Quat­tro giovani per la nuo­va Ita­lia

Corriere della Sera (Bergamo) - - DA PRIMA PAGINA - Ma­gri

Spi­naz­zo­la, Cal­da­ra, Cri­stan­te e Pe­ta­gna gli ata­lan­ti­ni su cui pun­ta­re.

In at­te­sa che la rab­bia sbol­li­sca, che i 60 mi­lio­ni di c.t. fi­ni­sca­no di sfo­gar­si sui so­cial e che ven­ga no­mi­na­to un nuo­vo al­le­na­to­re per l’Ita­lia esclu­sa dai Mon­dia­li dal­la Sve­zia, c’è una Na­zio­na­le da ri­co­strui­re. E da ri­pen­sa­re. A par­ti­re da­gli uo­mi­ni. Per­ché il pa­reg­gio a San Si­ro è sta­ta l’ul­ti­ma ga­ra per mol­ti se­na­to­ri: da Buffon a De Ros­si pas­san­do per Bar­za­gli. Agli az­zur­ri ser­ve una ri­vo­lu­zio­ne che po­treb­be as­so­mi­glia­re mol­to a quel­la mes­sa in pra­ti­ca da Ga­spe­ri­ni a Ber­ga­mo — lo ha cer­ti­fi­ca­to ie­ri an­che il mi­ni­stro del­lo Sport Lu­ca Lot­ti — e che ha per­mes­so all’Ata­lan­ta di ri­tor­na­re in Eu­ro­pa gio­can­do un bel cal­cio e lan­cian­do volti nuo­vi. Tra cui quat­tro ra­gaz­zi che po­treb­be­ro fa­re co­mo­do al­la Na­zio­na­le che sa­rà. Par­tia­mo da chi era nel grup­po del­la dé­bâ­cle, ma che il cam­po lo ha vi­sto dal­la tri­bu­na. Leo­nar­do Spi­naz­zo­la (che do­vrà sta­re fermo due set­ti­ma­ne per una le­sio­ne di pri­mo gra­do al fles­so­re) può es­se­re uti­le all’Ita­lia a pat­to di far­gli fa­re quel­lo per cui è por­ta­to: l’ester­no di cen­tro­cam­po. Poi c’è Mat­tia Cal­da­ra, l’ere­de di Bar­za­gli non so­lo nel­la Ju­ven­tus: il gi­gan­te di Scan­zo, tra le nuo­ve le­ve di di­fen­so­ri cen­tra­li, ha po­chi egua­li in Eu­ro­pa. Ha per­so­na­li­tà ed è di­li­gen­te. Di più, sem­bra che non smet­ta mai di mi­glio­ra­re. Quin­di c’è l’ex ta­len­to ros­so­ne­ro — che ha de­te­nu­to per an­ni il re­cord di più gio­va­ne esor­dien­te in Cham­pions Lea­gue — il qua­le è ri­na­to gra­zie al­le cu­re me­ti­co­lo­se del Ga­sp. Bryan Cri­stan­te (a un pas­so dall’es­se­re ri­scat­ta­to dal Ben­fi­ca per 4 mi­lio­ni) ha di re­cen­te tro­va­to la con­vo­ca­zio­ne in Na­zio­na­le e po­treb­be ri­tro­var­la an­co­ra. Gra­zie an­che al­la sua dut­ti­li­tà vi­sto che può gio­ca­re in un cen­tro­cam­po a due op­pu­re a tre ed è in gra­do di si­ste­mar­si sul­la tre­quar­ti. In­fi­ne An­drea Pe­ta­gna, at­tac­can­te uni­co nel pa­no­ra­ma del Bel­pae­se: fi­si­ca­to e tec­ni­co. Se co­min­cias­se an­che a far gol con più con­ti­nui­tà cer­ta­men­te il suo fu­tu­ro sa­rà tin­to di azzurro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.