“BA­STA DRAM­MI: ORA VO­GLIO DI­VER­TI­RE”

“Cer­ti trau­mi non si su­pe­ra­no: ci si può sol­tan­to con­vi­ve­re”. Char­lot­te Gain­sbourg al­lu­de al per­so­nag­gio nel nuo­vo flm di Wim Wen­ders, ma an­che al­la sua tra­ge­dia per­so­na­le. E an­nun­cia la svol­ta: “Leg­ge­rez­za non è su­per­f­cia­li­tà”

Corriere della Sera - Io Donna - - Cover Story - di An­drea D’Ad­dio, fo­to di Ka­rim Sad­li

Char­lot­te gain­sbourg ti met­te su­bi­to a tuo agio. Non è truc­ca­ta, nean­che un flo di ros­set­to, o al­me­no co­sì sem­bra. Sei tu il suo cen­tro d’at­ten­zio­ne. Ti sorride fn dal pri­mo “Good Mor­ning”, il suo sguar­do è fs­so sui tuoi oc­chi e so­lo do­po che ti sei pre­sen­ta­to co­min­cia a stu­dia­re l’am­bien­te in­tor­no. C’è un di­va­no avana in sti­le ba­roc­co die­tro di noi, ti vie­ne da pen­sa­re che for­se sa­reb­be più co­mo­do, ma lei pre­fe­ri­sce ran­nic­chiar­si sul­la se­dia, gi­noc­chia stret­te al bu­sto. Sta­rà co­sì per tut­ta l’in­ter­vi­sta. For­se è in­fred­do­li­ta, do­po­tut­to, ol­tre ai jeans, in­dos­sa un ma­glio­ne di la­na a lar­ghe stri­sce blu e bor­deaux a dol­ce­vi­ta, o for­se è una po­si­zio­ne da ti­mi­da, da chi ha pau­ra a la­sciar­si an­da­re. Da quan­do l’11 di­cem­bre 2013 ha per­so Ka­te Bar­ry, so­rel­la per par­te di ma­dre (la ce­le­bre at­tri­ce e can­tan­te Ja­ne Bir­kin), get­ta­ta­si dal quar­to pia­no del­la sua ca­sa a Parigi, Char­lot­te - ora 44en­ne - ha co­min­cia­to una nuo­va fa­se del­la sua vi­ta tra­sfe­ren­do­si, con il com­pa­gno (l’at­to­re e re­gi­sta Yvan At­tal) e i tre fgli (18, 13 e 4 an­ni), dal­la ca­pi­ta­le fran­ce­se a New York. Qui non ci so­no ri­cor­di e nes­su­no la fer­ma per stra­da per com­pli­men­tar­si o par­la­re dei suoi ge­ni­to­ri: «Non sof­fro la lo­ro po­po­la­ri­tà, so­no fe­ra di es­ser­ne fglia, an­che se a vol­te, quan­do tor­no a ca­sa do­po aver par­la­to tut­to il gior­no di mio pa­dre Ser­ge, il pen­sie­ro che lui non ci sia più si ac­com­pa­gna sem­pre ad un ve­lo di ma­lin­co­nia ». Il lutto, o me­glio, la sua ela­bo­ra­zio­ne ri­guar­da an­che Ka­te, il per­so­nag­gio che in­ter­pre­ta in Ri­tor­no al­la vi­ta di Wim Wen­ders, dal 24 set­tem­bre nel­le sa­le ita­lia­ne: una ma­dre sin­gle cui muo­re un fglio in un in­ci­den­te cau­sa­to (non per sua col­pa) da un gio­va­ne scrit­to­re, To­mas ( Ja­mes Fran­co). A en­tram­bi ci vor­ran­no an­ni per po­ter­si to­tal­men­te ri­pren­de­re. Nel frat­tem­po per lei ci sa­ran­no nuo­vi amo­ri, la­vo­ri, pro­ble­mi, pa­ro­le, sen­ti­men­ti e ri­sen­ti­men­ti. «Co­me già in­di­ca il ti­to­lo, più una fa­vo­la che un dram­ma » spie­ga Wim Wen­ders, « uno splen­di­do rac­con­to che mi ha toc­ca­to nel pro­fon­do». La Gain­sbourg, in­ve­ce, ini­zia rac­con­tan­do co­me ab­bia ap­proc­cia­to di­ver­sa­men­te la sto­ria ri­spet­to a quan­to ac­cad­de con An­ti­chri­st di Lars von Trier (2009), al­tra pel­li­co­la in cui af­fron­ta­va la mor­te di un fglio. «Per re­ci­ta­re ho bi­so­gno di ca­pi­re e per ca­pi­re uso sem­pre tut­ta me stes­sa. E io, da al­lo­ra, so­no cam­bia­ta ».

Ho co­no­sciu­to Yvan quan­do ave­vo 19 an­ni. Non mi an­no­ia mai e la na­sci­ta del no­stro ter­zo fi­glio ci ha fat­to be­ne

Co­sa ha ca­pi­to in­ter­pre­tan­do Ka­te?

Mi so­no con­vin­ta che cer­ti trau­mi non si su­pe­ra­no mai, che sia pos­si­bi­le sol­tan­to con­vi­ver­ci. Per an­da­re avan­ti bi­so­gna tro­va­re un nuo­vo equi­li­brio che li ten­ga in con­si­de­ra­zio­ne.

Ci­ne­ma co­me te­ra­pia?

A vol­te sì. Sul set do tut­ta me stes­sa. Se pian­go, pian­go ve­ra­men­te. Poi, per for­tu­na, fi­ni­to un ruo­lo non me lo por­to die­tro. Vi­vo il tut­to co­me una sor­ta di li­be­ra­zio­ne.

È una ma­dre ap­pren­si­va?

Cam­bio a se­con­da dell’età dei ra­gaz­zi... A Ben, che ora ha 18 an­ni, la­scio i suoi spa­zi: so be­ne che so­no pro­prio le espe­rien­ze che ora fa­rà lon­ta­no da me e dal pa­pà che lo aiu­te­ran­no a cre­sce­re e gli per­met­te­ran­no di ca­pi­re chi vuo­le es­se­re dav­ve­ro. Cer­to, non mi al­lon­ta­no mai ol­tre una cer­ta di­stan­za, quel mi­ni­mo che mi per­met­te di in­ter­ve­ni­re sem­mai ce ne fos­se bi­so­gno.

E i suoi ge­ni­to­ri com’era­no?

Mi han­no da­to tan­to, non era­no pe­rò ge­ni­to­ri tra­di­zio­na­li, il lo­ro è sta­to un rap­por­to piut­to­sto mo­vi­men­ta­to, ma a noi fi­gli non è mai man­ca­to l’amo­re.

La sua re­la­zio­ne ul­tra­ven­ten­na­le con Yvan At­tal (si so­no co­no­sciu­ti nel 1990 du­ran­te la la­vo­ra­zio­ne del film Aux yeux du mon­de) ap­pa­re co­me una sor­ta di con­trap­pas­so ri­spet­to al­la lo­ro sto­ria… E di­re che nac­que tut­to da un in­vi­to a ce­na... Io ave­vo 19 an­ni, lui 24. Ci vuo­le an­che pa­rec­chio im­pe­gno. La na­sci­ta del no­stro ter­zo fi­glio, quat­tro an­ni fa, ci ha fat­to be­ne, con Yvan scher­zo e ho sem­pre splen­di­de con­ver­sa­zio­ni. Non mi an­no­ia mai.

Co­sa le han­no det­to i suoi fi­gli do­po che ha in­ter­pre­ta­to lo “scan­da­lo­so” Nym­pho­ma­niac di von Trier? Sul fi lm nul­la, non l’han­no vi­sto, ma a Ben a scuo­la han­no fat­to qual­che bat­tu­ta. Lui, per for­tu­na, sa be­ne che era so­lo “ci­ne­ma”.

È sot­to i ri­flet­to­ri da quan­do è na­ta. A 13 an­ni il pri­mo film, a quin­di­ci il Pre­mio Cé­sar, l’Oscar fran­ce­se: ha mai pen­sa­to a una vi­ta lon­ta­na dal­lo spet­ta­co­lo?

È sta­to un per­cor­so mol­to na­tu­ra­le, non ho mai de­ci­so di fa­re l’at­tri­ce o la can­tan­te, è ve­nu­to da sé: so­no sta­ta spin­ta più dal­la cu­rio­si­tà di sco­pri­re in pri­ma per­so­na quel mon­do che mi sta­va con­ti­nua­men­te in­tor­no, che da un per­cor­so scel­to con­scia­men­te. Pen­so pe­rò di aver fat­to la co­sa giu­sta per me. Qual­che an­no fa ho avu­to un brut­to in­ci­den­te (una ca­du­ta fa­cen­do sci d’ac­qua, con con­se­guen­te emor­ra­gia ce­re­bra­le e ope­ra­zio­ne d’ur­gen­za, nel 2007, ndr), per al­cu­ne set­ti­ma­ne non mi so­no mos­sa dal let­to, ma ap­pe­na pos­si­bi­le mi so­no ri­but­ta­ta nel ci­ne­ma, ho pas­sa­to buo­na par­te dei me­si suc­ces­si­vi sul set.

Co­me vi­ve il rap­por­to con la po­po­la­ri­tà?

Lo con­fes­so: non mi di­spia­ce­reb­be l’ano­ni­ma­to. C’è una bel­la fra­se di Ke­rouac che ho ri­let­to qual­che set­ti­ma­na fa in Sul­la stra­da: “L’ano­ni­ma­to nel mon­do de­gli uo­mi­ni è me­glio del­la fa­ma in cie­lo”. Sap­pia­mo che sta gi­ran­do an­che il se­quel di In­de­pen­den­ce Day: non l’avrem­mo mai im­ma­gi­na­ta ac­cet­ta­re una par­te in un film di fan­ta­scien­za.

In real­tà an­che Me­lan­cho­lia (sem­pre di von Trier, ndr) lo era. Pe­rò, è ve­ro, è tut­to un al­tro ti­po di sto­ria. Ogni tan­to mi pia­ce an­che in­trat­te­ne­re. Wim ha di­chia­ra­to che mi ha scel­to per Ri­tor­no al­la vi­ta do­po aver vi­sto la lo­can­di­na di un fi lm in cui sor­ri­de­vo, Tre cuo­ri di Be­noît Jac­quot. Mi pia­ce l’idea di di­ver­ti­re e fa­re ri­de­re. Va be­ne la leg­ge­rez­za, ciò che non mi pia­ce è la su­per­fi­cia­li­tà. Al ci­ne­ma, co­me nel­la vi­ta. •

Char­lot­te Gain­sbourg e Ja­mes Fran­co in Ri­tor­no al­la vi­ta di Wim Wen­ders.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.