Silvano Ago­sti bio­gra­fo del ‘68

Corriere della Sera (Brescia) - - Cronaca Di Brescia - di Ti­no Bi­no

In mol­ti ci van­no pro­van­do a ce­le­bra­re o ri­cor­da­re il ’68, cer­can­do­ne un ato­mo di ve­ri­tà. Sa­pen­do, co­me scris­se un fran­ce­se, che «per gli uo­mi­ni la mor­te di una ve­ri­tà è una for­tu­na. Bi­so­gna di­men­ti­car­la la ve­ri­tà, di­ce­va, pri­ma che di­ven­ti stan­ca, da­ta­ta, fa­sti­dio­sa». Silvano Ago­sti, re­gi­sta bre­scia­no, ha pre­sen­ta­to nei gior­ni scor­si al fe­sti­val di Lo­car­no il suo: «Ora e sem­pre-ri­pren­dia­mo­ci la vi­ta», il film di uno che il ’68 lo ha vis­su­to,da mi­li­tan­te. «Mi­li­tan­te», Ago­sti, è sta­to in tut­te le vi­cen­de del­la sua vi­ta. Per que­sto «gi­ra» sen­za trou­pe. Per pri­mo ha do­cu­men­ta­to «Bre­scia 74: stra­ge di in­no­cen­ti». E per sot­to­li­nea­re il suo le­ga­me con la no­stra cit­tà, ba­ste­reb­be ri­cor­da­re che Ago­sti è sta­to il pro­dut­to­re di «Pia­ne­ta az­zur­ro»,il ce­le­bre fim di Pia­vo­li. Non riu­scen­do a «ven­der­lo» ad al­cu­ne sa­le ro­ma­ne, Ago­sti lo pro­iet­te­rà per an­ni in un lo­ca­le che ri­le­va in pro­prio ed a cui da il no­me «Ci­ne­ma Az­zur­ro Sci­pio­ni». Ago­sti ha la­vo­ra­to con il me­glio del­la cul­tu­ra ci­ne­ma­to­gra­fi­ca ita­lia­na, ma sem­pre co­me un «ca­po in­dia­no». Man­te­nen­do una au­to­no­mia di giu­di­zio,di pen­sie­ro. Tan­ti lun­go­me­trag­gi, mil­le do­cu­men­ta­ri, mol­ti li­bri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.