Au­ti­sta as­sol­to in au­la la rab­bia dei pa­ren­ti

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - VENEZIA E MESTRE -

Quan­do il giu­di­ce Clau­dia Gual­tie­ri ha let­to la sen­ten­za di as­so­lu­zio­ne, che pe­ral­tro ac­co­glie­va la ri­chie­sta del­lo stes­so pm Car­lot­ta Fran­ce­schet­ti, non si so­no più trat­te­nu­ti e han­no ini­zia­to a gri­da­re e a ri­co­prir­lo di in­sul­ti. «As­sas­si­no, ti me­ri­ti che ti muo­ia un pa­ren­te co­me è successo a noi», e co­sì via. D’altra par­te è da più di 5 an­ni che i fa­mi­glia­ri di Mat­tia Vec­chia­to, il 18en­ne di Pia­ni­ga che il 27 mar­zo 2012 mo­rì do­po es­se­re fi­ni­to con l’au­to in un fos­so men­tre tor­na­va a ca­sa, cer­ca­va­no in tut­ti i mo­di che fos­se ac­cer­ta­ta la re­spon­sa­bi­li­tà di S.D.B., 55en­ne si­ci­lia­no, che era pre­sen­te con la sua au­to sul luo­go del­lo schian­to. La pro­cu­ra per ben tre vol­te, do­po una se­rie di pe­ri­zie e con­tro-pe­ri­zie, ave­va chie­sto l’ar­chi­via­zio­ne, so­ste­nen­do che non c’era la pro­va che l’uo­mo, che sta­va uscen­do da una via la­te­ra­le, aves­se crea­to una tur­ba­ti­va ta­le da co­strin­ge­re Vec­chia­to a schi­var­lo, co­me in­ve­ce so­ste­ne­va la par­te ci­vi­le. An­che per­ché non c’era­no se­gni di frenata. Al­la fi­ne pe­rò il gip ave­va or­di­na­to di fa­re il pro­ces­so, che an­co­ra una vol­ta non ha chia­ri­to se l’uo­mo aves­se avu­to o me­no del­le re­spon­sa­bi­li­tà. (a. zo.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.