Si cam­bia Il nuo­vo Cor­rie­re da­rà una scos­sa

Corriere dell Umbria - - Da Prima Pagina - di Fran­co Be­chis

Chi mi leg­ge in que­sto mo­men­to avrà fra le ma­ni un nuo­vo Cor­rie­re. Il giu­di­zio de­ve es­se­re vo­stro, quin­di non fac­cio il piaz­zi­sta per dir­vi è più bel­lo, più ric­co, più raf­fi­na­to co­me si fa in que­sti ca­si.

Cer­to, non mi fos­se pia­ciu­to il gran la­vo­ro gra­fi­co com­piu­to dal­la no­stra straor­di­na­ria “pit­tri­ce” As­sun­ta Del Se­ro, non sa­rei qui a pro­por­ve­lo. Co­me i gran­di ar­ti­sti As­sun­ta non ha stra­vol­to il gior­na­le a cui sie­te af­fe­zio­na­ti. L’ha in­gen­ti­li­to, or­di­na­to, ve­sti­to ogni gior­no per quel­la fe­sta che è il no­stro in­con­tro con voi. Lo ha re­so più adat­to a tem­pi in cui sia­mo abi­tua­ti a vi­ve­re la vi­ta per im­ma­gi­ni: ci sa­ran­no più fo­to­gra­fie, che rac­con­ta­no for­se più del­le pa­ro­le la vi­ta e le per­so­ne di cui ci oc­cu­pia­mo. So­no con­vin­to che una ve­ste gra­de­vo­le aiu­ti an­che a leg­ge­re un gior­na­le, ma che quel che con­ta co­me sem­pre è quel che lì rac­con­tia­mo. Per cui non ba­sta l’abito nuo­vo: cer­che­re­mo di of­frir­vi di più nell’in­for­ma­zio­ne, che è il cor­po vi­vo di un gior­na­le. Più no­ti­zie dai ter­ri­to­ri, ma an­che una bus­so­la per ca­pir­le e in­ter­pre­tar­le. L’ago di quel­la bus­so­la sie­te voi, non i pa­laz­zi del­la po­li­ti­ca e del po­te­re. E’ a lo­ro che ab­bia­mo ri­vol­to lo slo­gan del­la cam­pa­gna pro­mo­zio­na­le che ave­te vi­sto sul­le pa­gi­ne di que­sto quo­ti­dia­no e qua e là an­che nei ma­ni­fe­sti af­fis­si nel­le cit­tà: “Sve­glia!”. Vor­rem­mo po­ter sve­glia­re i pa­laz­zi che spes­so so­no chiu­si in se stes­si e in pic­co­li cir­co­li au­to-re­fe- ren­zia­li. Non è det­to che ci riu­sci­re­mo, ma vi chie­dia­mo aiu­to nell’im­pre­sa. Per­ché do­vre­te es­se­re voi a se­gna­lar­ci co­me da­re quel­la sve­glia, sen­za pre­giu­di­zi e sen­za slo­gan, ma per af­fron­ta­re i pro­ble­mi del­la vi­ta comune e cer­ca­re le so­lu­zio­ni pos­si­bi­li. Ne chie­de­re­mo con­to a chi ha in ma­no le chia­vi del go­ver­no lo­ca­le e na­zio­na­le, a chi do­vreb­be pren­de­re de­ci­sio­ni e in­ve­ce son­nec­chia spe­ran­do che nes­su­no lo di­stur­bi. Fa­re­mo in­chie­ste con li­ber­tà, per ca­pi­re se e per­ché non fun­zio­ni quel che do­vreb­be mar­cia­re. Ri­spet­tia­mo tut­te le isti­tu­zio­ni, ma an­co­ra di più la ve­ri­tà e non do­ven­do sven­to­la­re ban­die­re di sor­ta cer­che­re­mo di far­lo con li­ber­tà.

Mi fer­mo qui, per­ché ogni buon pro­po­si­to ine­vi­ta­bil­men­te scon­fi­na nel­la più tri­ta re­to­ri­ca. As­sag­gia­te­ci gior­no do­po gior­no, sboc­con­cel­la­te­ci, da­te­ci an­che un bel mor­so mai vi aves­si­mo de­lu­so, sve­glia­te­ci voi se vi par­re­mo un po’ ad­dor­men­ta­ti. In­som­ma, pro­va­te­ci e poi giu­di­ca­te­ci. Man ma­no in­tro­dur­re­mo qual­che no­vi­tà per fa­re ca­pi­re di più co­me vo­glia­mo rac­con­ta­re la real­tà, qui sul gior­na­le co­me sui no­stri si­ti In­ter­net de­sti­na­ti an­che lo­ro a cam­bia­re. In que­sta nuo­va par­ten­za tro­ve­re­te una pa­gi­na due par­ti­co­la­re- “La se­con­da”- che uni­rà il no­stro mo­do di in­ter­pre­ta­re e giu­di­ca­re la real­tà gra­zie a com­men­ta­to­ri ed edi­to­ria­li­sti a re­tro­sce­na e bi­ri­chi­na­te do­ve ti­re­re­mo fuo­ri uno spi­ri­to un po’ mo­nel­lo (sen­za esa­ge­ra­re). E poi tro­ve­re­te tut­ti i gior­ni una nuo­va se­zio­ne - quell’Al­bum a cui era­va­te abi­tua­ti set­ti­ma­nal­men­te - do­ve uni­re­mo il rac­con­to del­la vi­ta dei ter­ri­to­ri (sto­rie, so­prat­tut­to sto­rie del­la no­stra gen­te) al tem­po li­be­ro (mu­si­ca, ci­ne­ma, tea­tro, ope­ra, mo­stre) e all’in­for­ma­zio­ne di ser­vi­zio. Pic­co­le no­vi­tà, a cui far­ne se­gui­re al­tre an­che con i vo­stri sug­ge­ri­men­ti. Gra­zie del­la pa­zien­za e dell’af­fet­to con cui ci ave­te ac­com­pa­gna­ti fin qui, e for­za: ce ne ser­vi­rà an­co­ra di più.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.