Ren­ga, Pez­za­li e Nek «Il no­stro concerto? Un ka­rao­ke di hit»

Il trio do­ma­ni se­ra a Co­ne­glia­no, il 28 apri­le all’Are­na di Ve­ro­na

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - DA PRIMA PAGINA - Ver­ni

«Èu­na gran­de fe­sta: que­sta era la no­stra in­ten­zio­ne». Con­fer­ma­no, sod­di­sfat­ti, Max Pez­za­li, Nek e Fran­ce­sco Ren­ga. Il tour con­giun­to che po­te­va es­se­re un pas­so fal­so per la car­rie­ra dei tre «hit ma­ker» del pop ita­lia­no, si è tra­sfor­ma­ta nel­la tour­née dell’an­no, con sold out ovun­que e da­te ag­giun­te in tutt’Ita­lia per venire in con­tro al­le ri­chie­ste del pub­bli­co. Il «Max Nek Ren­ga, il tour», do­po le tap­pe di Je­so­lo e Pa­do­va, do­ma­ni se­ra sa­rà al­la Zop­pas Are­na di Co­ne­glia­no per poi tor­na­re, per l’ul­ti­ma vol­ta in Ve­ne­to, il 28 apri­le all’Are­na di Ve­ro­na (ore 21, info www.fe­p­group.it).

Il fat­to che si di­ca che, più di un concerto, sem­bri un ka­rao­ke è una co­sa che vi fa pia­ce­re?

«As­so­lu­ta­men­te sì, sia­mo sta­ti i pri­mi a dir­lo. E lo è per­ché ab­bia­mo com­po­sto una sca­let­ta di hit di ognu­no di noi, bra­ni che han­no sca­la­to le clas­si­fi­che e che un po’ tut­ti han­no sen­ti­to al­me­no una vol­ta; è bel­lo sen­ti­re il pub­bli­co che can­ta in­sie­me a noi dall’ini­zio al­la fi­ne del concerto».

Al­la fi­ne il vo­stro è di­ven­ta­to il tour dell’an­no, vi aspet­ta­va­te una ri­spo­sta si­mi­le?

«Sin­ce­ra­men­te no, ci spe­ra­va­mo ov­via­men­te ma non ce lo aspet­ta­va­mo. C’era un po’ di ti­mo­re che i no­stri fan non avreb­be­ro pre­so be­ne que­sta no­vi­tà, ma quan­do sia­mo sa­li­ti sul pal­co per il pri­mo concerto ab­bia­mo vi­sto tra il pub­bli­co i fan di ognu­no di noi unir­si e can­ta­re in­sie­me: è sta­to dav­ve­ro emo­zio­nan­te».

Co­me era na­ta l’idea di una tour­née as­sie­me?

«C’è sem­pre sta­ta una sti­ma re­ci­pro­ca, sia pro­fes­sio­na­le che uma­na, e in pas­sa­to ci sia­mo in­cro­cia­ti spes­so du­ran­te i no­stri im­pe­gni la­vo­ra­ti­vi. Il fat­to di tro­var­si in­sie­me in stu­dio per re­gi­stra­re un bra­no è sta­ta la scin­til­la che ha fat­to co­min­cia­re tut­to, ma si­cu­ra­men­te di ba­se c’era la vo­glia di met­ter­si in gio­co da par­te di tut­ti e tre».

Pri­ma di ini­zia­re ave­va­te qual­che dub­bi di es­se­re «vo­cal­men­te com­pa­ti­bi­li»?

«Non è sta­to sem­pre fa­ci­le tro­va­re e adat­ta­re i no­stri bra­ni al­le vo­ci di tut­ti e tre. Ov­via­men­te era­no bra­ni na­ti per una vo­ce so­la, per cui il la­vo­ro die­tro è sta­to dav­ve­ro tan­to, pe­rò il di­scor­so è sem­pre quel­lo: se ti tro­vi a la­vo­ra­re con due per­so­ne con cui sei in sin­to­nia le co­se flui­sco­no e di­ven­ta­no qua­si na­tu­ra­li. Ab­bia­mo la­vo­ra­to tan­to, ma ci sia­mo di­ver­ti­ti an­che mol­to e con­ti­nuia­mo a di­ver­tir­ci: sia­mo si­cu­ri che que­sta co­sa la per­ce­pi­sca an­che il pub­bli­co».

Che co­sa ave­te sco­per­to, che pri­ma non sa­pe­va­te, dei vo­stri com­pa­gni di pal­co?

«Ab­bia­mo sco­per­to di po­ter es­se­re ami­ci ol­tre che col­le­ghi. Ci sia­mo sco­per­ti si­mi­li sot­to tan­ti pun­ti di vi­sta o co­mun­que d’ac­cor­do su tan­te co­se. Con­di­vi­de­re que­sto pro­get­to in­sie­me è dav­ve­ro bel­lo e di­ver­ten­te».

Co­me vi­ve­te la da­ta all’Are­na di Ve­ro­na?

«La ten­sio­ne c’è sem­pre, an­che per ar­ti­sti che co­me noi han­no più di 30 an­ni di car­rie­ra al­le spal­le. Di­cia­mo che l’Are­na è un luo­go spe­cia­le, qua­si ma­gi­co, ed esi­bir­si lì è sem­pre mol­to emo­zio­nan­te».

Do­po l’ul­ti­mo concerto di lu­glio de «Max Nek Ren­ga, il tour», ognu­no andrà per la sua stra­da?

«Per ades­so ci stia­mo con­cen­tran­do su que­sto tour e stia­mo vi­ven­do il mo­men­to, poi si ve­drà…».

Sul pal­co Da si­ni­stra, Fran­ce­sco Ren­ga, Max Pez­za­li e Nek: do­ma­ni sa­ran­no al­la Zop­pas Are­na di Co­ne­glia­no. Dal vi­vo ri­pro­por­ran­no tut­ti i lo­ro suc­ces­si

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.