Pir­lo sen­za ugua­li, la­scia sen­za rim­pian­ti

Corriere della Sera (Brescia) - - Cronaca Di Brescia - Co­stan­zo.gat­ta@li­be­ro.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

Ab­bia­mo let­to dei fat­ti at­tri­bui­ti al pro­fes­sor Clau­dio Mu­ne­ret­to, non ne co­no­scia­mo i det­ta­gli e non siamo in gra­do di giu­di­car­li. Vo­glia­mo, pe­rò, rac­con­ta­re la no­stra espe­rien­za. Qual­che de­ci­na di an­ni fa il Pro­fes­so­re pren­de­va in cu­ra mio pa­dre, 80 an­ni, che pre­sen­ta­va una gra­ve pa­to­lo­gia car­dia­ca che lo ave­va por­ta­to ad un pri­mo intervento di By-Pass aor­to-cor­na­ri­co quan­do ave­va cir­ca ses­sant’an­ni. A Mi­la­no non gli ave­va­no da­to al­cu­na spe­ran­za di una vi­ta nor­ma­le an­che in ra­gio­ne dell’età: avreb­be do­vu­to “ac­con­ten­tar­si” di una vi­ta sul­la pol­tro­na. Il pro­fes­so­re Mu­ne­ret­to de­ci­se, in­ve­ce,di ope­rar­lo. L’ope­ra­zio­ne fu in­no­va­ti­va e tut­to an­dò co­sì be­ne che mio pa­dre ad­di­rit­tu­ra po­te­va fa­re an­che giar­di­nag­gio. Ma non fu so­lo il suc­ces­so dell’ope­ra­zio­ne, che ci col­pi­va del Pro­fes­so­re Mu­ne­ret­to, ma la Sua uma­ni­tà e se­rie­tà nell’esa­mi­na­re un ca­so «di­spe­ra­to». An­che in cor­sia, du­ran­te il pe­rio­do di de­gen­za, lo si ve­de­va sem­pre at­ten­to ai pro­pri pa­zien­ti e ai me­di­ci del suo staff. No­stro pa­dre ter­mi­na­va i suoi gior­ni a 92 an­ni, ma quel­lo che sor­pren­de­va i me­di­ci, nel­la lun­ga ago­nia, fu pro­prio il cuo­re. Quel cuo­re che da “ba­rac­ca”, co­me lo de­fi­ni­va un me­di­co pri­ma del pro­fes­so­re Mu­ne­ret­to, era di­ven­ta­ta una roc­cia che non ces­sa­va di bat­te­re no­no­stan­te la ma­lat­tia. Vi la­scia­mo quin­di il no­stro ri­cor­do di un me­di­co che ri­te­ne­va­mo e ri­te­nia­mo ec­ce­zio­na­le, co­me in più oc­ca­sio­ni di­mo­stra­to, ed è ben lon­ta­no da quel­lo che è emer­so dal ca­so let­to sui gior­na­li.

Il pri­mo omag­gio è per An­drea Pir­lo, che a 38 ami at­tac­ca le scar­pet­te al chio­do tor­na in pa­tria,sen­za pen­sa­re per ora a che co­sa fa­rà do­ma­ni. Un ap­plau­so da tut­ti gli ap­pas­sio­na­ti di cal­cio, da chi lo am­mi­ra­to nel­la sua im­pres­sio­nan­te car­rie­ra. Da ami­co dei ca­ni re­ga­lo un bell’8 ai vi­gi­li del fuo­co di Or­zi­nuo­vi che hanno tol­to da mor­te cer­ta a Roc­ca­fran­ca un mi­nu­sco­lo ca­gno­li­no in­fi­la­to­si due me­tri sot­to­ter­ra in una ta­na di tas­so. Un bel vo­to all’ot­tan­ten­ne che ha rior­di­na­to tut­ti i do­cu­men­ti an­ti­chi del­la par­roc­chia­le e fi­ni­to il la­vo­ro se ne è an­da­to in pen­sio­ne. Ve­ra­men­te elo­gia­bi­li so­no i due gio­va­ni con­cit­ta­di­ni che hanno in­ven­ta­to un mar­chin­ge­gno che per­met­te a un viag­gia­to­re di dor­mi­re in tre­no, si­cu­ro d’es­se­re sve­glia­to po­co pri­ma dell’ar­ri­vo nel­la sta­zio­ne d’ar­ri­vo Bra­vis­si­mi. Quan­to al gio­va­ne acro­ba­ta che non ha fat­to nien­te di ma­le ma che s’è ar­ram­pi­ca­to su una pian­ta sen­za es­ser più ca­pa­ce di scen­de­re un bel quat­tro in gin­na­sti­ca.

Sal­vo un ca­ne Bra­vis­si­mi i vi­gi­li del fuo­co di Or­zi­nuo­vi. Hanno sal­va­to un ca­gno­li­no fi­ni­to in una ta­na sot­ter­ra­nea men­tre sca­va­va al­la ri­cer­ca di un tas­so, di cui ave­va pro­ba­bil­men­te sen­ti­to l’odo­re. Al­tri ave­va­no ge­ne­ro­sa­men­te ten­ta­to inu­til­men­te. Bra­vis­si­mi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.