A Chiam­po sfi­da a due Ma­ci­lot­ti con­tro Van­tin La via­bi­li­tà al cen­tro del di­bat­ti­to elet­to­ra­le

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - Vicenza - El­fri­da Ra­gaz­zo

Il pri­mo è «for­te» di cin­que an­ni di am­mi­ni­stra­zio­ne, lo sfi­dan­te di un 45% di vo­ti ac­cu­mu­la­ti dal­la Le­ga al­le ele­zio­ni po­li­ti­che del­lo scor­so 4 mar­zo. La ga­ra per la con­qui­sta del mu­ni­ci­pio di Chiam­po, quin­di, non sem­bra in di­sce­sa per nes­su­no dei due can­di­da­ti a pri­mo cit­ta­di­no: l’uscen­te Mat­teo Ma­ci­lot­ti e il con­ten­den­te Ma­ria­no Van­tin. Non ci so­no vol­ti nuo­vi tra gli aspi­ran­ti sin­da­ci per la Chiam­po che ver­rà, an­zi. Ma­ci­lot­ti, con la sua li­sta ci­vi­ca «Nuo­va Chiam­po», è de­ci­so a con­ti­nua­re quan­to ini­zia­to nei suoi pri­mi cin­que an­ni di go­ver­no lo­ca­le, men­tre Van­tin, sup­por­ta­to dal­la Le­ga – Li­ga Ve­ne­ta, è in­ten­zio­na­to a ri­tor­na­re in Co­mu­ne, do­ve è sta­to con­si­glie­re, as­ses­so­re e ha an­che ten­ta­to di di­ven­ta­re sin­da­co quin­di­ci an­ni fa (eb­be pe­rò la me­glio Mas­si­mo Con­fen­te). Per en­tram­bi il te­ma for­te del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le è la via­bi­li­tà, que­stio­ne mol­to sen­ti­ta nel­la val­la­ta del Chiam­po, ma con so­lu­zio­ni di­ver­se per snel­li­re un traf­fi­co che nel­le ore di pun­ta di­ven­ta al li­mi­te del­la so­ste­ni­bi­li­tà. «Uno dei pro­get­ti a cui ten­go di più è la bre­tel­la di con­giun­zio­ne con Ar­zi­gna­no – spie­ga Ma­ci­lot­ti -, un pia­no da cir­ca 10 mi­lio­ni di eu­ro». Del no­do via­bi­li­sti­co tra Chiam­po e Ar­zi­gna­no si par­la da cir­ca 50 an­ni e, non a caso, è sta­to scel­to an­che dal Car­roc­cio co­me ar­go­men­to cen­tra­le. «Lo slo­gan del­la no­stra cam­pa­gna elet­to­ra­le – sot­to­li­nea Van­tin – è: “Per una val­la­ta più vi­vi­bi­le”» e la so­lu­zio­ne, per il can­di­da­to sin­da­co e la sua li­sta po­treb­be es­se­re «la rea­liz­za­zio­ne di un tun­nel che col­le­ghi Chiam­po al­la val­la­ta dell’Agno, in mo­do da po­ter creare an­che un col­le­ga­men­to con la Su­per­stra­da Pe­de­mon­ta­na». Ma­ci­lot­ti, av­vo­ca­to chiam­pe­se di 37 an­ni at­tual­men­te in con­si­glio pro­vin­cia­le con la li­sta del pre­si­den­te Achil­le Va­ria­ti, tra gli al­tri pro­get­ti ha in men­te il com­ple­ta­men­to del ci­mi­te­ro, di piaz­za Za­nel­la e di una pi­sta ci­cla­bi­le. «In que­sti cin­que an­ni ab­bia­mo da­to una scos­sa di rin­no­va­men­to al pae­se, che sof­fri­va di va­rie pro­ble­ma­ti­che. E gra­zie ai gran­di even­ti che ab­bia­mo ospi­ta­to, co­me il mon­dia­le di trial nel 2016 e l’adu­na­ta tri­ve­ne­ta de­gli al­pi­ni un an­no fa, Chiam­po ha avu­to an­che mol­ta vi­si­bi­li­tà». Il can­di­da­to le­ghi­sta, in­ve­ce, pur ri­co­no­scen­do il van­tag­gio che usual­men­te ha un sin­da­co uscen­te, cre­de che ci sia da pun­ta­re an­che sul­la si­cu­rez­za e nel­la pre­ven­zio­ne, tan­to che tra i pro­get­ti che vor­reb­be met­te­re in can­tie­re c’è il po­ten­zia­men­to del­la vi­deo­sor­ve­glian­za. Geo­me­tra di So­viz­zo ma con lo stu­dio a Chiam­po, Van­tin, 57 an­ni, da fi­ne 2017 è se­gre­ta­rio lo­ca­le del­la Le­ga, men­tre in pas­sa­to è sta­to am­mi­ni­stra­to­re uni­co del­la par­te­ci­pa­ta pro­vin­cia­le Vi.Abi­li­tà e con­si­glie­re pro­vin­cia­le pri­ma dell’ar­ri­vo di Va­ria­ti. Tra i pri­mi pun­ti del suo pro­gram­ma, c’è an­che l’eli­mi­na­zio­ne di un dos­so stra­da­le in piaz­za Za­nel­la, che è la prin­ci­pa­le a Chiam­po: «È trop­po al­to – di­ce -, ha già crea­to trop­pi dan­ni». A de­ci­de­re il nuo­vo sin­da­co del Co­mu­ne di 12.859 abi­tan­ti sa­ran­no i 9.992 elet­to­ri chia­ma­ti al­le ur­ne il 10 giu­gno.

37 an­ni. È il sin­da­co uscen­te

«Nuo­va Chiam­po» Mat­teo Ma­ci­lot­ti, av­vo­ca­to,

57 an­ni, ha gui­da­to Vi.Abi­li­tà

«Le­ga-Li­ga Ve­ne­ta» Ma­ria­no Van­tin, geo­me­tra,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.