“AMO GLI STRIP TEA­SE (SE NON LI FA MIO MA­RI­TO)”

“Will è trop­po bur­lo­ne, men­tre sul set di Ma­gic Mi­ke XXL spia­vo i col­le­ghi” scher­za Ja­da Pin­kett Smi­th. Ma sot­to sot­to af­fron­ta un te­ma se­rio: “Tol­le­ria­mo la vio­len­za e ci scan­da­liz­zia­mo per un aspet­to vi­ta­le co­me il ses­so. L’in­ti­mi­tà spa­ven­ta più del s

Corriere della Sera - Io Donna - - Attrici Toste - Di An­na Ma­ria Spe­ro­ni, fo­to di Brian Bo­wen Smi­th

Piut­to­sto che una ric­ca si­gno­ra del­lo sho­w­biz, Ja­da Pin­kett Smi­th sem­bra un po’ un co­w­boy. Non per l’ab­bi­glia­men­to - an­zi è mol­to fem­mi­ni­le la ca­mi­cia leg­ge­ra con vo­lant su pan­ta­lo­ni ade­ren­ti e tac­chi al­tis­si­mi - ma per i mo­di: sta se­du­ta a gam­be lar­ghe pie­ga­ta in avan­ti con le ma­ni ap­pog­gia­te sul­le gi­noc­chia, ha una ri­sa­ta spes­sa, ti pun­ta il di­to con­tro quan­do par­la - e lo fa con una vo­ce in­so­li­ta­men­te po­ten­te per es­se­re pro­dot­ta da una spe­cie di Cam­pa­nel­li­no al­ta 1,52. For­se per que­sto Chan­ning Ta­tum, pro­ta­go­ni­sta e pro­dut­to­re di Ma­gic Mi­ke, l’ha vo­lu­ta nel se­quel Ma­gic Mi­ke XXL (al ci­ne­ma dal 24 set­tem­bre) per un ruo­lo all’ini­zio pen­sa­to per un uo­mo: ol­tre al fa­sci­no, una cer­ta du­rez­za. La stes­sa che le per­met­te di far­si sci­vo­la­re ad­dos­so le vo­ci di di­vor­zio dal ma­ri­to Will Smi­th che la in­se­guo­no or­mai da an­ni, per esem­pio. Han­no spes­so di­chia­ra­to di es­se­re una cop­pia aper­ta (an­zi «adul­ta», ama­no di­re lo­ro), ma in que­sti ul­ti­mi tem­pi pa­re che l’uni­ca ra­gio­ne che li tie­ne in­sie­me sia il pa­tri­mo­nio con­di­vi­so di 240 mi­lio­ni di dol­la­ri. L’in­te­ra fa­mi­glia, ami­ca de­gli Oba­ma, è una mac­chi­na da sol­di: lui gra­zie a flm di suc­ces­so co­me i tre Men in Black, in­ter­pre­ta­ti e pro­dot­ti, Ja­da gra­zie ad al­cu­ne se­rie tv di cui è sta­ta pro­dut­to­re ese­cu­ti­vo ( All of Us, Ha­w­thor­ne) o che ha in­ter­pre­ta­to ( Go­tham). Il fglio Ja­den, at­to­re e rap­per og­gi 17en­ne, a 12 an­ni è sta­to il bam­bi­no più pa­ga­to di Hol­ly­wood gra­zie al re­ma­ke di The

Ka­ra­te Kid. La fglia Wil­low, at­tri­ce, rap­per, a 14 an­ni è già con­si­de­ra­ta una fa­shion icon (que­stio­ne di gu­sti). Un flm con Chan­ning Ta­tum, Joe Man­ga­niel­lo, Ke­vin Na­sh, Adam Ro­dri­guez, Matt Bo­mer: le ami­che l’avran­no in­vi­dia­ta. Vo­le­va­no ve­ni­re sul set, “de­vi dir­mi quan­do bal­la­no”. Ma io non sa­pe­vo mai qual era il mo­men­to esat­to.

Si è di­ver­ti­ta?

Mol­tis­si­mo, non ho per­so nean­che un gior­no e cer­ca­vo di ave­re sem­pre il pun­to di vi­sta mi­glio­re. Ero l’uni­ca don­na, me ne sta­vo lì a spia­re co­me una mo­sca sul mu­ro. La par­te più di­ver­ten­te era ve­de­re i ra­gaz­zi quan­do ar­ri­va­va­no mo­gli e fdan­za­te. Su­bi­to si fa­ce­va­no se­ri.

Suo ma­ri­to era ge­lo­so?

Do­po vent’an­ni di ma­tri­mo­nio pen­sa che ci sia spa­zio per la ge­lo­sia?

Will Smi­th ha mai fat­to uno strip tea­se per lei?

Will è un gran bur­lo­ne. Lo ha fat­to, ma non per es­se­re se­xy. Lui scher­za e gio­ca tut­to il gior­no.

Che co­sa l’ha con­vin­ta ad ac­cet­ta­re la par­te?

Il fat­to che fos­se sta­ta scrit­ta per un uo­mo; e poi mi pia­ce­va l’idea di po­ter par­la­re di strip, ec­ci­ta­zio­ne e ses­so in mo­do di­ver­ten­te. Il mio per­so­nag­gio Ja­da Pin­kett, 44 an­ni. Mo­glie di Will Smi­th dal 1997, da lui ha avu­to due fgli: Ja­den, og­gi di­cias­set­ten­ne, e Wil­low, 14, en­tram­bi at­to­ri e rap­per.

è pro­prie­ta­rio di un lo­ca­le do­ve uo­mi­ni e don­ne pos­so­no di­ver­tir­si e sfo­ga­re le lo­ro ener­gie ses­sua­li in mo­do re­spon­sa­bi­le.

Una don­na che si spo­glia su un pal­co vie­ne mal giu­di­ca­ta, se a spo­gliar­si è un uo­mo di­ven­ta una sim­pa­ti­ca sto­ria per Hol­ly­wood.

Lo strip ma­schi­le è mol­to più ac­cet­ta­bi­le per­ché la ses­sua­li­tà ma­schi­le lo è. Un uo­mo può ave­re le don­ne che vuo­le, se lo fa una don­na è una pro­sti­tu­ta, sto­ria vec­chia. È il no­stro at­teg­gia­men­to ver­so la ses­sua­li­tà a do­ver cam­bia­re, e cre­do che fi lm co­me Ma

gic Mi­ke o 50 sfu­ma­tu­re ab­bia­no al­me­no il pre­gio di da­re ini­zio a una di­scus­sio­ne one­sta su co­me con­si­de­ria­mo il no­stro cor­po, su co­me giu­di­chia­mo chi de­ci­de di far­ne un cer­to uso. L’im­por­tan­te è non la­sciar­si sfrut­ta­re: puoi ave­re il con­trol­lo, se vuoi ven­der­ti per de­na­ro. Non che sia d’ac­cor­do con l’idea, ma non sa­rò cer­to io a di­re al­le don­ne che co­sa de­ci­de­re, so­no co­sì stan­ca di tut­ta quel­la gen­te che lo fa.

Sua fi­glia è can­tan­te e mo­del­la. Nean­che a lei di­ce qual­co­sa per evi­ta­re che di­ven­ti una Mi­ley Cy­rus?

L’uni­ca co­sa che le di­co è: non fa­re nien­te per cui non riu­sci­re­sti a guar­dar­ti al­lo spec­chio. De­ci­de­rà lei. L’im­por­tan­te è che si sen­ta be­ne e sia or­go­glio­sa di sé. Ogni gio­va­ne don­na sa che c’è un per­cor­so più o me­no ac­ci­den­ta­to per ar­ri­va­re a una cer­ta sag­gez­za. Mi­ley Cy­rus? Se fos­si là fuo­ri tut­to il gior­no, fa­mo­sa, sul pal­co, su Twit­ter, su In­sta­gram, con­sa­pe­vo­le del mio po­te­re, be’ ra­gaz­zi, chi non fa­reb­be paz­zie? Wil­low è sul­la ret­ta via, per ora, pe­rò avrà i suoi mo­men­ti com­pli­ca­ti. E sa­rà ana­liz­za­ta al mi­cro­sco­pio, es­sen­do da sem­pre sot­to i ri­flet­to­ri.

Sem­bra una ma­dre com­pren­si­va.

Fa­re i ge­ni­to­ri è la par­te più dif­fi­ci­le. Ci pro­via­mo, io e Will. Ab­bia­mo il gran­de esem­pio dei no­stri. Mia ma­dre, no­no­stan­te la sua sto­ria com­pli­ca­ta (è di­ven­ta­ta mam­ma mol­to gio­va­ne, ha avu­to pro­ble­mi di dro­ga), mi ha sem­pre ap­prez­za­to co­sì com’ero. Se vo­le­vo tin­ger­mi i ca­pel­li di vio­la li tin­ge­vo, se vo­le­vo por­ta­re scar­pe stra­ne le por­ta­vo (or­ri­bi­li, a pen­sar­ci ades­so). Si pre­oc­cu­pa­va so­lo che ri­ma­nes­si in vi­ta, per il re­sto sta­va fuo­ri dal­la mia stra­da. Ma se mi ve­de­va in si­tua­zio­ni pe­ri­co­lo­se ci ri­sal­ta­va den­tro per di­re no: “O smet­ti di com­por­tar­ti co­sì o vai al col­le­ge! Ti pre­pa­ro le va­li­gie, ti por­to in Nor­th Ca­ro­li­na e ti fac­cio scen­de­re dall’au­to a cal­ci”. To­ni un po’ da gang­ster, ma mi ha sal­va­to la vi­ta, nei mo­men­ti cri­ti­ci ar­ri­va­va co­me un tuo­no. È quel che cer­co di fa­re con i miei fi­gli, in­ter­ve­ni­re so­lo nel­le dif­fi­col­tà. A par­te que­sto la­scio che se­gua­no la lo­ro stra­da.

E suo fi­glio Ja­den? Gli ha in­se­gna­to a non ave­re pre­giu­di­zi sul­le don­ne?

I fi­gli fan­no quel­lo che fai tu. Il lo­ro pa­dre ha gran­de ri­spet­to per le don­ne: per me, per la sua ex mo­glie, per la ma­dre, per la so­rel­la. Se un ra­gaz­zo vi­ve tut­to que­sto, sa­rà ri­spet­to­so. En­tram­bi i miei fi­gli lo so­no e ne so­no fie­ra.

Li por­te­rà a ve­de­re

Ma­gic Mi­ke XXL? Pen­so di sì. C’è tal­men­te tan­ta vio­len­za nel­la real­tà e al ci­ne­ma, ma poi sia­mo ri­gi­di su­gli aspet­ti più bel­li del­la vi­ta, sen­sua­li­tà e amo­re. La vio­len­za nei fi lm è mol­to più tol­le­ra­ta del ses­so. For­se per­ché l’in­ti­mi­tà, la vi­ci­nan­za, la vul­ne­ra­bi­li­tà spa­ven­ta­no più del san­gue che schiz­za.

Sem­bra mol­to si­cu­ra. Da do­ve vie­ne tan­ta fi­du­cia in se stes­sa?

Da mia non­na, cre­do, che mi ha in­cul­ca­to fin da pic­co­la buo­ni prin­ci­pi. Mi di­ce­va sem­pre: “Non c’è nien­te che non puoi fa­re Ja­da”, e io le cre­de­vo. Mi han­no per­mes­so di es­se­re chi ero, lei e mia ma­dre. Quin­di quan­do ho co­min­cia­to la mia vi­ta da adul­ta ero già mol­to for­te. Al­tri­men­ti non sa­rei mai po­tu­ta an­da­re a 18 an­ni a Los An­ge­les e so­prav­vi­ve­re... •

Mia non­na mi ha in­cul­ca­to fin da pic­co­la buo­ni prin­ci­pi. Mi ri­pe­te­va: “Non c’è nien­te che tu non pos­sa fa­re”. E co­sì ho sem­pre avu­to fi­du­cia in me stes­sa

Ja­da, Chan­ning Ta­tum e gli al­tri spo­glia­rel­li­sti di Ma­gic Mi­ke XXL.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.