La rab­bia del­la mam­ma di Fa­bio: «Un vi­deo sca­gio­na mio fi­glio»

Ar­re­sti al G20, ina­spri­ta la de­ten­zio­ne del 18en­ne fel­tri­no. Ma­ria Roc­co: «Li­be­ra­te­li tut­ti»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Belluno - Ro­ber­ta Po­le­se An­drea Zuc­co © RIPRODUZIONE RISERVATA

BEL­LU­NO «Un vi­deo sca­gio­na mio fi­glio, è già nel­le ma­ni dei ma­gi­stra­ti che stan­no se­guen­do il suo ca­so, è in­cre­di­bi­le che Fa­bio sia an­co­ra in pri­gio­ne, mi so­no tra­sfe­ri­ta ad Am­bur­go per star­gli più vi­ci­no, l’ho vi­sto mer­co­le­dì scor­so ed era ner­vo­so, agi­ta­to, fi­si­ca­men­te sta be­ne ma mo­ral­men­te è a pez­zi per­ché non ca­pi­sce il mo­ti­vo di que­sta de­ten­zio­ne».

È di­spe­ra­ta Ja­mi­la Ba­ro­ni, mam­ma di Fa­bio Vet­to­rel, il gio­va­ne fel­tri­no fi­ni­to in car­ce­re con Ma­ria Roc­co di Ce­sio­mag­gio­re, per aver pre­so par­te agli scon­tri con­tro il G20 av­ve­nu­ti nel­la cit­tà te­de­sca i pri­mi di lu­glio. Ma­ria è sta­ta scar­ce­ra­ta due gior­ni fa e al­la fa­mi­glia Vet­to­rel, che si è af­fi­da­ta a un le­ga­le te­de­sco, non è chia­ro il mo­ti­vo per cui Fa­bio si tro­vi an­co­ra in cel­la. L’ipo­te­sti di ac­cu­sa nei con­fron­ti di Fa­bio, for­ma­liz­za­ta la mo­men­to so­lo dal­la po­li­zia che ha ar­re­sta­to un ses­san­ti­na di per­so­ne, (in­clu­si sei ita­lia­ni, cin­que an­co­ra in pri­gio­ne), è di di­stur­bo del­la quie­te pub­bli­ca. Se­con­do i gior­na­li te­de­schi all’al­ba del 7 lu­glio, gior­no del­la pro­te­sta, Fa­bio e Ma­ria si tro­va­va­no in­sie­me ad al­tri con­te­sta­to­ri nel­la stra­da in cui era­no av­ve­nu­ti gli scon­tri più pe­san­ti. Se­con­do la po­li­zia Fa­bio «fa­ce­va par­te del grup­po più vio­len­to», ri­por­ta­no i gior­na­li stra­nie­ri, al mo­men­to dell’ar­re­sto in­dos­sa­va un giub­bet­to ne­ro con cap­puc­cio, un pa­io di pan­ta­lo­ni car­go bei­ge, e una ke­fiah at­tor­no al col­lo.

«Quan­do lo han­no bloc­ca­to mio fi­glio non ave­va il vol­to co­per­to - af­fer­ma Ja­mi­la - fac­cio ap­pel­lo af­fin­ché le isti­tu­zio­ni ita­lia­ne fac­cia­no qual­co­sa per ri­sol­ve­re que­sto as­sur­do ina­spri­men­to del re­gi­me di de­ten­zio­ne di mio fi­glio Fa­bio, mio fi­glio ha po­tu­to fa­re la sua pri­ma te­le­fo­na­ta l’11 ago­sto, do­po 35 gior­ni di car­ce­re, gli è vie­ta­to ri­ce­ve­re e scri­ve­re let­te­re». Ma­ria Roc­co in­tan­to, li­be­ra­ta gio­ve­dì, si tro­va con i ge­ni­to­ri in va­can­za e il suo pen­sie­ro è ri­vol­to ai com­pa­gni an­co­ra in car­ce­re: «Nes­su­no è ve­ra­men­te li­be­ro fin­ché non sa­ran­no li­be­ri tut­ti» di­ce ri­fe­ren­do­si a Fa­bio, agli al­tri ar­re­sta­ti dal­la po­li­zia. Per i gio­va­ni ita­lia­ni è par­ti­ta da tre set­ti­ma­ne la mo­bi­li­ta­zio­ne del­la si­ni­stra, con ma­ni­fe­sta­zio­ni di Ri­fon­da­zio­ne da­van­ti al con­so­la­to te­de­sco a Ro­ma. I de­pu­ta­ti del­la si­ni­stra te­de­sca han­no pre­sen­ta­to un’in­ter­ro­ga­zio­ne al Bun­de­stag.

In­tan­to, i le­ga­li di Ma­ria Roc­co han­no ap­pron­ta­to la lo­ro stra­te­gia di­fen­si­va: il la­vo­ro de­gli av­vo­ca­ti An­to­nio Pra­de di Bel­lu­no, Do­me­ni­co Car­po­ni Schit­tar di Venezia e Ger­rit On­ken di Am­bur­go mi­ra a smon­ta­re le ac­cu­se sul­la ba­se di al­cu­ni in­di­zi po­co chia­ri. L’ipo­te­si di un’ar­chi­via­zio­ne del ca­so esi­ste, ma al mo­men­to par­reb­be ab­ba­stan­za dif­fi­ci­le evi­ta­re il rin­vio a giu­di­zio. Ma­ria Roc­co è usci­ta dal car­ce­re nel tar­do po­me­rig­gio di gio­ve­dì do­po ol­tre un me­se di re­clu­sio­ne, e que­sto po­treb­be ren­de­re più sem­pli­ce le pros­si­me mos­se di­fen­si­ve, an­che se gli in­di­zi di col­pe­vo­lez­za a ca­ri­co del­la ra­gaz­za, se­con­do gli av­vo­ca­ti che se­guo­no il suo ca­so, non sa­reb­be­ro ab­ba­stan­za so­li­di da co­sti­tui­re pro­ve schiac­cian­ti. Inol­tre, non è sta­ta an­co­ra for­mu­la­ta un’ipo­te­si di rea­to de­fi­ni­ti­va: l’ac­cu­sa ini­zia­le è quel­la di di­sor­di­ne pub­bli­co e re­si­sten­za a pub­bli­co uf­fi­cia­le, ma non esi­ste an­co­ra un ca­po di im­pu­ta­zio­ne.

Una sfu­ma­tu­ra nell’in­ter­pre­ta­zio­ne dei fat­ti da par­te de­gli in­qui­ren­ti po­treb­be mo­di­fi­ca­re l’ac­cu­sa de­fi­ni­ti­va, e di con­se­guen­za la pe­na cor­re­la­ta in ca­so di col­pe­vo­lez­za. Il pun­to di par­ten­za, per la Pro­cu­ra te­de­sca, è il rap­por­to di po­li­zia che de­scri­ve le cir­co­stan­ze in cui Ma­ria Roc­co e Fa­bio Vet­to­rel so­no sta­ti ar­re­sta­ti. Quel­lo de­gli av­vo­ca­ti, in­ve­ce, so­no i bu­chi ri­ma­sti vuo­ti nel puzz­le del­le in­da­gi­ni. Il tem­po a di­spo­si­zio­ne per evi­ta­re il pro­ces­so sem­bra es­se­re po­co ma il col­le­gio di­fen­si­vo di Ma­ria Roc­co ten­te­rà di apri­re uno spi­ra­glio per l’ar­chi­via­zio­ne.

I gio­va­ni con­te­sta­to­ri Fa­bio Vet­to­rel, 18 an­ni, (in al­to) e Ma­ria Roc­co so­no sta­ti ar­re­sta­ti al G20 di Am­bur­go . Lei è sta­ta scar­ce­ra­ta lui è an­co­ra in cel­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.