«Mo­men­to cru­cia­le»

Sal­vi­ni at­tac­ca i pm e an­che Go­ri: «Pen­sa trop­po agli im­mi­gra­ti»

Corriere della Sera (Bergamo) - - PRIMO PIANO - Si­mo­ne Bian­co sbian­co@cor­rie­re.it

Mat­teo Sal­vi­ni ave­va im­ma­gi­na­to una set­ti­ma­na di­ver­sa. Con i son­dag­gi che con­fer­ma­no la for­za del­la Le­ga e il cen­tro­de­stra in van­tag­gio in vi­sta del 2018, Pon­ti­da sa­reb­be sta­to il po­dio da cui lan­ciar­si ver­so i pros­si­mi sei me­si di cam­pa­gna elet­to­ra­le. Il se­que­stro dei con­ti cor­ren­ti ha im­po­sto mo­di­fi­che ra­di­ca­li al pro­gram­ma. «Cam­bie­re­mo an­che la sca­let­ta de­gli in­ter­ven­ti. Per for­za, qui stan­no cer­can­do di bloc­car­ci», di­ce il se­gre­ta­rio fe­de­ra­le. Da do­ma­ni sa­rà al­le pre­se con i ri­cor­si per sbloc­ca­re i fon­di, og­gi pe­rò si con­cen­tre­rà so­lo sul pra­to­ne.

E di­re che a ini­zio set­ti­ma­na il pro­ble­ma prin­ci­pa­le del­la Le­ga sem­bra­va il re­go­la­men­to per i par­cheg­gi ro­sa del sin­da­co di Pon­ti­da, che esclu­de­va mam­me stra­nie­re e le­sbi­che.

«Beh, ades­so quel­le so­no que­stio­ni lon­ta­ne an­ni lu­ce».

Il se­que­stro è arrivato quan­do la mac­chi­na or­ga­niz­za­ti­va di Pon­ti­da era già in cor­sa, non c’è sta­to il ri­schio rea­le che il ra­du­no sal­tas­se?

«È ve­ro che Pon­ti­da si fa in ogni ca­so, ma il pun­to è che con que­sto se­que­stro da lu­ne­dì (do­ma­ni, ndr) avrò sul mio ta­vo­lo fat­tu­re che non po­trò pa­ga­re. E do­vrò li­cen­zia­re. La co­sa che mi fa ve­ra­men­te an­da­re in be­stia è che ci han­no se­que­stra­to con­ti sui qua­li non era arrivato un so­lo eu­ro di fon­di pub­bli­ci, so­no sol­di dei no­stri mi­li­tan­ti».

A Ber­ga­mo si par­la di 400 mi­la eu­ro se­que­stra­ti dal con­to del­la Le­ga pro­vin­cia­le. Da chi ar­ri­va­no quei fon­di?

«So­no i con­tri­bu­ti dei sin­da­ci, dei mi­li­tan­ti, do­na­zio­ni, ma so­prat­tut­to gli in­cas­si del­le no­stre fe­ste che, a dif­fe­ren­za di quel­le del Pd, ren­do­no an­co­ra. So­prat­tut­to a Ber­ga­mo, do­ve ab­bia­mo il mag­gior nu­me­ro di mi­li­tan­ti e una gran­de ca­pa­ci­tà or­ga­niz­za­ti­va. Que­st’esta­te in pro­vin­cia ab­bia­mo fat­to 30 fe­ste».

La for­za dei nu­me­ri di Ber­ga­mo re­sta una co­stan­te an­che nel­la sua Le­ga, che guar­da a Sud del Po?

«Sì, il no­stro ra­di­ca­men­to in que­sta ter­ra è for­tis­si­mo. Ba­sti pen­sa­re che io in que­sti gior­ni, ol­tre a Pon­ti­da, so­no sta­to e sa­rò a Sant’Omo­bo­no, a Pon­te San Pie­tro, a Chiu­du­no. La Le­ga a Ber­ga­mo ha ri­sor­se ri­spar­mia­te gra­zie al la­vo­ro dei vo­lon­ta­ri del­le fe­ste, al pa­ne e sa­la­me e al­le pa­ta­ti­ne. Dav­ve­ro è la co­sa che più mi fa ar­rab­bia­re di que­sta sto­ria».

Fa­re­te ri­cor­so e ma­ga­ri vi sbloc­che­ran­no i con­ti. Que­stio­ni pra­ti­che a par­te, que­sto se­que­stro non vi fa gio­co sul pia­no del­la pro­pa­gan­da?

«Non c’è dub­bio che tan­ta gen­te ne­gli ul­ti­mi gior­ni si sia av­vi­ci­na­ta al­la Le­ga. Ho ri­ce­vu­to mil­le mes­sag­gi di so­li­da­rie­tà, gen­te che of­fre sol­di: io de­vo ri­spon­de­re che non pos­so pren­der­li per­ché in que­sto mo­men­to non sa­prei do­ve met­ter­li. Sì, fa­re­mo ri­cor­so e al­la fi­ne non po­tran­no non dar­ci ra­gio­ne, ma con i tem­pi del­la giu­sti­zia ita­lia­na ri­schia­mo di non po­ter fa­re cam­pa­gna elet­to­ra­le. Il pun­to ve­ro di que­sta sto­ria è che qual­cu­no sta cer­can­do di bloc­car­ci in vi­sta del re­fe­ren­dum del 22 ot­to­bre e del­le ele­zio­ni del 2018».

Con la tra­sfor­ma­zio­ne da mo­vi­men­to del Nord a for­za po­li­ti­ca na­zio­na­le, che pe­so ha per lei il re­fe­ren­dum per l’au­to­no­mia lom­bar­da e ve­ne­ta?

«Do­po trent’an­ni di bat­ta­glie, di fiac­co­la­te, ma­ni­fe­sti, il Po, que­sto è un pas­sag­gio sto­ri­co per­ché fi­nal­men­te si può vo­ta­re, in ca­bi­na elet­to­ra­le, per l’au­to­no­mia. Per que­sto il se­que­stro dei con­ti è un at­tac­co

La svol­ta a Sud «Con l’au­to­no­mia al­tre re­gio­ni, co­me la Pu­glia, sa­reb­be­ro go­ver­na­te me­glio» Pon­ti­da si fa in ogni ca­so, ma con que­sto se­que­stro da do­ma­ni avrò sul mio ta­vo­lo fat­tu­re che non po­trò pa­ga­re. E do­vrò li­cen­zia­re. Ci han­no se­que­stra­to con­ti sui qua­li non era arrivato un so­lo eu­ro di fon­di pub­bli­ci Mat­teo Sal­vi­ni

con­tro la Le­ga in un mo­men­to de­ci­si­vo».

Ma il ri­sul­ta­to del re­fe­ren­dum ap­pa­re già ora scon­ta­to.

«Sì, ma il pun­to è por­ta­re tan­ta gen­te a vo­ta­re per da­re va­lo­re a que­sto re­fe­ren­dum».

Co­me si con­ci­lia l’au­to­no­mia lom­bar­da con la svol­ta sal­vi­nia­na che guar­da ver­so Sud?

«Mol­ti am­mi­ni­stra­to­ri del Cen­tro e del Sud vor­reb­be­ro fa­re la stes­sa co­sa».

Sì, pe­rò tra Lom­bar­dia e re­gio­ni del Sud c’è una bel­la dif­fe­ren­za in ter­mi­ni di ri­sor­se.

«È chia­ro, nes­su­na re­gio­ne in Eu­ro­pa ha un re­si­duo fi­sca­le pa­ra­go­na­bi­le al­la Lom­bar­dia. Ma so­no con­vin­to che con l’au­to­no­mia re­gio­ni co­me la Pu­glia o la Cam­pa­nia sa­reb­be­ro go­ver­na­te me­glio».

Do­po il re­fe­ren­dum, le re­gio­na­li. Le ul­ti­me evo­lu­zio­ni giu­di­zia­rie spia­na­no la stra­da a Ma­ro­ni?

«Sa­pe­va­mo che era un pro­ces­so ba­sa­to sul nul­la e il fat­to che il dg di Ex­po sia sta­to as­sol­to fa ben spe­ra­re in un esi­to po­si­ti­vo per Ma­ro­ni».

Nel­la Le­ga sie­te più pre­oc­cu­pa­ti del pro­ces­so a Ma­ro­ni che dell’av­ver­sa­rio, Gior­gio Go­ri?

«Gli av­ver­sa­ri non ci pre­oc­cu­pa­no, Go­ri in par­ti­co­la­re. Le sue po­si­zio­ni sull’im­mi­gra­zio­ne so­no l’esat­to op­po­sto di ciò che ser­ve al­la Lom­bar­dia. Per­si­no il se­gre­ta­rio del suo par­ti­to si è ac­cor­to che bi­so­gna met­te­re un nu­me­ro chiu­so di im­mi­gra­ti in Ita­lia, Go­ri invece pro­po­ne di ren­de­re l’ac­ces­so più sem­pli­ce. For­se, dall’al­to dei suoi pos­se­di­men­ti, non si ren­de con­to di co­sa sia la vi­ta rea­le in que­sto Pae­se».

Se­gre­ta­rio fe­de­ra­le Mat­teo Sal­vi­ni ha de­ci­so di sfi­da­re i giu­di­ci e fa­re ri­cor­so con­tro il se­que­stro dei 48 mi­lio­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.