E Va­ria­ti scri­ve a Ren­zi: me­glio che non par­li

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - Da Prima Pagina - di G.M.Col­li­cel­li

Le idee chia­re sul­la cam­pa­gna elet­to­ra­le che ver­rà («Sa­rà fra so­vra­ni­sti e un bloc­co de­mo­cra­ti­co tut­to da rein­ven­ta­re») e un av­vi­so al­tret­tan­to pre­ci­so al suo par­ti­to, il Pd. E in par­ti­co­la­re al suo ex-se­gre­ta­rio Mat­teo Ren­zi: «Non do­vreb­be par­la­re in que­sta fa­se».

I ri­chia­mi a una nuo­va tor­na­ta elet­to­ra­le per ri­di­se­gna­re la com­po­si­zio­ne del Par­la­men­to giun­go­no an­che al­le orec­chie del sin­da­co di Vi­cen­za, Achil­le Va­ria­ti. Lui, iscrit­to al Pd, è uno de­gli uo­mi­ni for­ti dei dem in Ve­ne­to e fu tra i pri­mi a so­ste­ne­re le te­si del­la rot­ta­ma­zio­ne che ac­com­pa­gna­ro­no l’asce­sa di Ren­zi a pre­si­den­te del Con­si­glio nel 2014. Pas­sa­no gli an­ni, il ven­to cam­bia e pu­re Va­ria­ti ag­gior­na la sua li­nea, por­tan­do avan­ti una po­si­zio­ne che pia­no pia­no si fa sem­pre più cri­ti­ca nei con­fron­ti dell’ex-se­gre­ta­rio del Pd. Ora, l’ul­ti­ma stoc­ca­ta, che guar­da all’oriz­zon­te di una cam­pa­gna elet­to­ra­le na­zio­na­le e in vi­sta di un vo­to esti­vo che si fa sem­pre più con­cre­to: «In que­sta fa­se sa­reb­be me­glio che Ren­zi non par­las­se - di­ce Va­ria­ti - o al­me­no lo fa­ces­se il me­no pos­si­bi­le». E per es­se­re cer­to che il suo con­si­glio giun­ga a de­sti­na­zio­ne, al­tre pa­ro­le net­te: «Lo scri­ve­rò a Ren­zi» chio­sa il pri­mo cit­ta­di­no vi­cen­ti­no.

In real­tà, il ra­gio­na­men­to del sin­da­co di Vi­cen­za, pro­nun­cia­to a mar­gi­ne dell’ul­ti­ma se­du­ta del con­si­glio co­mu­na­le, è più am­pio: «Se si vo­te­rà per il Par­la­men­to in esta­te - di­chia­ra Va­ria­ti - ci sa­rà una cam­pa­gna elet­to­ra­le sen­za ve­li, del tut­to di­ver­sa dal­la pre­ce­den­te. Si af­fron­te­ran­no da un la­to le te­si del so­vra­ni­smo-po­pu­li­smo, dall’al­tro quel­le che non po­tran­no es­se­re le sem­pli­ce rie­vo­ca­zio­ni del vec­chio cen­tro­de­stra o del vec­chio cen­tro­si­ni­stra. Ser­ve un cam­bio di pas­so che an­co­ra non si ve­de». E non è esclu­so che in cam­pa­gna elet­to­ra­le ci fi­ni­sca pu­re lo stes­so Va­ria­ti, vi­sto che il suo se­con­do - e ul­ti­mo - man­da­to da sin­da­co sca­de il 10 giu­gno. «Ma nes­su­no mi ha chie­sto nien­te» chio­sa lui. Nel frat­tem­po, il suo giu­di­zio sull’at­tua­le cri­si di Go­ver­no è chia­ro: «Co­no­sco da tan­ti an­ni Ser­gio Mat­ta­rel­la - pre­ci­sa Va­ria­ti - Se lui è ar­ri­va­to a bloc­ca­re un Go­ver­no che ave­va la mag­gio­ran­za nel­le due Ca­me­re, si­gni­fi­ca che ha in ma­no ele­men­ti di pre­oc­cu­pa­zio­ne gra­vis­si­mi sul­la te­nu­ta eco­no­mi­ca e fi­nan­zia­ria del Pae­se». An­co­ra: «A me - è la te­si del sin­da­co del ca­po­luo­go be­ri­co - sem­bra che que­ste for­ze vo­glia­no fa­re quel­li che fe­ce­ro i Go­ver­ni del­la pri­ma re­pub­bli­ca, ov­ve­ro stam­pa­re la mo­ne­ta. Han­no ste­so un pro­gram­ma che co­sta mol­ti sol­di e per que­sto ame­reb­be­ro stam­pa­re mo­ne­ta, ma sic­co­me non lo pos­so­no fa­re per­ché è pre­ro­ga­ti­va del­la Bce al­lo­ra han­no in­di­vi­dua­to un ne­mi­co da ab­bat­te­re che è l’Eu­ro­pa».

Con­fron­to Ren­zi (a si­ni­stra) con Va­ria­ti al «Co­mu­na­le» di Vi­cen­za nel 2012

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.