A Ro­ma­no la pe­sca da re­cord dei luc­ci

Corriere della Sera (Bergamo) - - DA PRIMA PAGINA - Scar­di

Una cat­tu­ra di luc­ci da re­cord, tan­to da sta­bi­li­re un pri­ma­to na­zio­na­le. Al la­ghet­to di pe­sca spor­ti­va San Mar­cel­lo a Ro­ma­no di Lom­bar­dia so­no sta­ti cat­tu­ra­ti 311 «squa­li d’ac­qua dol­ce» in tre me­si. Il più gros­so pe­sa­va quin­di­ci chi­li ed era lun­go un me­tro e quin­di­ci cen­ti­me­tri. Il pas­sa­pa­ro­la si è dif­fu­so sul­la re­te gra­zie a Fa­ce­book e In­sta­gram, do­ve i pe­sca­to­ri po­sta­no le fo­to tro­feo con esem­pla­ri smi­su­ra­ti. C’è chi, pri­ma di vo­la­re in Sve­zia o Fin­lan­dia, do­ve la na­tu­ra è in­con­ta­mi­na­ta, pre­fe­ri­sce ma­ci­na­re cen­ti­na­ia di chi­lo­me­tri per rag­giun­ge­re l’oa­si nel­la Bas­sa ber­ga­ma­sca. Ar­ri­va­no ap­pas­sio­na­ti da Saint Mo­ri­tz, Li­vi­gno Cha­mo­nix, Tren­to, Par­ma, Imo­la, qual­cu­no per­fi­no da Ro­ma e dal­le cit­tà del Sud. Si al­le­na­no co­me se il San Mar­cel­lo fos­se una sor­ta di pa­le­stra.

«Pe­sca­re cen­to esem­pla­ri in un an­no è già un ri­sul­ta­to ec­ce­zio­na­le, ma un even­to co­sì ano­ma­lo non era mai ac­ca­du­to in mez­zo se­co­lo di at­ti­vi­tà e non se ne tro­va trac­cia in tut­ta Ita­lia, i pe­sca­to­ri so­no ec­ci­ta­ti per l’im­pen­na­ta e il tam tam sui so­cial è ir­re­fre­na­bi­le», com­men­ta il pro­prie­ta­rio Fla­vio Mo­ra, in società con i fra­tel­li Ni­ves e Da­nie­le, ge­sto­ri an­che del Coc­chia’s pub. Il la­ghet­to è sta­to fon­da­to nel 1969 dai ge­ni­to­ri, il pa­dre Fran­ce­sco in­sie­me al­la mo­glie Ma­ria No­va­ti, che ave­va ap­pro­fit­ta­to dell’esca­va­zio­ne per rea­liz­za­re il ca­val­ca­via nel cen­tro del pae­se. Nel­le sue ac­que sguaz­za­no an­che tro­te, car­pe, ca­ve­da­ni, an­guil­le, sto­rio­ni, tin­che e black bass.

La pra­ti­ca è il cat­ch and rea­lea­se, per­tan­to i luc­ci, che so­no dei ve­ri «mo­stri» da 700 den­ti, una vol­ta pe­sca­ti, ven­go­no sla­ma­ti con pin­ze spe­cia­li, ada­gia­ti sui tap­pe­ti­ni, pe­sa­ti, fo­to­gra­fa­ti e ri­but­ta­ti nel la­ghet­to. In qual­che oc­ca­sio­ne, ca­pi­ta che sia­no ri­pe­sca­ti. «Ce ne ac­cor­gia­mo per­ché pre­sen­ta­no se­gni o graf­fi, ma gli esem­pla­ri so­no mol­to di più di quan­ti ab­boc­ca­no», pre­ci­sa il pro­prie­ta­rio che so­lo da sei an­ni ef­fet­tua l’im­mis­sio­ne di que­sta spe­cie in au­tun­no. La pri­ma spie­ga­zio­ne del fe­no­me­no è da­ta dal­la qua­li­tà dell’ac­qua. «È un pesce che ha gros­se esi­gen­ze am­bien­ta­li, ab­ban­do­na le aree ric­che di de­tri­ti e in­qui­nan­ti, i fon­da­li den­si, fan­go­si e li­mac­cio­si, ne­ces­si­tà di os­si­ge­no, ac­qua chia­ra e pu­li­ta per po­ter av­vi­sta­re me­glio le sue pre­de», af­fer­ma Mi­che­le Bug­ge­ro, bio­lo­go che mo­ni­to­ra il la­ghet­to. Al­tro fat­to­re è il mi­cro­cli­ma spe­cia­le. «An­che il ri­scal­da­men­to è de­ter­mi­nan­te, una con­se­guen­za del­la di­ver­si­tà di fon­da­li, del­le cor­ren­ti e dell’in­ter­cam­bio tra l’ac­qua del­la sor­gi­va e quel­la del Se­rio mor­to che en­tra e pu­li­sce — ag­giun­ge l’esper­to —. In tan­ti an­ni di la­vo­ro, non ho mai vi­sto un ta­le so­vraf­fol­la­men­to di luc­ci in un la­ghet­to».

Pe­sca­re cen­to esem­pla­ri in un an­no è già un ri­sul­ta­to ec­ce­zio­na­le, è un even­to ano­ma­lo Fla­vio Mo­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.