Il der­by è ser­vi­to

Do­ma­ni se­ra al­le 20.45 l’at­te­so Pa­do­va-Vi­cen­za Due gran­di ex, De Pau­la e Vi­via­ni, ci pre­sen­ta­no la sfi­da dell’Eu­ga­neo che tor­na do­po 4 an­ni

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - Sport - D. Ca­nel­lo C. Fer­ret­to

21 apri­le 2011, Pa­do­vaVi­cen­za al­lo sta­dio Eu­ga­neo. Fi­ni­sce 4-1 e, ol­tre ad uno sca­te­na­to Ste­phan El Shaa­rawy, in ve­tri­na c’è pu­re Mar­cos Ariel De Pau­la, una dop­piet­ta per un’apo­teo­si per­so­na­le in una serata in­can­cel­la­bi­le. L’at­tac­can­te bra­si­lia­no ha smes­so di gio­ca­re da un an­no, è tor­na­to in Bra­si­le e ha aper­to una con­ces­sio­na­ria d’au­to. Ma il Pa­do­va è sem­pre nel suo cuo­re. «Ri­cor­do ec­co­me quel­la ga­ra di­ce De Pau­la - Fu una par­ti­ta in­di­men­ti­ca­bi­le, ogni tan­to ri­guar­do an­co­ra le im­ma­gi­ni di quel Pa­do­va-Vi­cen­za 4-1 su youtu­be. È sta­ta una del­le mie mi­glio­ri par­ti­te da cal­cia­to­re, ri­ve­de­re quel vi­deo mi met­te di buon umo­re».

A di­stan­za di an­ni, De Pau­la, il Pa­do­va lo se­gue an­co­ra: «Cer­to, as­so­lu­ta­men­te. Va­do spes­sis­si­mo su fa­ce­book a con­trol­la­re i ri­sul­ta­ti e gli ul­ti­mi svi­lup­pi del­la squa­dra, so che do­ma­ni c’è il der­by col Vi­cen­za e ave­vo in­tui­to per­ché mi aves­se te­le­fo­na­to...». Quel­la squa­dra sfio­rò la Se­rie Ae a No­va­ra, pro­ba­bil­men­te, cam­biò il suo de­sti­no...«Sì, dav­ve­ro un pec­ca­to per­ché avrem­mo po­tu­to ar­ri­va­re fi­no in fon­do. Pur­trop­po la vi­ta è fat­ta di mo­men­ti e in quell’oc­ca­sio­ne non è gi­ra­ta nel mo­do giu­sto».

No­no­stan­te sia­no pas­sa­ti de­gli an­ni, i con­tat­ti con gli ex com­pa­gni non man­ca­no: «Ogni tan­to ci te­le­fo­nia­mo con Ro­nal­do, ma ades­so è un po’ che non lo sen­to».

Do­ma­ni se­ra, pe­rò c’è una par­ti­ta che va­le tan­to per i co­lo­ri bian­co­scu­da­ti, un der­by che il bra­si­lia­no ha avu­to mo­do di po­ter vi­ve­re: «L’ul­ti­ma mia sta­gio­ne in Ita­lia è sta­ta a Mes­si­na, poi so­no tor­na­to in Bra­si­le e ho chiu­so con il cal­cio gio­ca­to in una squa­dra lo­ca­le. Fra i miei gol ne ri­cor­do uno bel­lo an­che a To­ri­no, la par­ti­ta gra­zie al­la quale con­qui­stam­mo i playoff. Più in ge­ne­ra­le l’ini­zio a Pa­do­va non fu fa­ci­le, ma poi so­no mi­glio­ra­to e pia­no pia­no pen­so di aver con­qui­sta­to an­che la ti­fo­se­ria. Co­me fi­ni­rà do­ma­ni? Non so­no bra­vo nei pro­no­sti­ci, ma spe­ro pro­prio che vin­ca il Pa­do­va e che al­lo sta­dio ven­ga tan­ta gen­te. Quel­la se­ra del 4-1 fu un mo­men­to esal­tan­te, che mai di­men­ti­che­rò».

A Vi­cen­za, a dir­la tut­ta, il ve­ro der­by, quel­lo più sen­ti­to, è per tut­ti con l’Hel­las Ve­ro­na ma do­ma­ni se­ra all’Eu­ga­neo la pre­sen­za dei ti­fo­si vi­cen­ti­ni sa­rà si­cu­ra­men­te pro­ta­go­ni­sta del mat­ch. Un aspet­to im­por­tan­te per i gio­ca­to­ri, co­me spie­ga uno che di der­by ne ha vis­su­ti tan­ti, co­me Fe­de­ri­co Vi­via­ni, ex ca­pi­ta­no bian­co­ros­so. «Ri­cor­do quel­lo del mar­zo del 1994, in se­rie B (in­ter­rot­to di­ver­si mi­nu­ti per in­tem­pe­ran­ze del­le due ti­fo­se­rie, ndr) fu una ga­ra par­ti­co­la­re – ri­cor­da il nu­me­ro 10 del Vi­cen­za in quel­la par­ti­ta – il Pa­do­va di Gal­de­ri­si sta­va lot­tan­do per la pro­mo­zio­ne (poi rag­giun­ta ndr) e noi per la sal­vez­za e al­la fi­ne il pa­reg­gio ha ac­con­ten­ta­to tut­ti. All’Ap­pia­ni c’era tan­ta gen­te, e la par­ti­ta nel pri­mo tem­po si è fer­ma­ta più vol­te ma sen­za con­se­guen­ze par­ti­co­la­ri». Vi­via­ni a Pa­do­va, sta­vol­ta All’Eu­ga­neo, ha gio­ca­to an­che il der­by in se­rie A che i pa­dro­ni di ca­sa vin­se­ro 3-2. «Il tur­no pre­ce­den­te noi ave­va­mo bat­tu­to la Ju­ven­tus con uno sfor­zo di ener­gie fi­si­che e men­ta­li no­te­vo­li – spie­ga Vi­via­ni – a Pa­do­va ci sia­mo pre­sen­ta­to un po’ sca­ri­chi e in­fat­ti sia­mo an­da­ti sot­to 3 a 0. Quan­do ab­bia­mo rea­gi­to era tar­di, ma con Mur­gi­ta ed Am­bro­set­ti sia­mo an­da­ti 3-2 e nel re­cu­pe­ro ab­bia­mo sfio­ra­to il3-3». Al­tri tem­pi e al­tre ca­te­go­rie, ades­so Pa­do­va e Vi­cen­za si sfi­da­no in se­rie C con i bian­co­ros­si di Al­ber­to Co­lom­bo a quo­ta no­ve, e il Pa­do­va che in­se­gue con tre pun­ti ma con una par­ti­ta in me­no. «Sa­rà una par­ti­ta equi­li­bra­ta, che ver­rà de­ci­sa da­gli epi­so­di co­me spes­so ac­ca­de nel cal­cio – pre­ci­sa Vi­via­ni – il Vi­cen­za pur aven­do cam­bia­to tut­to l’or­ga­ni­co è par­ti­to be­ne con un buon mix di gio­va­ni e qual­che gio­ca­to­re esper­to. Ho vi­sto il Pa­do­va con­tro il Fa­no e l’im­pres­sio­ne che ne ho trat­to è di una squa­dra esper­ta con un cen­tro­cam­po di gran­de espe­rien­za. Il Pa­do­va mi è par­sa squa­dra so­li­da, ben mes­sa in cam­po e che po­treb­be an­da­re in dif­fi­col­tà se i rit­mi del mat­ch so­no al­ti. Di­re co­me fi­ni­rà è dif­fi­ci­le per­ché il Vi­cen­za ca­val­che­rà l’en­tu­sia­smo del mo­men­to, ma il Pa­do­va cer­che­rà di vin­ce­re a tut­ti i co­sti».

 Que­sto der­by sa­rà una par­ti­ta equi­li­bra­ta, che ver­rà de­ci­sa da­gli epi­so­di Di­re co­me fi­ni­rà è dif­fi­ci­le: il Vi­cen­za avrà en­tu­sia­smo da sfrut­ta­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.