Orio, il ben­ser­vi­to di Go­ri a Radici Pre­si­den­za a Bru­ni

L’av­vo­ca­to: de­vo de­ci­de­re en­tro il 4 mag­gio

Corriere della Sera (Bergamo) - - DA PRIMA PAGINA - Di Do­na­tel­la Ti­ra­bo­schi

Po­che pa­ro­le per una de­ci­sio­ne ma­tu­ra­ta in po­chi gior­ni: co­sì il sin­da­co Giorgio Go­ri mer­co­le­dì se­ra ha an­nun­cia­to a Mi­ro Radici che la sua espe­rien­za al­la gui­da di Sac­bo si era chiu­sa. Una sor­pre­sa che non può non aver la­scia­to ama­rez­za nell’im­pren­di­to­re se­ria­no. Il pat­to di sin­da­ca­to ber­ga­ma­sco che con­trol­la l’ae­ro­por­to, en­ti pub­bli­ci e ban­che in te­sta, ha de­ci­so per la stra­da del rin­no­va­men­to e, con ogni pro­ba­bi­li­tà, pun­te­rà su Ro­ber­to Bru­ni per la suc­ces­sio­ne al­la pre­si­den­za. «Non c’è nes­su­na can­di­da­tu­ra. In que­sti gior­ni mi è sta­ta chie­sta una di­spo­ni­bi­li­tà da par­te del­la po­li­ti­ca ber­ga­ma­sca quo­ta­ta in Sac­bo — di­ce Bru­ni —, dal sin­da­co e dal pre­si­den­te del­la Pro­vin­cia. Una di­spo­ni­bi­li­tà che ho da­to, ma sul cui esi­to non pos­so espri­mer­mi. Non di­rò nul­la fi­no al pros­si­mo 4 mag­gio». È la da­ta dell’as­sem­blea dei so­ci che do­vreb­be ra­ti­fi­ca­re il cam­bio al ver­ti­ce.

Ri­sul­ta­ti Il di­ret­to­re Bel­lin­gar­di e il suo ma­na­ge­ment so­no con­si­de­ra­ti una ga­ran­zia Ro­ber­to Bru­ni Mi è sta­ta chie­sta una di­spo­ni­bi­li­tà da par­te del­la po­li­ti­ca ber­ga­ma­sca quo­ta­ta in Sac­bo. L’ho da­ta. Sull’esi­to non pos­so espri­mer­mi. Non di­rò nul­la fi­no al 4 mag­gio

«No, non c’è nes­su­na can­di­da­tu­ra. In que­sti gior­ni, mi è sta­ta chie­sta una di­spo­ni­bi­li­tà da par­te del­la po­li­ti­ca ber­ga­ma­sca quo­ta­ta in Sac­bo, dal sin­da­co e dal pre­si­den­te del­la Pro­vin­cia. Una di­spo­ni­bi­li­tà che ho da­to, ma sul cui esi­to non pos­so espri­mer­mi. Non di­rò nul­la fi­no al pros­si­mo 4 mag­gio». Ri­ba­di­sce a chia­re let­te­re di «non es­se­re candidato», ma il no­me for­te per la pre­si­den­za di Sac­bo, per il do­po-Radici è il suo: quel­lo dell’av­vo­ca­to Ro­ber­to Bru­ni. Sul con­si­glie­re re­gio­na­le, al Pi­rel­lo­ne con la Li­sta Am­bro­so­li dal 2013, già sin­da­co di Bergamo dal 2004 al 2009, si sta co­struen­do in que­ste ore il «con­sen­sus» dell’azio­na­ria­to ber­ga­ma­sco in Sac­bo, riu­ni­to nel Pat­to di sin­da­ca­to, di cui è por­ta­vo­ce il pre­si­den­te di Ubi, An­drea Mol­tra­sio. Ne fan­no par­te Ubi, il Ban­co Po­po­la­re, Ital­ce­men­ti-Hei­del­berg, Con­fin­du­stria, Ca­me­ra di Com­mer­cio ol­tre a Pro­vin­cia e Co­mu­ne di Bergamo. Ed è pro­prio al­la par­te po­li­ti­ca di Pa­la­friz­zo­ni e via Tas­so (de­ten­to­ri del 23% tut­ti e due in­sie­me) che i pat­ti­sti avreb­be­ro de­man­da­to l’«af­fai­re Radici», con la con­se­guen­te no­mi­na­tion del nuo­vo pre­si­den­te.

Ca­pi­re il per­ché di que­sta de­le­ga, è ab­ba­stan­za sem­pli­ce, se si con­si­de­ra l’an­go­la­tu­ra da cui muo­ve il Pat­to che, so­prat­tut­to nel­la sua par­te di so­ci «pri­va­ti», ban­che in pri­mis, ba­da al so­do del­la so­cie­tà. In que­sto sen­so la di­re­zio­ne di Emi­lio Bel­lin­gar­di e il suo ma­na­ge­ment so­no con­si­de­ra­ti una ga­ran­zia. I ri­sul­ta­ti, la cre­sci­ta, i di­vi­den­di e tut­to quel­lo che «cu­ba» nei flo­ri­di bi­lan­ci di Sac­bo so­no di­ret­ta­men­te af­fe­ri­ti ad una ope­ra­ti­vi­tà ge­sti­ta, fi­no ad og­gi, con ot­ti­mi ri­sul­ta­ti. Mes­so in cas­sa­for­te Bel­lin­gar­di, tut­to quel­lo che non è bu­si­ness e ma­na­ge­ria­le in sen­so stret­to, è «po­li­ti­co». Ag­get­ti­vo che rac­chiu­de, in un flo­ri­le­gio di re­la­zio­ni, con­tat­ti, rap­por­ti, tut­to l’hu­mus ter­ri­to­ria­le in cui è in­se­dia­to l’ae­ro­por­to di Orio. Po­li­ti­ca si­gni­fi­ca co­mu­ni, più o me­no con­fi­nan­ti, sin­da­ci, en­ti, or­ga­niz­za­zio­ni, al­tre so­cie­tà, al­tri ae­ro­por­ti, i lo­ro pre­si­den­ti e al­tri pre­si­den­ti an­co­ra, sia che si trat­ti di Enac che del go­ver­na­to­re del­la Re­gio­ne Lom­bar­dia. È tut­ta que­sta re­te che va in­tes­su­ta e te­nu­ta dal pre­si­den­te di Sac­bo ed è in que­st’ot­ti­ca che Go­ri e Ros­si si sa­reb­be­ro in­di­riz­za­ti su un per­so­nag­gio di lun­go cor­so po­li­ti­co, in sen­so stret­to, co­me Bru­ni. Uno che sa «te­ne­re i ta­vo­li», che sa eser­ci­ta­re l’ar­te del­la pa­zien­za, che sa aspet­ta­re, trat­ta­re e me­dia­re. Im­pli­ci­ta­men­te, ma nean­che poi tan­to, quel­lo che Radici non avreb­be fat­to e che gli è co­sta­to il si­lu­ra­men­to. La no­mi­na­tion di Bru­ni sa­reb­be emer­sa chia­ra­men­te so­lo nel­le ul­ti­me ore e sul no­me del pe­na­li­sta ber­ga­ma­sco ora il Pat­to di sin­da­ca­to, che non si è mai for­mal­men­te riu­ni­to per af­fron­ta­re l’ar­go­men­to (an­che se al­la sca­den­za as­sem­blea­re man­ca po­chis­si­mo), ma che sta son­dan­do il ter­re­no de­gli azio­ni­sti con in­con­tri «one to one», (e non sen­za gran­de sor­pre­sa di qual­cu­no di lo­ro) si sta com­pat­tan­do. Ac­can­to a quel­lo di Bru­ni, so­no sta­ti fat­ti al­tri no­mi, da Er­co­le Ga­liz­zi pre­si­den­te uscen­te di Con­fin­du­stria Bg, al ra­gio­nier Fa­bio Bom­bar­die­ri, pre­si­den­te del­la Mia, a quel­lo di Giam­pie­ro Be­ni­gni, ex ad de­gli Ospe­da­li Riu­ni­ti, che og­gi sie­de in Sac­bo in quo­ta Pro­vin­cia al po­sto di En­ri­co Pic­ci­nel­li, di­mes­so­si nel 2015 per in­com­pa­ti­bi­li­tà. Po­li­ti­co di lun­go cor­so, un pas­sa­to da de­mo­cri­stia­no, Be­ni­gni è sta­to le­ga­tis­si­mo all’al­lo­ra mi­ni­stro del La­vo­ro, Do­nat Cat­tin (di cui ogni an­no ri­cor­da la fi­gu­ra or­ga­niz­zan­do un con­ve­gno a Saint Vin­cent in­sie­me ad al­tri ami­ci di que­gli an­ni). Bom­bar­die­ri è una new en­try che esor­di­rà nel board di Sac­bo in rap­pre­sen­tan­za del Ban­co Po­po­la­re, men­tre sull’al­tro fron­te ban­ca­rio, quel­lo di Ubi, l’in­ve­sti­tu­ra — se­con­do in­di­scre­zio­ni pro­ba­bi­lis­si­me — sa­reb­be toc­ca­ta ad Er­co­le Ga­liz­zi, che sta per ter­mi­na­re il suo man­da­to in Con­fin­du­stria.

Dun­que an­che in cda si sa­reb­be al­la vi­gi­lia di un pro­fon­do cam­bia­men­to, for­gia­to sul mix tra la com­po­nen­te po­li­ti­ca e quel­la di de­ri­va­zio­ne tec­ni­co-in­du­stria­le. E la po­li­ti­ca, in un’epo­ca in cui le ban­che e le gran­di im­pre­se ve­do­no di­lui­re il pro­prio Dna ber­ga­ma­sco, si è sen­ti­ta ob­bli­ga­ta ad as­su­mer­si mag­gio­ri re­spon­sa­bi­li­tà. Un mez­zo ri­bal­to­ne, se­con­do al­cu­ni, che par­ten­do sor­pren­den­te­men­te pro­prio dal­la te­sta ri­sul­ta dif­fi­ci­le da spie­ga­re. «Non ve­do per­ché Radici non do­ves­se es­se­re ri­con­fer­ma­to — sot­to­li­nea il nu­me­ro uno di Con­far­ti­gia­na­to Bergamo, An­ge­lo Car­ra­ra —. Ma la co­sa mi puz­za, tan­to più che pro­prio nei gior­ni scor­si Mo­dia­no (il pre­si­den­te di Sea ndr) ha af­fer­ma­to che sul­la fu­sio­ne con Sac­bo si sa­reb­be po­tu­ti tor­na­re a ra­gio­na­re. Di­co so­lo che Bergamo ave­va una bel­la col­la­na, ma le per­le che ave­va al col­lo so­no sta­te tut­te sven­du­te. Ad una ad una. La pros­si­ma — con­clu­de Car­ra­ra che gio­ve­dì pros­si­mo la­sce­rà la ca­ri­ca di nu­me­ro uno di via Tor­ret­ta — sa­rà Sac­bo e que­sto la di­ce lun­ga sul­la po­chez­za del­la no­stra cit­tà a cui man­ca una vi­sio­ne glo­ba­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.