Ata­lan­ta Quel­la pas­sio­ne scrit­ta sul­la pel­le

Dal pro­fi­lo del­la Dea al­lo skyline di Cit­tà Al­ta: do­po la ca­val­ca­ta del­la scor­sa sta­gio­ne è boom di tatuaggi de­di­ca­ti ai ne­raz­zur­ri

Corriere della Sera (Bergamo) - - DA PRIMA PAGINA - Ti­ra­bo­schi

«Do­po un cam­pio­na­to co­me quel­lo scor­so, ho de­ci­so di ren­de­re la mia pas­sio­ne in­de­le­bi­le — mo­ti­va con fie­rez­za —. Tan­to più che, an­dan­do in va­can­za sul La­go di Gar­da, in pie­no ter­ri­to­rio bre­scia­no, que­st’esta­te è sta­ta una go­du­ria mo­stra­re il ta­tuag­gio con i ber­mu­da. I bre­scia­ni so­no mor­ti d’in­vi­dia». Quel­lo dei tatuaggi è un ul­te­rio­re spun­to me­ra­vi­glio­so che ri­flet­te, sul­la pel­le di chi lo fa, l’amo­re per l’Ata­lan­ta. Si può cam­bia­re opi­nio­ne, ca­sa, la­vo­ro, mo­glie e fi­dan­za­ta, ma la squa­dra del cuo­re, quel­la per cui si è co­min­cia­to a ti­fa­re fin da bam­bi­ni, che si è so­ste­nu­ta con­tro squa­dro­ni e sfot­tò, ri­ma­ne una pas­sio­ne che non si cam­bia. Che re­sta e che inor­go­gli­sce, rin­fran­ca nei mo­men­ti dif­fi­ci­li, e in­te­ne­ri­sce. Un sim­bo­lo di iden­ti­fi­ca­zio­ne, di ap­par­te­nen­za che un uo­mo non di­men­ti­ca mai. Da que­sto sen­ti­men­to al ta­tuag­gio, il pas­so è bre­ve. Fa­bio Fa­coet­ti, co­no­sciu­to nel mon­do tat­too con il so­pran­no­me di Ce­fa, ne sa qual­co­sa. «Ho il ne­go­zio in via Pi­gno­lo da 11 an­ni e l’Ata­lan­ta re­sta uno dei sog­get­ti più ri­chie­sti. Da un an­no a que­sta par­te mol­to di più ri­spet­to a pri­ma».

Un tat­too-dea, dun­que, get­to­na­tis­si­mo, ma che, nel cor­so del tem­po, sta evol­ven­do nel mo­ti­vo gra­fi­co. Il più clas­si­co — e ba­si­co — re­sta il pro­fi­lo del­la Dea (quel­lo sti­liz­za­to con i ca­pel­li al ven­to, per in­ten­der­ci) con l’im­man­ca­bi­le 1907, se­gui­to o com­po­sto ac­can­to al­lo skyline di Cit­tà Al­ta. Ac­can­to a que­sti due te­mi in­tra­mon­ta­bi­li si so­no svi­lup­pa­te in­fi­ni­te va­rian­ti. Pro­prio la pre­sen­za fem­mi­ni­le, la Dea è don­na, con­sen­te ai ta­tua­to­ri di dare li­be­ro sfo­go al­la fan­ta­sia e di mi­xa­re, su ele­men­ti ti­pi­ca­men­te fem­mi­ni­li, il se­gno del­la pas­sio­ne. Il ri­sul­ta­to fi­na­le è quel­lo di un pic­co­lo ca­po­la­vo­ro do­ve fio­ri, ca­pel­li e li­nea­men­ti si fon­do­no, rac­chiu­den­do i trat­ti del­lo stem­ma del­la squa­dra. Piac­cio­no sem­pre mol­to gli slo­gan: «You’ll ne­ver walk alo­ne», co­sì co­me l’in­ci­pit del co­ro: «Fin­ché vi­vrò…» e «Ovun­que an­drai non ti la­sce­rò mai». Co­sa che mol­te fi­dan­za­te si so­gna­no di sen­tir­si di­re.

In­so­spet­ta­bi­le Ghi­dot­ti, del Di­stret­to Ur­ba­no del Com­mer­cio, da lu­glio ha un ova­le ne­raz­zur­ro sul pol­pac­cio

Pas­sio­ne Al­cu­ni dei tatuaggi scol­pi­ti su pel­le dai ti­fo­si dell’Ata­lan­ta. So­pra a de­stra, il pol­pac­cio di Ro­ber­to Ghi­dot­ti, pre­si­den­te del Di­stret­to Ur­ba­no del Com­mer­cio, de­co­ra­to con il lo­go ova­le dei ne­raz­zur­ri. Tra i ta­tua­to­ri più at­ti­vi a Ber­ga­mo c’è Fa­bio Fa­coet­ti, in ar­te Ce­fa: «Ho il ne­go­zio in via Pi­gno­lo da 11 an­ni e da sem­pre l’Ata­lan­ta re­sta uno dei sog­get­ti più ama­ti. Ma nell’ul­ti­mo an­no ci so­no mol­te più ri­chie­ste»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.