Ga­sp: nell’al­bo d’oro. Go­mez: aspet­ta­vo da una vi­ta

La sod­di­sfa­zio­ne del Pa­pu e del tec­ni­co, che ha tro­va­to la chia­ve con il cen­tro­cam­po a tre

Corriere della Sera (Bergamo) - - SPORT - An­drea Lo­sa­pio

«Que­ste par­ti­te ri­man­go­no nell’al­bo d’oro di una squa­dra». Non può che es­se­re rag­gian­te, co­me tut­ti i ti­fo­si giun­ti al Ma­pei Sta­dium, Gian Pie­ro Ga­spe­ri­ni, dopo la vit­to­ria per 3-0 con­tro l’Ever­ton. Un ri­sul­ta­to ro­ton­do che non po­te­va es­se­re pro­no­sti­ca­to. «Ho qual­che ri­cor­do del pas­sa­to, quan­do por­ti co­sì tan­ta gen­te al­lo sta­dio ci può es­se­re del­la de­lu­sio­ne. Ave­re vin­to co­sì... nel pri­mo tem­po la co­sa più bel­la è sta­ta l’Ata­lan­ta, nel se­con­do il pub­bli­co».

L’Ever­ton è sta­to cer­ta­men­te in­fe­rio­re al­le aspet­ta­ti­ve, ma la chia­ve tat­ti­ca è lo spo­sta­men­to di Cri­stan­te più avan­ti, in una sor­ta di cen­tro­cam­po a tre che pe­rò non si li­mi­ta­va a con­te­ne­re. «Pos­sia­mo di­re che sia un gio­ca­to­re uni­ver­sa­le, può fa­re la mezz’ala ma an­che av­vi­ci­nar­si agli at­tac­can­ti. Do­ve­vo pe­rò, prima, ave­re de Roon in con­di­zio­ne, per­ché è ar­ri­va­to so­lo al­la fi­ne del mer­ca­to esti­vo. Ven­ti gior­ni fa non era co­sì. Co­sì ab­bia­mo una so­lu­zio­ne in più, per que­sta ga­ra mi sem­bra­va la più adat­ta, poi ab­bia­mo Kur­tic e Ili­cic che non tra­scu­ro. L’Ever­ton è co­mun­que una buo­na squa­dra, l’ab­bia­mo stu­dia­ta con i vi­deo. Te­me­vo la lo­ro fi­si­ci­tà, do­ve­va­mo gio­ca­re be­ne tec­ni­ca­men­te per col­ma­re il gap con lo­ro, ci siamo riu­sci­ti e ab­bia­mo crea­to del­le buo­ne li­nee di pas­sag­gio».

Una pa­ro­la an­che su Pe­ta­gna, au­to­re di un’esul­tan­za po­le­mi­ca con­tro il Sas­suo­lo. «Gli era ve­nu­ta la fo­bia del gol, ma lui de­ve pen­sa­re a gio­ca­re per la squa­dra, por­ta­re via uo­mi­ni, ri­for­ni­re gli al­tri di as­si­st. Non de­ve ri­cer­ca­re al­cu­ne co­se che non so­no nel­le sue cor­de, si­gni­fi­che­reb­be sna­tu­rar­lo. Dev’es­se­re gra­ti­fi­ca­to da que­ste pre­sta­zio­ni, non dai gol. Cor­ne­lius è una buo­na al­ter­na­ti­va, Cal­da­ra og­gi era in pan­chi­na per­ché non ero si­cu­ro po­tes­se reg­ge­re due par­ti­te di fi­la. Il Lio­ne che pa­reg­gia? Ab­bia­mo vin­to una par­ti­ta, è un buon ini­zio, ma so che pu­re l’Apol­lon è un brut­to clien­te».

En­tu­sia­sta Go­mez: «So­no mol­to emo­zio­na­to, è da una vi­ta che aspet­to que­sto mo­men­to. Non so­no più un gio­va­not­to e gio­ca­re a 29 an­ni la prima par­ti­ta in Eu­ro­pa Lea­gue, se­gna­re e vin­ce­re con­tro l’Ever­ton è sta­to bel­lis­si­mo».

Cri­stan­te, au­to­re del ter­zo gol, esul­ta: «Siamo con­ten­ti, gran­de pre­sta­zio­ne, siamo sta­ti bra­vis­si­mi a chiu­der­la su­bi­to». In­fi­ne Ma­siel­lo, il migliore in cam­po. «Rin­gra­zio la so­cie­tà, per­ché ha cre­du­to in me nei mo­men­ti dif­fi­ci­li. Non è fa­ci­le tro­va­re gen­te che ca­pi­sce l’er­ro­re e rie­sce a pas­sar­ci so­pra. So­no or­go­glio­so di quan­to fat­to». E Koe­man? «Una ver­go­gna», ha sen­ten­zia­to il tec­ni­co olan­de­se.

Il ruo­lo di Cri­stan­te «La so­lu­zio­ne più pos­si­bi­le gra­zie al­la cre­sci­ta di Mar­ten de Roon» Nel pri­mo tem­po la co­sa più bel­la è sta­ta l’Ata­lan­ta, nel se­con­do è sta­ta il pub­bli­co Gian Pie­ro Ga­spe­ri­ni

al­le­na­to­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.