Sin­da­co ex Pdl in or­bi­ta Go­ri

Pedrengo, Gab­bia­di­ni nel 2012 nel­la squa­dra di Ca­pel­li

Corriere della Sera (Bergamo) - - DA PRIMA PAGINA - Ar­man­do Di Lan­dro

Rien­tra nell’or­bi­ta di una pos­si­bi­le li­sta Go­ri, Ga­brie­le Gab­bia­di­ni.

An­che dal cal­de­ro­ne di un mi­glia­io e mez­zo di «mi pia­ce» su Fa­ce­book, sot­to un po­st di Giorgio Go­ri che lan­cia la sua can­di­da­tu­ra al­la pre­si­den­za del­la Re­gio­ne, può spun­ta­re una cu­rio­si­tà. Ad esem­pio il «li­ke» di un sin­da­co dell’hin­ter­land che nel cen­tro­si­ni­stra non ha mai baz­zi­ca­to mol­to, an­zi è sta­to at­ti­vo sull’al­tro fron­te. Lui è Ga­brie­le Gab­bia­di­ni, sin­da­co di Pedrengo dal 2009. Elet­to la pri­ma vol­ta con il 47,59% dei con­sen­si con una li­sta espli­ci­ta­men­te so­ste­nu­ta dal­la Le­ga Nord e dal Pdl, con tan­to di lo­ghi dei par­ti­ti in­se­ri­ti nel sim­bo­lo uni­co. E poi ri­con­fer­ma­to nel 2014 con una per­cen­tua­le qua­si iden­ti­ca, il 47,57%, ma do­po una tor­na­ta in cui c’era­no in cor­sa quat­tro li­ste ci­vi­che ri­spet­to al­le tre di cin­que an­ni pri­ma.

At­ti­vi­tà am­mi­ni­stra­ti­va, di si­cu­ro, per Gab­bia­di­ni, ma an­che un po’ di po­li­ti­ca in sen­so più stret­to. Ba­sti di­re che nel 2012, al pri­mo e ul­ti­mo con­gres­so pro­vin­cia­le del Po­po­lo del­la Li­ber­tà, era nel­la squa­dra del can­di­da­to se­gre­ta­rio, poi vincente, Angelo Ca­pel­li, che ave­va bat­tu­to Enrico Pic­ci­nel­li. Per­ché, quin­di, quel «li­ke» per Giorgio Go­ri? «È sta­to di si­cu­ro un ge­sto di sti­ma nei con-

fron­ti di un col­le­ga sin­da­co che in que­sti an­ni ho co­no­sciu­to da vi­ci­no du­ran­te il la­vo­ro su pun­ti di con­tat­to e di in­te­res­se tra la cit­tà e l’hin­ter­land — com­men­ta Gab­bia­di­ni —. È il te­ma del­la gran­de Ber­ga­mo». Do­po­di­ché lui stes­so spie­ga di non ave­re più tessere di par­ti­to, da quan­do il Pdl è scom­par­so, ma an­che di es­se­re «mol­to in­cu­rio­si­to dal­la pro­po­sta di Giorgio Go­ri per un’al­ter­na­ti­va in Re­gio­ne. Cre­do stia por­tan­do avan­ti una po­li­ti­ca con­cre­ta, di me­ri­to, al di fuo­ri de­gli sche­mi par­ti­ti­ci, che è poi quel­la che ho pro­va­to

a spe­ri­men­ta­re fa­cen­do il sin­da­co di Pedrengo». Non si stu­pi­sce nem­me­no trop­po, Gab­bia­di­ni, quan­do gli ven­go­no ri­fe­ri­te le in­di­scre­zio­ni che lo col­lo­ca­no nell’or­bi­ta di un even­tua­le Li­sta Go­ri. «Ri­pe­to quel che ho det­to, so­no in­te­res­sa­to all’al­ter­na­ti­va pro­po­sta

Il con­te­sto For­mi­go­nia­ni in cer­ca di nuo­ve al­lean­ze? Il consigliere re­gio­na­le al mo­men­to smen­ti­sce

dal can­di­da­to al­la pre­si­den­za del­la Re­gio­ne Lom­bar­dia. Sul re­sto ve­dre­mo».

Non man­ca, co­mun­que, il gos­sip po­li­ti­co che po­ne l’ac­cen­to pro­prio su quel­la vi­ci­nan­za del pas­sa­to tra il sin­da­co di Pedrengo e l’ex coor­di­na­to­re pro­vin­cia­le del Po­po­lo del­la Li­ber­tà Ca­pel­li, dal 2013 consigliere re­gio­na­le di Lom­bar­dia Po­po­la­re (già Nuo­vo Cen­tro Destra). Ru­mors che spin­go­no in una di­re­zio­ne ben pre­ci­sa: pro­ve tec­ni­che di so­ste­gno a Go­ri da par­te dei for­mi­go­nia­ni, in un qua­dro sia na­zio­na­le sia re­gio­na­le, an­co­ra in evo­lu­zio­ne. Per­ché non è an­co­ra chia­ro in qua­le di­re­zio­ne an­drà il par­ti­to di An­ge­li­no Al­fa­no in vi­sta del­le Po­li­ti­che e an­che co­sa ac­ca­drà al­le Re­gio­na­li, no­no­stan­te la vo­lon­tà espli­ci­ta del pre­si­den­te del Con­si­glio al Pi­rel­lo­ne, Raf­fae­le Cat­ta­neo (for­mi­go­nia­no di fer­ro), di re­sta­re nel cen­tro­de­stra. Gli am­mic­ca­men­ti tra Giorgio Go­ri e Ro­ber­to For­mi­go­ni, su al­cu­ni te­mi, co­me l’au­to­no­mia, non so­no man­ca­ti, è ve­ro. Ma al mo­men­to le­ga­re quel con­te­sto al­la «cu­rio­si­tà» di Gab­bia­di­ni per la cor­sa del sin­da­co di Ber­ga­mo, sa­reb­be an­co­ra az­zar­da­to. Lui ri­ba­di­sce che si trat­ta solo di un in­te­res­se di ca­rat­te­re pra­ti­co, con­cre­to. E Angelo Ca­pel­li pre­fe­ri­sce non scen­de­re nem­me­no nel me­ri­to: «Non co­no­sco le scel­te di Gab­bia­di­ni». In set­ti­ma­na lo stes­so consigliere re­gio­na­le ave­va pre­ci­sa­to che «non si po­ne un pro­ble­ma di un ri­po­si­zio­na­men­to in Lom­bar­dia. Ma an­che a li­vel­lo na­zio­na­le non si pos­so­no rin­ne­ga­re cin­que an­ni di go­ver­no con ri­sul­ta­ti im­por­tan­ti».

So­no mol­to in­cu­rio­si­to dal­la pro­po­sta di Go­ri per una al­ter­na­ti­va in Re­gio­ne. Sta por­tan­do avan­ti una po­li­ti­ca con­cre­ta, al di fuo­ri de­gli sche­mi par­ti­ti­ci

Ga­brie­le Gab­bia­di­ni

Sin­da­co di Pedrengo

Pri­mo cit­ta­di­no Ga­brie­le Gab­bia­di­ni am­mi­ni­stra Pedrengo dal 2009

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.