LA STAFFETTA DE­GLI STIPENDI

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - Da Prima Pagina - di San­dro Man­gia­ter­ra © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fuo­ri gli an­zia­ni e den­tro i gio­va­ni. Er­go, via li­be­ra agli in­cen­ti­vi. Al­la Elec­tro­lux è sta­to ap­pe­na fir­ma­to un ac­cor­do che fa­vo­ri­sce le usci­te vo­lon­ta­rie con 71 mi­la eu­ro per chi si li­cen­zia en­tro il 31 mar­zo 2018, som­ma che scen­de a 55 mi­la eu­ro nei tre me­si suc­ces­si­vi, en­tro il giu­gno 2018. Per la­vo­ra­to­ri di lun­go cor­so, è gros­so mo­do l’equi­va­len­te di un pa­io di an­nua­li­tà lor­de. Il pun­to è che il mo­del­lo si va esten­den­do an­che nel­le pic­co­le e me­die im­pre­se, do­ve pe­rò la po­sta ri­sul­ta mol­to più mo­de­sta, a vol­te 4-5 mi­la eu­ro: le an­nua­li­tà di­ven­ta­no men­si­li­tà, na­tu­ral­men­te sem­pre lor­de. È la staffetta ge­ne­ra­zio­na­le all’ita­lia­na. E nel­lo spe­ci­fi­co al­la nor­de­sti­na. Per co­min­cia­re, ci si al­leg­ge­ri­sce di stipendi di un cer­to pe­so. Co­me ef­fet­to col­la­te­ra­le (non tra­scu­ra­bi­le), esco­no fi­gu­re che di­ret­ta­men­te o in­di­ret­ta­men­te han­no vis­su­to le sta­gio­ni cal­de del­le ri­ven­di­ca­zio­ni sin­da­ca­li. Se poi si de­ve as­su­me­re qual­cu­no, si pren­do­no gio­va­ni con con­trat­ti pre­ca­ri, pa­ga­ti po­che cen­ti­na­ia di eu­ro. Sen­za con­ta­re l’op­por­tu­ni­tà di uti­liz­za­re le age­vo­la­zio­ni fi­sca­li mes­se in cam­po dal go­ver­no. Una cor­sa al ri­bas­so. Tut­ta gio­ca­ta sul co­sto del la­vo­ro. Di­stan­tis­si­ma dal­la «sfi­da del ca­pi­ta­le uma­no» che do­vreb­be ca­rat­te­riz­za­re que­sta de­li­ca­ta fa­se di tran­si­zio­ne in­du­stria­le. Quan­to al­la fa­mo­sa staffetta ge­ne­ra­zio­na­le, beh, me­glio non par­lar­ne nem­me­no. La staffetta ge­ne­ra­zio­na­le do­vreb­be ser­vi­re a iniet­ta­re in azien­da un va­lo­re ag­giun­to di co­no­scen­ze e di ef­fi­cien­za. I gio­va­ni, in par­ti­co­la­re, do­vreb­be­ro es­se­re il mo­to­re del­la ri­vo­lu­zio­ne di­gi­ta­le. Il pia­no In­du­stria 4.0, di cui si è di­scus­so an­che ie­ri a Pa­do­va, è de­sti­na­to a re­sta­re una bel­la cor­ni­ce teo­ri­ca se non tro­va in­car­na­zio­ne in nuo­ve com­pe­ten­ze dif­fu­se fi­no al­le pmi. Chia­ro, ci so­no pu­re gli esem­pi vir­tuo­si. Al­la Lu­xot­ti­ca co­me nel di­stret­to cal­za­tu­rie­ro del Bren­ta, per ci­ta­re due set­to­ri as­sai di­ver­si, ca­pi­re­par­to con tren­ta o qua­rant’an­ni di al­ta ar­ti­gia­na­li­tà sul­le spal­le ope­ra­no fian­co a fian­co con gio­va­ni in­ge­gne­ri esper­ti di al­ta tec­no­lo­gia. Sta di fat­to che i da­ti di Ve­ne­to La­vo­ro so­no ine­qui­vo­ca­bi­li. Ol­tre la me­tà dei nuo­vi as­sun­ti ha un con­trat­to a tem­po de­ter­mi­na­to, il la­vo­ro som­mi­ni­stra­to se­gna più 26 per cen­to, l’ap­pren­di­sta­to più 28. I ti­ro­ci­ni un­der 30, inol­tre, so­no pas­sa­ti dai 12.931 del 2008 ai 30.275 del 2016, il 77,6 del to­ta­le di quel­li at­ti­va­ti. Ma­ria Cri­sti­na Pio­ve­sa­na, pre­si­den­te di Unin­du­stria Tre­vi­so, in­si­ste sul­la ne­ces­si­tà di sa­na­re il cor­to­cir­cui­to ve­ne­to, che im­pe­di­sce al­le azien­de di tro­va­re le fi­gu­re pro­fes­sio­na­li di cui han­no bi­so­gno. I gio­va­ni non vo­glio­no an­da­re a la­vo­ra­re nel­le im­pre­se ma­ni­fat­tu­rie­re. È ve­ro. Ma og­gi toc­ca al­le im­pre­se di­mo­stra­re di vo­le­re real­men­te in­ve­sti­re sui gio­va­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.