L’os­ser­va­to­rio an­ti-bul­li: «La te­sti­mo­nian­za di La­ra va let­ta in tut­te le clas­si» La ma­dre: «Ora sta be­ne»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Treviso - Ma. Pi.

CO­NE­GLIA­NO «Que­sta 15en­ne co­rag­gio­sa è un esem­pio di co­me si rea­gi­sce al bul­li­smo, fe­no­me­no odio­so da sra­di­ca­re dai com­por­ta­men­ti dei no­stri ado­le­scen­ti. Bra­va “La­ra”... mi pia­ce­reb­be mol­to che la tua espe­rien­za non fos­se con­fi­na­ta al gior­na­li­no sco­la­sti­co ma che po­tes­se ser­vi­re da esem­pio ai tuoi coe­ta­nei me­no for­ti di te». Con que­ste pa­ro­le il Go­ver­na­to­re Lu­ca Za­ia si è con­gra­tu­la­to con la stu­den­tes­sa del Cer­let­ti, isti­tu­to di Co­ne­glia­no, che ha avu­to il co­rag­gio di rac­con­ta­re la pro­pria sto­ria di vit­ti­ma di bul­li­smo sul «cor­rie­ri­no» sco­la­sti­co.

Ec­co un pas­sag­gio del­la sua let­te­ra. «A tut­ti voi che nel cor­so del­la mia vi­ta vi sie­te so­lo im­pe­gna­ti a “di­ver­tir­vi” con le mie emo­zio­ni, sot­to­li­nean­do i miei di­fet­ti an­che più na­sco­sti, di­strug­gen­do­mi in­te­rior­men­te sen­za ren­der­ve­ne con­to, vo­glio di­re gra­zie. Per­ché, no­no­stan­te tut­to, la vo­stra igno­ran­za mi ha re­sa più for­te». L’eco del­le sue pa­ro­le è arrivato in tut­ta Ita­lia e do­po che la vi­cen­da è sta­ta re­sa pub­bli­ca la ma­dre del­la ra­gaz­za è vo­lu­ta in­ter­ve­ni­re, rac­con­tan­do co­me sta rea­gen­do la fa­mi­glia. «È ve­ra­men­te il mio or­go­glio, gra­zie di cuo­re an­che da par­te di mia fi­glia. Ora sta be­nis­si­mo». An­che Pao­la Fer­ra­ri, por­ta­vo­ce dell’os­ser­va­to­rio na­zio­na­le con­tro bul­li­smo e do­ping, è in­ter­ve­nu­ta, pro­po­nen­do di far leg­ge­re in ogni clas­se, in ogni scuo­la, all’ini­zio di ogni gior­na­ta la let­te­ra del­la tre­vi­gia­na. «Per­ché tut­ti de­vo­no sa­pe­re co­sa si­gni­fi­ca es­se­re pre­sa di mi­ra dal bran­co so­lo per un pre­sun­to di­fet­to fi­si­co, o per una ti­mi­dez­za par­ti­co­la­re, o per qual­sia­si al­tra ‘di­ver­si­tà’ che non può es­se­re ac­cet­ta­ta dai pro­pri coe­ta­nei», di­ce Fer­ra­ri.

Fer­ra­ri Bi­so­gna in­se­gna­re ai ra­gaz­zi che ogni per­so­na va ri­spet­ta­ta, il bul­li­smo è un fe­no­me­no odio­so

«Bi­so­gna in­se­gna­re a que­sti ra­gaz­zi che ogni per­so­na va ri­spet­ta­ta per quel­lo che è e nes­su­no può per­met­ter­si di in­ter­ve­ni­re in mo­do co­sì vio­len­to nel­la vi­ta di qual­cun al­tro per pu­ro di­ver­ti­men­to. Il bul­li­smo è un fe­no­me­no odio­so. Ser­vo­no cam­pa­gne di sen­si­bi­liz­za­zio­ne inin­ter­rot­te, ser­ve con­trol­lo, e ser­vo­no an­che pu­ni­zio­ni ca­li­bra­te per chi ve­ste i pan­ni del bul­lo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.