«Renato l’ho in­vi­ta­to io ha da­to più lui al Ve­ne­to che i po­li­ti­ci di og­gi»

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - Primo Piano - Ma. Bo.

VE­NE­ZIA «Renato Chis­so l’ho in­vi­ta­to io. È un mio amico, un amico di mio pa­dre e un amico di For­za Ita­lia. Nes­sun im­ba­raz­zo an­zi, la sua pre­sen­za mi ha fat­to mol­to pia­ce­re».

Sil­via Pa­si­na­to è la fi­glia di An­to­nio, ex se­na­to­re di For­za Ita­lia, per 15 an­ni sin­da­co di Cas­so­la, pic­co­lo Co­mu­ne al­le por­te di Bas­sa­no. Quan­do lui de­ci­se di la­scia­re, nel 2009, ven­ne elet­ta lei, che nel 2014 ha ten­ta­to il bis, sen­za for­tu­na. Ora è al­la te­sta dell’as­so­cia­zio­ne «Ve­ne­to in Movimento» ed è in que­sta ve­ste che mar­te­dì se­ra, all’Ho­tel Gla­mour di Cas­so­la, ha or­ga­niz­za­to il con­ve­gno «Co­me si sta muo­ven­do il Ve­ne­to, tra in­fra­strut­tu­re, real­tà eco­no­mi­ca e pro­ble­mi so­cia­li?», aper­to dal se­gre­ta­rio del­la Cgia di Mestre Renato Ma­son. Una serata a cui ha pre­so par­te, tra il pub­bli­co, l’ex as­ses­so­re re­gio­na­le al­le In­fra­strut­tu­re Renato Chis­so, che ha pat­teg­gia­to 2 an­ni e 6 me­si nell’am­bi­to dell’in­chie­sta sul Mo­se ed ora è fi­ni­to al cen­tro di una «que­stio­ne mo­ra­le» in For­za Ita­lia, con l’as­ses­so­re re­gio­na­le all’Istru­zio­ne Elena Do­naz­zan che mi­nac­cia di la­scia­re il par­ti­to se lui non ver­rà mes­so al­la por­ta per sem­pre.

Pa­si­na­to, ha sca­te­na­to un pu­ti­fe­rio...

«In­tan­to chia­ria­mo un pun­to: non c’è sta­ta al­cu­na ova­zio­ne o ac­cla­ma­zio­ne per Chis­so, co­me ho let­to. L’ap­plau­so c’è sta­to, co­me di con­sue­tu­di­ne e co­me vuo­le la buo­na edu­ca­zio­ne, al ter­mi­ne del mio in­ter­ven­to, in cui in ef­fet­ti l’ave­vo ci­ta­to».

A che pro­po­si­to?

«Ho ri­cor­da­to lo straor­di­na­rio suc­ces­so del­la con­ven­zio­ne Cav del 2009, fir­ma­ta da lui mi­ca da al­tri, e sot­to­li­nea­to co­me le in­te­se Sta­to-Re­gio­ne, quan­do lui era a Palazzo Bal­bi, fos­se­ro as­sai più “pe­san­ti” per il Ve­ne­to, con in­ve­sti­men­ti de­ci­sa­men­te più con­si­sten­ti di quel­li che ve­dia­mo og­gi».

In­som­ma, si sta­va me­glio quan­do si sta­va peg­gio.

«Mi pa­re sot­to gli oc­chi di tut­ti che gli uni­ci in­ve­sti­men­ti fat­ti nel settore dei tra­spor­ti e del­le in­fra­strut­tu­re in Ve­ne­to so­no sta­ti fat­ti quan­do c’era Chis­so as­ses­so­re».

La vi­cen­da Mo­se non ha cam­bia­to nul­la?

«La vi­cen­da giu­di­zia­ria ri­guar­da sol­tan­to Chis­so e i suoi av­vo­ca­ti, io non vo­glio en­trar­ci. E co­mun­que ora è con­clu­sa, stia­mo par­lan­do di un li­be­ro cit­ta­di­no che ha sal­da­to il suo con­to con la giu­sti­zia. A me in­te­res­sa il giu­di­zio sul po­li­ti­co».

I due aspet­ti si pos­so­no scin­de­re?

«Ab­bia­mo la­vo­ra­to in­sie­me su mol­ti pro­get­ti e non di­men­ti­chia­mo tut­te le ri­sor­se che ha por­ta­to ne­gli an­ni sul ter­ri­to­rio, dan­do­ci una gran­de ma­no. Que­sto non si can­cel­la. L’ho in­vi­ta­to pro­prio per­ché so che que­sti te­mi, le in­fra­strut­tu­re, i tra­spor­ti, gli stan­no an­co­ra mol­to a cuo­re».

Lei non cre­de che For­za Ita­lia pos­sa es­se­re dan­neg­gia­ta dal ri­tor­no di Chis­so sot­to le sue ban­die­re?

«Non mi pa­re che la Le­ga stia pa­ten­do chis­sà qua­le ca­lo di con­sen­si per i guai di Bos­si... Guar­di sa chi dan­neg­gia dav­ve­ro For­za Ita­lia, in Ve­ne­to? Chi ri­co­pre ca­ri­che isti­tu­zio­na­li sen­za riu­sci­re a da­re ri­spo­ste al ter­ri­to­rio, chi ha per­mes­so che il Ve­ne­to per­des­se tut­to il peso po­li­ti­co con­qui­sta­to ne­gli an­ni. Ri­spet­to ai tem­pi di Ga­lan e Chis­so il li­vel­lo del­la politica è ca­du­to in bas­so, di­rei pre­ci­pi­ta­to».

Se­con­do lei l’ex as­ses­so­re do­vreb­be ri­can­di­dar­si?

«Su que­sto ha det­to lui per pri­mo, al vo­stro gior­na­le, pa­ro­le chia­re: non ne ha al­cu­na in­ten­zio­ne e la sua scel­ta, as­so­lu­ta­men­te per­so­na­le, va ri­spet­ta­ta. Sen­za con­ta­re che è la leg­ge Se­ve­ri­no a regolare que­sti ca­si. Ma se mi chie­de una va­lu­ta­zio­ne ge­ne­ra­le, di­cia­mo “di prin­ci­pio”, eb­be­ne no, io non ve­drei al­cun pro­ble­ma se lui vo­les­se tor­na­re in politica met­ten­do­ci la fac­cia, con una can­di­da­tu­ra. Qual­cu­no s’in­di­gna? Amen, è af­far suo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.