Sul la­go di Gar­da le vec­chie vil­le ri­fat­te in clas­se A

Corriere della Sera (Brescia) - - Primo Piano -

Sul Gar­da, il mer­ca­to non è an­co­ra tor­na­to quel­lo di una vol­ta. E se un fi­lo di no­stal­gia ri­ma­ne nel­le pa­ro­le de­gli im­mo­bi­lia­ri­sti, è pur ve­ro che a pre­va­le­re è l’ot­ti­mi­smo di chi ha vi­sto ri­par­ti­re le com­pra­ven­di­te, con il mol­ti­pli­car­si di de­mo­li­zio­ni di vecchi im­mo­bi­li e la ri­co­stru­zio­ne di vil­le di qua­li­tà: «il mer­ca­to è leg­ger­men­te de­pres­so – sin­te­tiz­za Pie­tro Avan­zi coor­di­na­to­re del Bor­si­no Im­mo­bi­lia­re – ma sul Be­na­co c’è mo­vi­men­to, so­prat­tut­to per gli edi­fi­ci di pre­gio». E i prez­zi? An­che qui so­no sce­si, no­no­stan­te l’area sia ri­no­ma­ta. Il mo­ti­vo è pre­sto det­to: con il di­vie­to di co­strui­re su ter­re­no ver­gi­ne e gli in­cen­ti­vi fi­sca­li age­vo­li, in mol­ti stan­no com­pran­do abi­ta­zio­ni rea­liz­za­te tra gli an­ni ‘50 e ‘70, per de­mo­lir­le. «Por­ta­re un edi­fi­cio con clas­se ener­ge­ti­ca G in clas­se Bo A è mol­to com­ples­so, se non im­pos­si­bi­le», con­fer­ma Avan­zi: ec­co per­ché si mol­ti­pli­ca la de­mo­li­zio­ne di ca­se che è me­glio ri­co­strui­re ex no­vo. I prez­zi, lo­gi­ca­men­te, scen­do­no: con­ta più il ter­re­no (e ma­ga­ri la vi­sta la­go) piut­to­sto che l’im­mo­bi­le in sé, de­sti­na­to a ca­de­re co­me un ru­de­re. Che pe­rò – que­sto è il Gar­da – ri­na­sce co­me la Fenice, bril­lan­te ed eco­no­mi­co (par­lan­do di ri­scal­da­men­to). Avan­zi, che ha an­che una so­cie­tà im­mo­bi­lia­re a Sa­lò, no­ta che il mat­to­ne sta pian pia­no tor­nan­do a es­se­re per­ce­pi­to co­me un in­ve­sti­men­to: «è un mo­men­to fa­vo­re­vo­le, vi­sti i tas­si d’in­te­res­se». E chi com­pra? Sia gli ita­lia­ni («era­no mol­to ca­la­ti») sia i te­de­schi, ma so­no «due clien­te­le con gu­sti di­ver­si». La Mit­te­leu­ro­pa cer­ca la tran­quil­li­tà e spes­so ca­se di pre­gio, an­che se lon­ta­ne dal cen­tro. Gli ita­lia­ni, invece, pre­di­li­go­no luo­ghi più ac­ces­si­bi­li, con il lun­go­la­go e i ne­go­zi vi­ci­ni: «ma­ga­ri spen­do­no me­no – ri­le­va Avan­zi –, ma vo­glio­no so­lu­zio­ni abi­ta­ti­ve più co­mo­de». (m.tr.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.