo­bi­li­ta­ti ap­pa­io­no es­se­re quel­li del Pd, no­no­stan­te mol­ti sin­da­ci dem del Ve­ne­to si sia­no di­chia­ra­ti a fa­vo­re del­la con­sul­ta­zio­ne (pur con al­cu­ne ri­ser­ve): so­lo un ter­zo di­ce che si re­che­rà a vo­ta­re, di que­sti vo­te­rà «sì» co­mun­que il 78 per cen­to. Gli elet­to­ri Pd so­no an­che quel­li do­ve è più al­ta la per­cen­tua­le tra chi non an­drà a vo­ta­re: qua­si il 50 per cen­to (in par­ti­co­la­re, il 28 per cen­to si­cu­ra­men­te di­ser­te­rà le ur­ne).

Il son­dag­gio di cui dia­mo con­to è sta­to svol­to dall’isti­tu­to Win­poll nei gior­ni dal 4 al 9 ago­sto scor­si, con me­to­do di ri­le­va­zio­ne «Ca­wi» su un cam­pio­ne di 800 ca­si rap­pre­sen­ta­ti­vi del­la po­po­la­zio­ne mag­gio­ren­ne ve­ne­ta. Si ve­drà se que­sta fo­to­gra­fia «esti­va» del­le in­ten­zio­ni di vo­to dei ve­ne­ti tro­ve­rà con­fer­ma nel­le ur­ne il 22 ot­to­bre pros­si­mo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.