Zen­ga, i co­ri e la ca­ri­ca dei ti­fo­si «Ho fe­ro­cia e vo­glia di lot­ta­re»

IL NUOVO TEC­NI­CO DEL VE­NE­ZIA

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - SPORT - Di­mi­tri Ca­nel­lo

VE­NE­ZIA Un au­ten­ti­co ba­gno di fol­la, i co­ri dei ti­fo­si fuo­ri dall’M9 Ve­ne­zia Sto­re in via Poe­rio, una pa­gi­na che vie­ne vol­ta­ta e un nuovo capitolo che va ad ini­zia­re.

Wal­ter Zen­ga e il Ve­ne­zia, mo­vi­men­to pri­mo. Qual­che scat­to, la vo­glia di di­men­ti­ca­re il pas­sa­to più re­cen­te tra un dia­lo­go in un in­gle­se im­pec­ca­bi­le con Joe Tacopina, tan­ti sor­ri­si, pac­che sul­le spal­le e una pre­sen­ta­zio­ne in pom­pa ma­gna nel cuo­re di Me­stre per cer­ca­re il ri­lan­cio do­po ap­pe­na sei par­ti­te e quat­tro pun­ti all’at­ti­vo. E un pe­nul­ti­mo po­sto che non può non pre­oc­cu­pa­re. Ste­fa­no Vec­chi è già il pas­sa­to, dal pre­si­den­te in con­fe­ren­za stam­pa nean­che una pa­ro­la su chi ha pre­ce­du­to Zen­ga do­po le po­che ri­ghe con­se­gna­te il gior­no pri­ma tra­mi­te l’uf­fi­cio stam­pa del club. Evi­den­te­men­te è una fe­ri­ta an­co­ra aper­ta e che san­gui­na. L’al­le­na­to­re pre­sen­ta­to a giu­gno tra squil­li di trom­be e una pro­mes­sa di apri­re un nuovo ci­clo, con tan­to di con­trat­to trien­na­le e op­zio­ne per il quar­to an­no, è già hi­sto­ry,a vo­ler­la spie­ga­re nel­la lin­gua ma­dre di Tacopina. E co­sì il pre­si­den­te pro­va a ri­par­ti­re, a met­te­re i pun­ti­ni sul­le «i», a ri­cor­da­re con or­go­glio che «ab­bia­mo vis­su­to tre an­ni in­cre­di­bi­li, in cui ab­bia­mo ot­te­nu­to due pro­mo­zio­ni e una se­mi­fi­na­le playoff, co­struen­do tan­to» e ad in­di­ca­re in Wal­ter (pro­nun­cia­to all’in­gle­se) co­me «la per­so­na più in­di­ca­ta per ri­sol­le­var­ci, ha mol­ta per­so­na­li­tà e un ca­rat­te­re si­mi­le al mio».

Tacopina è de­ter­mi­na­to, si è con­vin­to a cam­bia­re per­ché non ve­de­va reazioni nel grup­po, che evi­den­te­men­te non se­gui­va Vec­chi. Ma con Zen­ga è scat­ta­ta la scin­til­la: «So­no ri­ma­sto stregato da lui e la con­fer­ma l’ho avu­ta ve­ner­dì, quan­do ha par­la­to con i gio­ca­to­ri: non ce n’è sta­to uno che gli ab­bia tol­to gli oc­chi di dos­so. Quan­do poi so­no usci­ti dal­lo spo­glia­to­io sem­bra­va­no leo­ni ap­pe­na usci­ti dal­la gab­bia. Do­me­ni­ca con il Ve­ro­na per noi ini­zia un nuovo cam­pio­na­to, vo­glia­mo rial­zar­ci per di­mo­stra­re chi sia­mo». L’au­gu­rio che i ti­fo­si si fan­no è che sta­vol­ta Tacopina ci ab­bia vi­sto giu­sto, an­che per­ché le pa­ro­le, sfu­ma­tu­ra più, sfu­ma­tu­ra me­no, ri­cor­da­no mol­to quel­le pro­nun­cia­te il 15 giu­gno all’Ho­tel Mo­na­co e Gran Ca­nal di Ve­ne­zia. Zen­ga si pre­sen­ta co­me, chi lo co­no­sce be­ne, non ave­va dub­bi fa­ces­se. E il suo in­gres­so sul­la sce­na è un’au­ten­ti­ca scos­sa tel­lu­ri­ca. D’al­tra par­te lui è que­sto, un ci­clo­ne: lo è sem­pre sta­to da cal­cia­to­re e poi an­che da tec­ni­co. «In tan­ti mi han­no chia­ma­to per chie­der­mi se ero fe­li­ce di es­se­re ar­ri­va­to qui — ha sor­ri­so — e la mia ri­spo­sta è che se non fos­si con­ten­to non avrei mai ac­cet­ta­to. So­no nel­la cit­tà più bel­la al mon­do e in un club sto­ri­co che vuo­le tor­na­re a vin­ce­re, non po­trei spe­ra­re in me­glio. Ai ra­gaz­zi chie­do di ri­tro­va­re la fe­ro­cia che ave­va­no l’an­no scor­so, quel­la vo­glia di stu­pi­re che ha con­qui­sta­to chiun­que. Bi­so­gna di­men­ti­car­si il no­me che si por­ta sul retro del­la ma­glia: chi scen­de in cam­po lo fa so­lo per un no­me, quel­lo che com­pa­re sul lo­go del club. Con­ta l’at­tac­ca­men­to ai co­lo­ri aran­cio­ne­ro­ver­di e la vo­glia di lot­ta­re per que­sto club. Chi non è di­spo­sto a far­lo con me non gio­ca, an­che se si chia­mas­se Do­miz­zi o Pi­na­to».

Una pa­ro­la an­che per Vec­chi: «Ho mas­si­mo ri­spet­to per lui, ma non fa­te­mi ag­giun­ge­re al­tro, mi fi­do so­lo di quel­lo che ve­do». E Zen­ga, no­no­stan­te i tren­dy oc­chia­li che por­ta, ci ve­de be­nis­si­mo. Ma guai a par­lar­gli di mo­du­li o di con­trat­to (sot­to­scrit­to fi­no

Wal­ter Zen­ga

Chi non ha at­tac­ca­men­to ai co­lo­ri e al­la ma­glia con me non gio­ca. Il mo­du­lo? Non è que­sto che con­ta

Joe Tacopina

So­no ri­ma­sto stregato da Wal­ter, la con­fer­ma l’ho avu­ta ve­ner­dì al­la pri­ma se­du­ta con i gio­ca­to­ri

Il pri­mo im­pe­gno

Il «bat­te­si­mo» per Zen­ga sa­rà do­me­ni­ca pros­si­ma al Ta­lier­cio con­tro l’Hel­las Ve­ro­na

al 30 giu­gno 2020), per­ché la ri­spo­sta è di quel­le che ful­mi­na l’in­ter­lo­cu­to­re. «Mi fa­te mo­ri­re — ri­bat­te — ma che ca­vo­lo ve ne fre­ga del con­trat­to? È co­me il mo­du­lo, non con­ta nul­la, tu pen­si che io ab­bia pre­te­so tut­ti i sol­di da con­trat­to? So­lo una vol­ta è ac­ca­du­to, in Ara­bia Sau­di­ta, do­ve non ve­ni­vo pa­ga­to da sei me­si, co­me il mio staff. In quel ca­so li ho vo­lu­ti fi­no all’ul­ti­mo cen­te­si­mo. Ma il cal­cio è co­sì: ma­ga­ri qui fra tre me­si so­no a ca­sa, chi può sa­per­lo? La re­tro­ces­sio­ne col Cro­to­ne mi ha distrutto, non po­te­vo ri­par­ti­re da lì, ero sca­ri­co e non po­te­vo da­re ciò che vo­le­vo. Ma ades­so so­no pron­to per ri­par­ti­re».

(Er­re­bi)

Al ti­mo­ne Il pre­si­den­te joe Tacopina tra il nuovo tec­ni­co Wal­ter Zen­ga, a si­ni­stra, e il vi­ce Ben­ny Car­bo­ne: il «bat­te­si­mo» do­me­ni­ca pros­si­ma al Pen­zo con il Ve­ro­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.