Sta­tria­no è don Jo­sè: Che bel­lo sa­reb­be qui un fe­sti­val di dan­za

Corriere della Sera (Brescia) - - Cultura Tempo Libero - Ales­san­dra Tron­ca­na © RIPRODUZIONE RISERVATA

Cher­chez la fem­me. Don Jo­sè in­con­tra la sua Car­men in una sce­na che si svuo­ta tra un pas­so a due e un as­so­lo, fi­no a di­ven­ta­re scar­na, de­so­la­ta, vuo­ta: la man­gia­tri­ce di uo­mi­ni che il se­mi-dio del­la co­reo­gra­fia Ame­deo Ame­dei por­ta sta­se­ra al Vit­to­ria­le, per Te­ner-a-men­te (al­le 21.15), si muo­ve in una sce­no­gra­fia che, nel rac­con­to, si as­sot­ti­glia e ar­ri­va all’es­sen­za. Sfre­na­ta e im­mor­ta­le, da quan­do Bi­zet l’ha mes­sa sul­le pun­te, Car­men è ri­sor­ta mil­le vol­te: co­me eroi­na con co­pri­ca­po mo­na­ca­le, o spre­giu­di­ca­ta, in ogni ca­so fa­ta­le. Mi­che­le Sta­tria­no, bal­le­ri­no dell’Ope­ra di Ro­ma, è già sta­to Don Jo­sè: lo sa­rà an­co­ra tra qual­che ora. «È un ruo­lo sem­pre bel­lo, e Ali­ce Fi­ren­ze, con cui di­vi­do la sce­na, è una dan­za­tri­ce straor­di­na­ria». La sua Car­men, in pas­sa­to, è sta­ta Eleo­no­ra Ab­ba­gna­to: «Lei è un ani­ma­le da pal­co ma, no­no­stan­te il suo ca­ri­sma, ti tra­sci­na: in­fon­de mol­ta tran­quil­li­tà, ti met­te a suo agio. Ap­pe­na en­tra in sce­na, di­ven­ta una col­le­ga e una bal­le­ri­na nor­ma­lis­si­ma». Con la sua in­do­le da ge­ne­ra­les­sa e la sua cor­te dei mi­ra­co­li al se­gui­to, tra un de­but­to a Pa­ri­gi e una pri­ma se­ra­ta con Ma­ria De Fi­lip­pi, la di­vi­na è di­ven­ta­ta an­che di­ret­tri­ce dell’Ope­ra di Ro­ma, do­ve dan­za Sta­tria­no: «mez­za por­zio­ne di ca­via­le» (cit Va­le­rio Cap­pel­li: lo scris­se sul Cor­rie­re). «Con noi è sem­pre pre­sen­te: rie­sce a se­guir­ci an­che a di­stan­za, con il suo team. Fi­no­ra, ha fat­to un ot­ti­mo la­vo­ro, ci sta fa­cen­do cre­sce­re: ab­bia­mo l’op­por­tu­ni­tà di espri­mer­ci al me­glio su tan­ti pal­co­sce­ni­ci». Ha an­che sa­pu­to in­dur­re in ten­ta­zio­ne pa­rec­chi me­ce­na­ti in un Pae­se do­ve la dan­za non è lu­sin­ga­ta dal po­te­re co­me al­tre mu­se. «In Ita­lia, in que­sto pe­rio­do, ab­bia­mo bi­so­gno di qual­cu­no che cre­da nel bal­let­to: nes­su­no si fi­da a sov­ven­zio­nar­lo. La tv po­treb­be aiu­tar­ci, se tra­smet­tes­se bal­let­ti: la gen­te, al­tri­men­ti, non rie­sce ad ap­pas­sio­nar­si». Ab­ba­gna­to di­xit: «Mil­le vol­te mi so­no det­ta che sa­reb­be sta­to me­glio es­se­re quel­la die­tro». Il ra­gio­na­men­to non fa un plis­sé: es­se­re bra­vi a vol­te è una con­dan­na. «È ca­pi­ta­to an­che a me di pen­sar­lo: a ogni spet­ta­co­lo vuoi su­pe­rar­ti, sei sem­pre da­van­ti al­lo spec­chio a giu­di­car­ti e a far­ti giu­di­ca­re. Per for­tu­na, ho sem­pre per­so­ne com­pe­ten­ti, che non han­no di­strut­to i miei so­gni e quel­li de­gli al­tri». Sta­tria­no è re­ci­di­vo: ha già su­bì­to il fa­sci­no del Va­te l’an­no scor­so. «È la se­con­da vol­ta che dan­zo qui, per Te­ner-a-men­te: sa­reb­be bel­lo far­ci un fe­sti­val di dan­za che du­ri una set­ti­ma­na».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.